Una nuova mostra fotografica ripercorre la storia dei Cavalieri di Potteri in Italia

Una nuova mostra fotografica ripercorre la storia dei Cavalieri di Potteri in Italia

Celebre burroso La storia dell'Italia risale a 2.500 anni fa. Una mostra fotografica di Gabriele Saveri racconta la storia dei cowboy in Italia.

Bellissimi cavalli color baio vagano nella luce dorata della Toscana. Cavalieri dalle mani ruvide e dai volti orgogliosi lavorano insieme in una nebbia di polvere onirica, seri ma con un senso di disinvoltura che viene ben catturato dalla fotocamera. Bosco di mucche grigie dalle corna lunghe in robuste stalle. C'è una qualità d'acciaio nelle immagini, come gli stessi cowboy: i festaioli burroso Cavalieri d'Italia, risalenti a 2.500 anni fa, all'epoca preromana degli Etruschi.

Dai uno sguardo intimo al loro mondo I leggendari cowboy della Maremma, Italia, una mostra di fotografie di Gabriel Savery in mostra fino al 5 maggio al National Cowboy and Western Heritage Museum di Oklahoma City. “L'iconico cowboy americano ha antenati e antenati internazionali e transcontinentali”, afferma Michael Grauer, curatore delle collezioni di cowboy e arte occidentale del museo. “C'erano allevatori di bestiame in Asia, Africa ed Europa molto prima che i primi vaqueros apparissero nelle Americhe negli anni Trenta del Seicento. Il burro italiano fa parte del grande 'tessuto cowboy' in tutto il mondo.

Gabriele Saverio

Savery è un fotografo, scrittore e artista con sede a Napa Valley, California. Si è interessata per la prima volta al burro negli anni '90 mentre lavorava come giornalista a Roma. “Ho sempre amato i cavalli e li ho cavalcati nel corso degli anni”, afferma. “Essendo italo-americano, nel momento in cui ho sentito parlare di questi misteriosi cowboy, ho sognato di andare con loro, ma non sapevo come trovarli”.

READ  Risultati MotoGP - MotoGP 2021

Quasi due decenni dopo, un incontro casuale con un altro fotografo fornì la connessione di cui Savery aveva bisogno per rintracciarli.

Pochi mesi dopo, stava cavalcando al fianco degli Zabidi nella loro nativa Maremma, una regione costiera tra Firenze e Roma che si estende attraverso la Toscana meridionale. I cowboy che lavorano spostano il bestiame e addestrano i cavalli in un paesaggio pieno di sentieri rocciosi e pianure ondulate. Boschetti di pini si ergono sopra campi gialli di grano e l'erba cresce alta nei prati estivi. Balle di fieno giacciono sotto torri quadrate all'italiana e le stalle all'aperto sono coperte con tegole mediterranee curve.

Si ritiene che oggi esistano meno di 30 burri. Sebbene ampiamente ammirato in tutta Italia, il loro stile di vita è minacciato da molteplici aspetti, comprese le nuove norme UE sulla carne bovina e l’aumento dei prezzi dei cereali a causa della guerra in Ucraina. Recentemente le donne sono state ammesse a far parte del gruppo di allevatori di bestiame ed esperti equestri, le cui tradizioni risalgono alla diffusione dell'agricoltura nella penisola italiana. Le tombe etrusche del VI secolo a.C. raffigurano cavalieri a cavallo e tori in carica. La famosa statua del “Murlo Cowboy” è stata ritrovata in un vicino sito archeologico etrusco.

La Mer – Butteri litiga con una vacca maremmana per il marchio (Fotografia: Canino, stampa ai pigmenti d'archivio, 2019, 13 x 19 pollici, © Gabriel Savery. Tutti i diritti riservati.)

Più di duemila anni di storia non sono l'unica cosa che distingue Zabadani. Lo stile elegante dell'abbigliamento da cowboy è accattivante e semplice: giacche di cotone color terra, stivali di pelle marrone scuro e cappelli unici a tesa stretta. Cavalcano su selle di ispirazione militare e portano bastoni di legno uncinati chiamati selle Mazzarella Per aiutare ad aprire i cancelli e ad allevare il bestiame. Anche il burro va benissimo Marimana Mucche e cavalli, che legano in recinti rotondi di legno con grandi tronchi centrali come supporto.

READ  Spagna, Italia, Grecia e Francia non introdurranno la Green List nel prossimo aggiornamento

Siamo accolti nel mondo familiare e sconosciuto del burro attraverso il ricco trattamento delle texture di Saveri: pelle morbida su muscoli increspati, la punta facile di un cappello di paglia e incantevoli granelli di terra e polvere. Personaggi interessanti abitano ogni fotogramma; Tutti i tipi di persone laboriose, laboriose, con fette di sorriso che fanno capolino. La qualità metallica della luce solare crea un “pop” multidimensionale che completa la sensazione di movimento nelle immagini, ognuna delle quali trasmette la squisita bellezza degli animali e il burroso rispetto che nutrono nei loro confronti.

“Mi sono innamorato della Maremma”, afferma Savery, il cui tocco sensibile e la passione palpabile rendono la sua fotografia così sorprendente. “I Ranuncoli, come i cowboy americani, nutrono un profondo amore per i loro cavalli, il loro bestiame e la loro terra”, dice. “Le loro pratiche, il bestiame, i cavalli e i vestiti possono essere diversi da quelli americani, ma entrambi condividono un forte amore per essere cowboy: cavalcare all'aria aperta, comunicare con i loro cavalli e il mondo naturale che li circonda e vivere una vita ricca e colorata.” tradizioni cowboy del mondo in cui sono nati”.

Ritratto di due cavalieri (Fotografia: Pitigliano, Archival Pigment Print, 2016. 33″ x 50″, © Gabriele Savery. Tutti i diritti riservati.)

Gli Zabadani potrebbero avere difficoltà a salvare le loro vecchie abitudini, ma la speranza prevale. Sono più di venti le associazioni in Italia dedite alla salvaguardia della cultura del burro, come è il caso dell'Associazione Zabadani com.appassionati -Fan fedeli che adorano i Cowboys, come la stessa Savery. Organizzano fiere, ospitano rodei in stile italiano e offrono soggiorni in ranch per i viaggiatori che vogliono sperimentare lo stile di vita burroso e aiutare nelle loro attività quotidiane. Non è per i deboli di cuore. Il duro lavoro allontana molti giovani e potenziali burrosi. Ma non tutto.

READ  Rocco Fata segna una tripletta nella partita della Nazionale Under 21 dell'Irlanda a San Marino

Forse la speranza per il futuro di Zabadani è meglio riassunta dall'immagine di Savery di un giovane ed entusiasta cavaliere che cavalca un cavallo marrone, con il suo bastone di mozzarella pronto per qualunque cosa accada dopo. Intitolato semplicemente: Qualcuno che impara un mestiere.


I leggendari cowboy della Maremma, Italia Di Gabriel Savery In mostra fino al 5 maggio 2024 al National Cowboy & Western Museo del patrimonio di Oklahoma City.

Dal numero di maggio/giugno 2024.

Immagine dell'intestazione: Patero (Pitigliano, stampa d'archivio ai pigmenti, 2016. 13 x 19 pollici, © Gabriele Saveri. Tutti i diritti riservati.)

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x