Terremoto in Indonesia, allerta tsunami

L’Indonesia ha lanciato un allarme tsunami martedì a seguito di un terremoto di magnitudo 7,3 al largo dell’isola di Flores, scatenando il panico in un’area soggetta a terremoti mortali ma apparentemente senza causare gravi danni o vittime.

Secondo l’US Geological Survey, il terremoto ha colpito una profondità di 18,5 chilometri (11,5 miglia) sotto il livello del mare ed è stato localizzato a 112 chilometri (74 miglia) a nord di Momiri, il secondo più grande terremoto sull’isola di East Noosa. Il distretto di Tenggara ha una popolazione di 85.000 persone.

Dopo l’allerta tsunami iniziale, il Centro di allerta tsunami del Pacifico alle Hawaii e successivamente l’Agenzia meteorologica indonesiana hanno alzato le ore di allerta dopo il terremoto.

Il portavoce della National Disaster Mitigation Agency, Abdul-Mahari, ha affermato che il terremoto è stato fortemente sentito dai residenti della regione di East Flores. Le riprese video hanno mostrato persone in fuga da edifici che sono stati scossi dalla collisione.

Un caso è stato segnalato nella provincia di East Nusa Tenggara.

Le scosse sono state avvertite anche dai residenti nella città di Makassar e nella regione delle Isole Slayar nella provincia del Sulawesi meridionale attraverso il Mare di Flores. La Disaster Mitigation Agency riferisce che una scuola è stata danneggiata nelle Isole Slyar.

Sulla base delle osservazioni sul livello del mare, ha affermato Mahari, sono state rilevate onde di tsunami minori di 7 centimetri (2,8 pollici) nelle regioni di Marapokote e Rio.

Dwikorita Karnawati, capo dell’Agenzia indonesiana di meteorologia, climatologia e geofisica, ha affermato che le persone lungo le coste a nord di Flores dovrebbero essere consapevoli di ulteriori terremoti e possibili tsunami.

READ  Vaticano, misteriosi trasferimenti di 1,4 milioni di euro dalla Santa Sede all'Australia

“Il terremoto precedente non ha più la possibilità di uno tsunami. Ma è molto probabile che ci saranno scosse di assestamento e speriamo che non siano più forti di prima”, ha detto Karnawati.

Il presidente del distretto di Flores Timor, Anton Hayon, ha dichiarato che non ci sono state segnalazioni di danni.

“Abbiamo chiesto alle persone nelle zone costiere di stare lontano dalle linee di costa, specialmente sul lato nord… poiché c’era un grande tsunami lì nel 1972”, ha detto Hayon.

Ha aggiunto che i residenti si erano già uniti agli esercizi per lo tsunami e sapevano cosa fare.

L’Indonesia, un vasto arcipelago di 270 milioni di persone, è spesso colpita da terremoti, eruzioni vulcaniche e tsunami a causa della sua posizione sull'”Anello di fuoco”, un arco di vulcani e linee di faglia che inarcano l’Oceano Pacifico.

L’ultimo grande terremoto è stato a gennaio, con una magnitudo di 6,2 e uccidendo almeno 105 persone e ferendone quasi 6.500 nella provincia di West Sulawesi.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x