Tre soldati americani sono stati uccisi e decine feriti in un attacco di droni lanciato dalle milizie nazionali appoggiate dall'Iran

Tre soldati americani sono stati uccisi e decine feriti in un attacco di droni lanciato dalle milizie nazionali appoggiate dall'Iran

Tre soldati americani sono stati uccisi e decine sono rimasti feriti domenica in un attacco di droni nel nord-est della Giordania, vicino al confine siriano, hanno detto le forze armate statunitensi. Il presidente Joe Biden ha incolpato le milizie appoggiate dall’Iran per le prime morti americane dopo mesi di attacchi da parte dei gruppi contro le forze statunitensi in tutto il Medio Oriente nel corso della guerra tra Israele e Hamas.

Con l’aumento del rischio di un’escalation militare nella regione, i funzionari statunitensi stavano lavorando per identificare in modo definitivo l’esatto gruppo responsabile dell’attacco, ma stimavano che dietro l’attacco ci fosse uno dei numerosi gruppi sostenuti dall’Iran.

Biden ha affermato che gli Stati Uniti “riterranno responsabili tutti i funzionari nel momento e nel modo da noi scelti”. Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha dichiarato: “Adotteremo tutte le azioni necessarie per difendere gli Stati Uniti, le nostre forze e i nostri interessi”.

I combattenti sostenuti dall’Iran nella Siria orientale hanno iniziato a evacuare le loro posizioni, temendo attacchi aerei statunitensi, secondo Omar Abu Laila, un attivista con sede in Europa che dirige il media Deir ez-Zor 24. Ha detto all'Associated Press che queste aree sono la roccaforte di Al-Mayadeen e Al-Bukamal.

La storia continua sotto l'annuncio

Secondo un funzionario statunitense, il numero dei soldati feriti nell’attacco con droni è salito ad almeno 34 persone. Un altro funzionario, che ha parlato anche lui in condizione di anonimato per discutere dettagli che non sono stati resi pubblici, ha detto che un grosso drone ha colpito la base, che altri due funzionari statunitensi hanno identificato come una struttura in Giordania conosciuta come Torre 22. Si trova lungo la confine siriano ed è utilizzato in una certa misura.. Il capo delle forze che partecipa alla missione di fornire consulenza e assistenza alle forze giordane.

READ  Cosa si nasconde dietro le massicce proteste contro il partito di estrema destra Alternativa per la Germania? | Notizia

La piccola struttura, che la Giordania non ha reso pubblica, ospita le forze di ingegneria, aviazione, logistica e sicurezza statunitensi. Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha affermato che le truppe sono state schierate lì “per lavorare per la sconfitta duratura dell’Isis”. Tre funzionari hanno affermato che il drone ha colpito un'area vicino a dove dormivano le truppe, il che spiega l'elevato numero di vittime.

La base militare statunitense ad Al-Tanf in Siria si trova a soli 20 chilometri (12 miglia) a nord della Torre 22. La struttura giordana fornisce un importante hub logistico per le forze statunitensi in Siria, comprese quelle ad Al-Tanf, che si trova vicino a un incrocio stradale. I confini di Iraq, Siria e Giordania.

Ricevi le ultime notizie nazionali. Inviato alla tua email, ogni giorno.

La televisione di stato giordana ha citato Muhannad Al-Mubaideen, portavoce del governo, che insiste sul fatto che l'attacco è avvenuto oltre il confine in Siria.

Le forze statunitensi utilizzano da tempo la Giordania, il regno confinante con Iraq, Israele, i territori palestinesi della Cisgiordania, Arabia Saudita e Siria, come punto di partenza. Il Comando Centrale degli Stati Uniti ha stimato il bilancio delle vittime in tre morti e 25 feriti.

In Giordania sono solitamente di stanza circa 3.000 soldati americani.

La storia continua sotto l'annuncio

Dall’inizio della guerra a Gaza, il 7 ottobre, le milizie appoggiate dall’Iran hanno colpito le strutture militari statunitensi in Iraq più di 60 volte e in Siria più di 90 volte, con una combinazione di droni, missili, mortai e missili balistici. L'attacco di domenica è stato il primo a colpire le forze americane in Giordania durante la guerra tra Israele e Hamas e il primo a provocare la perdita di vite americane. Decine di membri del personale americano sono rimasti feriti, inclusi alcuni con lesioni cerebrali traumatiche, durante gli attacchi.

