18 paesi sono diventati ecologici per il clima e hanno mantenuto le economie in crescita: le Nazioni Unite

I sostenitori dell’energia pulita e i gruppi di riflessione affermano da tempo che è possibile ridurre le emissioni e mantenere l’economia in crescita. E ora l’ultimo rapporto dei migliori scienziati del clima del mondo afferma che 18 paesi hanno fatto proprio questo, mantenendo i tagli alle emissioni “almeno per un decennio” mentre le loro economie continuano a crescere.

Il Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) non ha identificato i paesi, adducendo incongruenze nei dati.

Ma utilizzando i dati del Global Carbon Project, che non fanno parte del rapporto, l’Associated Press ha scoperto che 19 paesi avevano emissioni annuali di anidride carbonica prima della pandemia di 10 milioni di tonnellate in meno nel 2019 rispetto al 2010. Sono gli Stati Uniti e Regno Unito, Germania, Giappone, Italia, Ucraina, Francia, Spagna, Grecia, Paesi Bassi, Messico, Finlandia, Singapore, Danimarca, Repubblica Ceca, Belgio, Polonia, Romania e Svezia.

L’IPCC ha identificato tre fattori comuni per i paesi che sono riusciti a decarbonizzare: hanno utilizzato meno energia, sono passati dai combustibili fossili alle energie rinnovabili e hanno aumentato l’efficienza energetica dei loro prodotti.

Tali paesi “possono esportare un modello che mostra che possiamo ridurre le emissioni e mantenere alti livelli di benessere”, ha affermato Greg Nemet, professore di energia e politiche pubbliche presso la La Follett School of Public Affairs dell’Università del Wisconsin. “Possiamo esportare le politiche che hanno avuto un ruolo nel farlo accadere”.

Sebbene l’elenco dei paesi indichi una via da seguire, solleva anche interrogativi sull’equità. Stati Uniti, Germania, Giappone e Regno Unito sono tra i maggiori contributori alle emissioni storiche di carbonio. I suoi residenti hanno già elettricità e in larga misura automobili.

READ  4 morti, 7 dispersi dopo l'affondamento di un'imbarcazione di migranti al largo delle coste tunisine

Nemet, che è anche l’autore principale del rapporto IPCC, ha aggiunto che i paesi sviluppati che hanno contribuito storicamente al cambiamento climatico e sono riusciti a decarbonizzare devono assumere un ruolo “leader” nell’aiutare i paesi in via di sviluppo a fare lo stesso.

Le discussioni storiche sulle emissioni e sulla responsabilità vengono sempre discusse durante le conferenze sul clima delle Nazioni Unite. Ma convincere le nazioni industrializzate a concordare se il risarcimento dei danni sia giustificato o quanto dovrebbero pagare per aiutare i paesi più poveri a investire in tecnologie verdi si è rivelato elusivo.

Inger Andersen, direttore esecutivo del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, ha osservato in una dichiarazione all’Associated Press che i paesi meno sviluppati del mondo emettono solo il 3,3% dei gas serra globali nel 2019. Alcuni esperti osservano che i paesi in via di sviluppo spesso devono prendere in prestito denaro a livelli più alti tassi di interesse rispetto ai paesi sviluppati, il che può rendere proibitivi i grandi progetti di capitale.

“I 18 paesi che hanno raggiunto tassi equilibrati di riduzione delle emissioni e crescita economica sono già esempi che ci danno speranza per il futuro, ma … tutti i paesi sviluppati hanno la responsabilità storica di assicurarsi di appoggiarsi agli obiettivi dell’accordo di Parigi di $ 100 miliardi nel finanziamento. Clima, nel garantire che i paesi più poveri abbiano accesso alla tecnologia e alle conoscenze per effettuare queste transizioni “o guidando, facendo prima quelle transizioni, ha affermato.

Michael Grob, autore principale del rapporto IPCC e professore di energia e cambiamenti climatici all’University College di Londra, ha affermato nel rapporto che gli scienziati hanno analizzato gli scenari economici ed emissioni per vedere cosa accadrebbe a livello globale a diversi livelli di riduzione dell’inquinamento da carbonio. In quasi tutti gli scenari, compreso il più aggressivo degli scenari di riduzione del carbonio, il PIL globale raddoppierebbe all’incirca entro la metà del secolo. Anche nello scenario con i tagli alle emissioni più profondi, Grob ha affermato che il PIL è balzato del 96%.

READ  Mario Draghi accetta formalmente la carica di Primo Ministro italiano e forma il nuovo governo

“Il punto è, in pratica, che ciò che facciamo nella mitigazione del cambiamento climatico in termini macroeconomici si perderà davvero nel clamore dell’efficacia complessiva delle nostre politiche economiche”, ha affermato.

Grob ha affermato che il rapporto dell’IPCC ha rifiutato di nominare i 18 paesi perché i dati per alcuni contano solo l’anidride carbonica mentre altri includono tutti i gas serra. Anche gli anni di riferimento variavano. A seconda dei criteri, ha affermato, ci sono più paesi che hanno ridotto le emissioni man mano che fanno crescere le loro economie.

Patricia Romero-Lancao, scienziata senior presso il National Renewable Energy Laboratory e autrice principale di una parte del rapporto IPCC sulle politiche nazionali e locali, si è detta ottimista. Ma ha sottolineato quanto sia necessario fare di più per aiutare le comunità e le regioni svantaggiate a decarbonizzare e correggere gli effetti del cambiamento climatico.

“Questo non è un problema tecnico”, ha detto. “Dobbiamo capire di cosa hanno bisogno, quali sfide devono affrontare e come possiamo adattare il nostro toolkit per aiutarci a rispondere a questo”.

Leggi | Il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici pubblica oggi un importante rapporto sui cambiamenti climatici: che cosa sono venuti fuori i rapporti precedenti?

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x