Una nuova tendenza nel ripristino dei diritti di brevetto scaduti in Italia

giorno 8NS Nell’aprile 2021, l’Ufficio italiano brevetti e marchi (IPTO) ha emesso una decisione sulla restituzione dei diritti di brevetto in relazione alla parte italiana di un brevetto europeo. I diritti in questione sono decaduti perché il titolare del brevetto, che ha dovuto affrontare difficoltà economiche insormontabili, non ha pagato la tassa annuale di rinnovo entro i termini.

Sebbene l’IPTO di solito non consideri le difficoltà economiche di un richiedente una giustificazione sufficiente per il mancato rispetto di un termine specifico, l’Ufficio qui ha concordato con la posizione del titolare del brevetto secondo cui le difficoltà economiche non possono, in linea di principio, essere escluse dalle circostanze che consentono il ripristino del brevetto diritti.

sfondo

Al ricevimento della domanda di ripristino dei diritti sui brevetti decaduti dinanzi all’Ufficio italiano brevetti e marchi, l’Ufficio deve infine valutare se il comportamento del richiedente in relazione alla perdita dei diritti soddisfi gli obblighi di diligenza previsti dall’articolo 193 del Codice IP Codice Italiano. L’Ufficio riconosce il diritto alla restituzione se il richiedente dimostra caso per caso di aver esercitato la diligenza richiesta dalle circostanze.

In questo caso, l’argomento principale del ricorso era che il mancato rispetto del termine di pagamento era causato da intrattabili difficoltà economiche incontrate dal titolare del brevetto a causa di problemi di salute invalidanti che lo colpivano fisicamente e psicologicamente. Questi problemi, infatti, non solo gli impedivano di pagare le rendite di brevetto, ma anche di soddisfare i suoi bisogni primari e quelli della sua famiglia. Il titolare del brevetto, infatti, è rimasto senzatetto per un certo periodo di tempo, e ha dovuto contestare l’indennità di alloggio e gli aiuti di Stato.

READ  Gli italiani sono usciti per chiedere sostegno alle donne afghane

Nonostante queste contestazioni, il titolare del brevetto ha continuato i suoi sforzi per trovare un partner commerciale e fondi sufficienti per mantenere in vita il brevetto, chiedendo così il ripristino che ha agito “con la diligenza richiesta dalle circostanze del caso” come richiesto dalla legge italiana per ottenere un brevetto.

Nella sua valutazione iniziale della domanda, l’Ufficio ha tenuto conto delle difficoltà finanziarie del titolare del brevetto. Coerentemente con la precedente giurisprudenza in casi analoghi – ritenendo che una mancanza di liquidità non possa assurgere a livello di handicap, altrimenti qualsiasi debitore insolvente potrebbe semplicemente affermare che il mancato rispetto del termine è da considerarsi incolpevole e quindi legittimo – l’Ufficio ha assunto la posizione che la situazione finanziaria personale del richiedente Non forniva motivi sufficienti per accogliere la richiesta di ricollocazione, sebbene incidesse gravemente sulle circostanze del caso specifico dinanzi ad esso.

Nelle note del richiedente in risposta alla decisione iniziale dell’Ufficio di respingere la domanda, il richiedente ha chiesto all’Ufficio di riesaminare il caso considerando entrambi gli elementi insieme, sottolineando che i continui sforzi del titolare del brevetto sono indicativi di averne fatto più di uno. Puoi aspettartelo da un individuo in una situazione personale così critica. Infatti, le prove dinanzi all’ufficio hanno dimostrato che il titolare del brevetto, consapevole della necessità di ottemperare al pagamento e della sua incapacità di svolgere l’incarico con mezzi propri, non ha mai smesso di cercare partner commerciali affidabili che lo potessero aiutare nella pagamento. Canoni annuali.

Questi argomenti e osservazioni hanno convinto l’IPTO a cambiare la sua posizione iniziale ea concedere il ripristino. La decisione finale dell’Ufficio ha ritenuto che il mancato pagamento della tassa di rinnovo fosse dovuto a circostanze eccezionali, che sfuggono al controllo del ricorrente, e che il ricorrente ha comunque esercitato tutta la dovuta diligenza richiesta dalle circostanze.

READ  Risultati Moto3 - MotoGP 2021

Conclusioni

L’IPTO è noto per aver adottato un approccio molto restrittivo nell’aggiudicazione dei restauri. Ciò è particolarmente vero nei casi in cui l’omissione che ha determinato il mancato rispetto del termine di pagamento è stata causata da un errore accidentale, ma piuttosto da difficoltà economiche e personali del richiedente. Questa decisione rappresenta un’eccezione allo scenario giuridico preesistente: a causa degli sforzi del titolare del brevetto per trovare le risorse necessarie per preservare il brevetto, l’Ufficio ritiene che il richiedente abbia esercitato la diligenza richiesta dalle circostanze del caso.

Riconoscendo che le difficoltà economiche non possono, in linea di principio, essere escluse dalle condizioni che consentono di concedere il ripristino, l’IPTO ha intrapreso una nuova direzione per il recupero dei brevetti decaduti.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x