Le milizie hanno affermato che i loro attacchi sono avvenuti in risposta al sostegno di Washington a Israele nella guerra a Gaza e hanno anche affermato che miravano a espellere le forze americane dalla regione.

READ  I ricercatori rivelano il potere distruttivo della menzogna di Trump nelle elezioni rubate Diritti di voto negli Stati Uniti

Negli ultimi mesi, gli Stati Uniti hanno colpito obiettivi in ​​Iraq, Siria e Yemen per rispondere agli attacchi contro le forze statunitensi nella regione e per dissuadere i ribelli Houthi sostenuti dall’Iran dal continuare a minacciare la navigazione commerciale nel Mar Rosso.

“Sono fiducioso che l’amministrazione Biden risponderà in modo misurato e proporzionato”, ha affermato il senatore Jack Reed, che presiede la commissione per i servizi armati del Senato.

I repubblicani al Congresso hanno affermato che l'approccio dell'amministrazione non è riuscito a scoraggiare gli avversari americani nella regione.

“Abbiamo bisogno di un importante riassetto della nostra politica in Medio Oriente per proteggere i nostri interessi di sicurezza nazionale”, ha affermato il deputato repubblicano Michael McCaul del Texas, presidente della commissione per gli affari esteri della Camera. La senatrice Lindsey Graham è andata oltre, esortando l'amministrazione a “colpire obiettivi importanti all'interno dell'Iran, non solo come rappresaglia per la morte delle nostre forze, ma come deterrente contro future aggressioni”. L’unica cosa che il regime iraniano capisce è il potere”.

La storia continua sotto l'annuncio


Fare clic per riprodurre il video:

Marcia per Gaza: migliaia di persone protestano a Washington per chiedere il cessate il fuoco nel conflitto tra Israele e Hamas


Biden, che si trovava a Columbia, nella Carolina del Sud, domenica, ha ricevuto un briefing mattutino dal segretario alla Difesa Lloyd Austin, dal consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan e dal vice consigliere principale per la sicurezza nazionale John Viner, ha detto la portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre. Nel pomeriggio ha incontrato virtualmente il vicepresidente Kamala Harris e il suo team di sicurezza nazionale per ottenere un aggiornamento.

READ  Macron e io continueremo a lavorare insieme per ritenere Putin responsabile delle sue azioni

Il presidente lo ha definito un “attacco spregevole e del tutto ingiusto” e ha affermato che i membri del servizio “stanno mettendo a rischio la loro sicurezza per quella dei loro connazionali e dei nostri alleati e partner con cui combattiamo il terrorismo”. “È una lotta che non fermeremo.”

La Siria è ancora nel mezzo di una guerra civile ed è stata a lungo un punto di riferimento per le forze appoggiate dall’Iran, inclusa la milizia libanese Hezbollah. In Iraq operano anche diverse milizie sciite appoggiate dall’Iran.

La storia continua sotto l'annuncio

La Giordania, potente alleato occidentale e potenza cruciale a Gerusalemme per il suo controllo sui luoghi santi della città, è sospettata di aver lanciato attacchi aerei in Siria per fermare i trafficanti di droga, incluso uno che ha ucciso nove persone all’inizio di questo mese.

Un vasto gruppo di fazioni sostenute dall’Iran noto come Resistenza Islamica in Iraq ha annunciato in precedenza di aver lanciato attacchi con droni esplosivi contro tre aree della Siria, oltre ad un’area all’interno della “Palestina occupata”. Il gruppo ha rivendicato la responsabilità di decine di attacchi contro le basi che ospitano le forze americane in Iraq e Siria dall'inizio della guerra tra Israele e Hamas.

Tre funzionari delle milizie appoggiate dall'Iran in Iraq, che hanno parlato a condizione di anonimato perché non erano autorizzati a discutere la questione con i giornalisti, hanno detto che l'attacco con i droni alla base in Giordania è stato lanciato da uno dei gruppi iracheni. Nessuna fazione ha ancora ufficialmente rivendicato la responsabilità.

Funzionari hanno detto che l'esercito americano non ha registrato altri attacchi contro le sue forze domenica nella regione.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x