Webb scopre la più antica galassia “morta” conosciuta

Webb scopre la più antica galassia “morta” conosciuta

Da quando è diventato operativo nel 2022, il telescopio spaziale James Webb ha rivelato molte sorprese su come erano le cose nell’universo primordiale. Ora possiamo aggiungere ancora una cosa, ovvero l’osservazione di una galassia che era già “morta” quando l’universo aveva solo il 5% della sua età attuale.

Gli scienziati hanno detto mercoledì che Webb aveva osservato una galassia in cui la formazione stellare si era già fermata circa 13,1 miliardi di anni fa, cioè 700 milioni di anni dopo il Big Bang che diede origine all'universo. Nel corso degli anni sono state scoperte molte galassie morte, ma questa è la più antica, con i suoi 500 milioni di anni.

In un certo senso, questa galassia ricorda il defunto attore di Hollywood James Dean, famoso per la sua storia di vita “Live Fast, Die Young”.

“Sembra che la galassia abbia vissuto rapidamente e intensamente, per poi smettere di formare stelle molto rapidamente”, ha detto l'astrofisico Tobias Loeser del Kavli Institute of Cosmology dell'Università di Cambridge, autore principale dello studio pubblicato sulla rivista Nature.

“Per le prime centinaia di milioni di anni della sua storia, l'universo è stato violento e attivo, con abbondanza di gas attorno ad alimentare la formazione stellare nelle galassie. Ciò rende questa scoperta particolarmente sconcertante e interessante”, ha aggiunto Loeser.

Questa galassia è relativamente piccola e contiene forse da 100 milioni a 1 miliardo di stelle. Ciò la collocherebbe nelle vicinanze dell’ammasso di galassie nane della Piccola Nube di Magellano situato vicino alla nostra Via Lattea, sebbene quella galassia stia ancora formando nuove stelle.

READ  SpaceX pianifica il prossimo lancio di Starlink, lancia il razzo per la missione di reindirizzamento degli asteroidi

Quando una galassia smette di formare nuove stelle, diventa come un cimitero di stelle.

“Una volta che la formazione stellare termina, le stelle esistenti muoiono e non vengono sostituite. Ciò avviene in modo gerarchico, in ordine di peso stellare, perché le stelle più massicce sono le più calde e luminose e, di conseguenza, hanno la vita più breve.” ha detto Francesco DiEugenio, astrofisico del Kavli Institute e coautore dello studio.

“Quando le stelle più calde muoiono, il colore della galassia cambia dal blu – il colore delle stelle calde – al giallo al rosso – il colore delle stelle meno massicce”, ha aggiunto Diogenio. “Le stelle con la massa del Sole vivono per circa 10 miliardi di anni. Se questa galassia avesse smesso di formare stelle nel momento in cui l'abbiamo osservata, oggi non ci sarebbero più stelle simili al Sole. Tuttavia, stelle molto meno massicce del Sole Il Sole potrebbe vivere per trilioni di anni, “Quindi continueranno a brillare molto tempo dopo la fine della formazione stellare”.

I ricercatori hanno concluso che questa galassia è stata testimone di un’ondata di formazione stellare che si è estesa da 30 a 90 milioni di anni, per poi fermarsi improvvisamente. Stanno cercando di scoprire perché.

Hanno detto che potrebbe essere dovuto all’azione di un buco nero supermassiccio al centro della galassia o a un fenomeno chiamato “blowback” – esplosioni di energia da stelle di nuova formazione – che ha spinto il gas necessario per formare nuove stelle fuori dalla galassia.

“Invece, il gas potrebbe essere consumato molto rapidamente dalla formazione stellare, senza essere immediatamente reintegrato da gas fresco proveniente dalle regioni circostanti della galassia, portando alla fame galattica”, ha detto Loeser.

READ  Una nuova razza in Francia e Spagna. Crisi della California 80 milioni di casi

Il Webb della NASA può osservare distanze maggiori, e quindi più indietro nel tempo, rispetto al suo predecessore, il telescopio spaziale Hubble. Tra le altre scoperte, Webb ha permesso agli astronomi di vedere le galassie più antiche conosciute, che si sono rivelate più grandi e abbondanti del previsto.

Nel nuovo studio, i ricercatori sono stati in grado di osservare la galassia morta in un singolo momento nel tempo. Dissero che era possibile che la formazione stellare sarebbe ripresa più tardi.

“Alcune galassie potrebbero subire un processo di rinnovamento se riuscissero a trovare nuovo gas per trasformarsi in nuove stelle”, ha detto DiEugenio. “Non conosciamo il destino finale di questa galassia. Ciò potrebbe dipendere dal meccanismo che ha causato l'arresto della formazione stellare.”

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x