Stellantis rallenta i lavori nello stabilimento di Melffi in Italia per l’esaurimento delle patatine

MILANO (Reuters) – Il deterioramento delle condizioni di fornitura di microchip causato dall’invasione russa dell’Ucraina spingerà la casa automobilistica Stylantis a rallentare le operazioni nel suo stabilimento principale di Melfi, in Italia, il prossimo mese, hanno detto i sindacati martedì.

L’Ucraina è un importante esportatore di gas neon, necessario per produrre chip per auto già rari, mentre l’invasione di Mosca sta interrompendo anche le rotte di trasporto.

“L’azienda ha chiarito che… nelle ultime settimane, la tragica situazione della guerra tra Russia e Ucraina, con queste regioni come i principali produttori di materie prime per la produzione di patatine, rende sempre più efficace ogni tipo di pianificazione della produzione più difficile”, hanno affermato i sindacati dei metalmeccanici in una dichiarazione congiunta dopo il loro incontro con l’azienda.

Di conseguenza, dal 4 aprile, i turni di produzione settimanali saranno ridotti a 15 da 17, risultando in circa 1.500 lavoratori al giorno, secondo i sindacati.

La società ha rifiutato di commentare.

Lo stabilimento di Melfi nel sud Italia, dove Stellantis produce veicoli tra cui i modelli Compass e Renegade Jeep, ha ripreso a funzionare questa settimana dopo un licenziamento di 10 giorni che ha colpito tutti i suoi oltre 7.000 lavoratori, tra una carenza globale di chip e le proteste dei camionisti.

(Reportage di Giulio Biovacari; Montaggio di Stephen Geox e Keith Weir)

READ  L'Italia affronta una dura gara per il primo lavoro del fondo di salvataggio europeo - Politico

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x