Szijjártó: La cooperazione tra Ungheria e Italia è importante nei settori della sicurezza, dell'economia e dell'energia

Szijjártó: La cooperazione tra Ungheria e Italia è importante nei settori della sicurezza, dell'economia e dell'energia

L'Ungheria e l'Italia mantengono già una significativa cooperazione nei settori della sicurezza e dell'economia, mentre lo sviluppo della cooperazione nel campo dell'energia aggiungerà un'altra dimensione alle relazioni esistenti, ha detto mercoledì a Roma il Ministro degli Esteri.

Il Ministero ha citato Peter Szijjarto che, dopo il colloquio con il suo omologo italiano Antonio Tajani, ha affermato che l'Italia non ha mai avuto un ruolo così importante nell'economia ungherese come lo fa attualmente, dato che l'Italia è il secondo obiettivo più importante delle esportazioni ungheresi dopo la Germania. Ha aggiunto che il commercio bilaterale ha raggiunto un livello record lo scorso anno, superando gli 8 miliardi di euro.

Lui ha aggiunto che l'Italia è tra i dieci maggiori investitori in Ungheria, e anche nel settore della difesa sta aumentando la cooperazione, con un aumento del numero di progetti di investimento congiunti.

“La nostra cooperazione in materia di difesa della NATO ha raggiunto un nuovo livello, con gli italiani che danno il maggiore contributo straniero con 250 soldati al battaglione multinazionale con una maggiore presenza avanzata in Ungheria, e sono in corso colloqui su come espandere la cooperazione di sicurezza intra-NATO in quest’area. .” ” Egli ha detto.

Ha aggiunto: “C'è una responsabilità speciale tra Ungheria e Italia nei confronti della stabilità della Bosnia-Erzegovina e, attraverso questa, dei Balcani occidentali”.

Secondo lui, lo sviluppo della cooperazione nel campo dell'energia aggiungerà un'altra dimensione, con il recente accordo con la Slovenia sui collegamenti per il gas naturale che aprirà la strada alla creazione di un corridoio per l'approvvigionamento di gas naturale tra Ungheria, Slovenia e Italia. Ha aggiunto che si prevede che il GNL in arrivo nei porti italiani sarà presente nelle forniture ungheresi già nel medio termine.

READ  Molgas ha completato il suo primo progetto di bunkeraggio di GNL in Sicilia, Italia

Commentando la prossima presidenza ungherese dell'UE, ha affermato che il governo ungherese è determinato ad agire contro l'immigrazione clandestina, poiché l'Ungheria deve affrontare “un'enorme pressione” sulla rotta dei Balcani occidentali e l'Italia sulla rotta del Mediterraneo.

“Il numero di migranti irregolari che arrivano in Italia è aumentato di circa il 50% lo scorso anno, quindi condividiamo gli stessi interessi nel proteggere le frontiere esterne dell'Europa e nel ridurre le cause profonde della migrazione”, ha affermato.

“È nel nostro interesse comune che Bruxelles cambi la sua politica migratoria e smetta di ispirare sempre più ondate di migranti verso l'Europa perché le conseguenze colpiranno principalmente i paesi situati alle frontiere esterne, indipendentemente dal fatto che proteggano o meno le frontiere marittime”, ha affermato. aggiunto o confini terrestri.

Szijjarto ha incontrato a Roma anche il direttore generale del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite. Ha aggiunto che il Programma Alimentare Mondiale completerà il trasloco nel suo nuovo centro di servizi finanziari globali a Budapest entro due settimane. Ha aggiunto che il centro, che gestirà il 70% di tutte le transazioni finanziarie necessarie al funzionamento del Programma alimentare mondiale, inizierà ad operare a maggio.

Szijjártó parla dei “tentativi italiani di influenzare i procedimenti giudiziari in Ungheria”

“Alcuni in Italia presentano Ilaria Salles, detenuta in Ungheria, come una sorta di vittima o martire”, ha detto a Roma il ministro degli Esteri Peter Szijjarto, aggiungendo che la donna e i suoi complici “hanno picchiato deliberatamente persone innocenti per strada quasi fino alla morte. ” Szijjarto si è detto scioccato da alcune delle reazioni al caso in Italia, dicendo che la donna “è arrivata in Ungheria come membro di un gruppo di estrema sinistra ed estremista” e “con un piano apparente per catturare e arrestare persone innocenti e indifese la strada.” “Li hanno picchiati a morte.”

READ  UniCredit riunisce sotto lo stesso tetto tutti i servizi delle aziende italiane

“Hanno quasi ucciso delle persone in Ungheria… e poi lei viene vista come una martire o soggetta a procedure ingiuste”, ha detto Szijjarto, aggiungendo che azioni simili in Italia “sarebbero probabilmente punite anche in Italia”.

Ha detto che spera che Salles riceva la “debita punizione” in Ungheria perché “nessun gruppo di estrema sinistra dovrebbe considerare l'Ungheria una sorta di ring di pugilato dove… possono picchiare qualcuno a morte”.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x