Colonna sonora di film di Brian Eno preferita di tutti i tempi

Come una vespa durante una passeggiata, c’è pochissima cultura popolare incontaminata di Brian Eno. A differenza del summenzionato calabrone metaforico, l’esistenza di Ino era sottile e benevola. Oltre ai suoi classici, la lista degli album su cui ha lavorato come produttore si legge come “The Greatest Ever”. Pertanto, non sorprende che abbia il polso della cultura e questo, ovviamente, implica guardare attentamente il cinema. Il suo rapporto con i film, il tenero e il cast ha portato l’ispirazione a fluire in entrambe le direzioni, quindi quando l’ha chiamata la sua colonna sonora preferita e i momenti musicali dei film di tutti i tempi, non è stata solo una scelta degna di nota, ma anche una scelta infernale. Elenco di riproduzione.

Parlando con Hugh Cornwall di The Stranglers nel suo programma radiofonico su Internet, MrDeMilleFMChe in precedenza comprendeva star del mondo della musica come Debbie Harry e registi di spicco come Steve McQueen, Inoue ha scelto una ricca e variegata selezione di cinema vecchio e nuovo. Ha elogiato la brillantezza dei suoi momenti musicali preferiti in modo erudito. La scelta può includere due dei suoi, ma ancora una volta con l’apparente umiltà del marchio, assicura all’ascoltatore che è stato il trattamento dei brani a farglieli amare.

La prima scelta di Ino è stata quella che ha descritto come la prima volta che ha ricordato la potente influenza della musica sui film, con il tema di Nino Rota che appare nel film di Fellini. Juliet Soul. “È molto inaspettato, è un po ‘kitsch e divertente”, spiega Eno. Alla fine, l’ha elogiata per la sua portabilità, sostenendo che la canzone “ha definito l’Italia negli anni ’60” per lui.

READ  Hollywood Flashback: The Full Monty 'Sunk' Titanic 'ai SAG Awards nel 1998

Un’altra persona degna di nota nella lista è l’amato collaboratore di Eno David Bowie, la cui fase industriale si è completamente sovrapposta alla presentazione di David Lynch della lista surrealista. Eno spiega che la canzone ha ripristinato l’energia della trilogia berlinese di Bowie che si è rivelata perfetta per Lynch perché era in qualche modo “più frizzante”.

Per quanto riguarda il suo pezzo, discute l’uso di “Final Sunset” in tedesco Derek Sebastian. Quando Eno stava registrando la musica per il suo album Musica per film Ovviamente aveva dei film in mente e sapeva che i pezzi con “una sorta di magia cinematografica”, non era sicuro di quale film sarebbe stato perché nessuno dei pezzi era stato registrato per un film specifico. Alla fine, c’è stata una lezione in questo per Eno, perché “Final Sunset” era l’unica traccia dell’album che era stata effettivamente progettata per un film e che pensava fosse la migliore.

Questo elenco nel suo insieme è un mix illusorio di musica adornato con le iniziative cinematografiche che i brani suscitano. È un elenco che passa attraverso classici come “Moon River” di Audrey Hepburn che sarà giustamente nell’elenco della maggior parte delle persone, mentre approfondisce il terreno più oscuro con artisti del calibro di “Hobbak Morr”, che illustra la visione principale di Ino della world music.

Nell’intervista, Ino si allontana dalla conversazione incentrata sul film e vaga in una classica conversazione in studio, in particolare su Bowie e un brano improvvisato di 72 minuti chiamato “Leon” che spera possa un giorno ottenere un rilascio ufficiale.

READ  Joe Godis in Talks for His Reality Show in Italy: Report

Puoi ascoltare l’intervista Qui, E controlla l’elenco delle tracce qui sotto.

La musica preferita di Brian Eno nei film:

  • “Theme” di Nino Rota in Giulietta degli Spiriti
  • Women of Ireland di The Chieftans in Barry Lyndon
  • “Theme” di Miles Davis in Sollevare al patibolo
  • “Ubo Gowele” di Boys in the Nest in Il ritmo della resistenza
  • “The Farmer & The Cowman” di Gordon McCray V. Oklahoma!
  • “Il fiume della luna” di Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany
  • “The Ultimate Sunset” di Brian Eno in Sebastian
  • ‘Hobbak Mor’ di Samira Tawfik in Romanticismo nel deserto
  • Didja Ever di Elvis Presley in J Blues
  • “Deep Blue Day” Brian Eno N. Trinspotting
  • “I’m Confused” di David Bowie V. Autostrada mancante
  • “Both Sides Now” di Johnny Mitchell su In realtà l’amore

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x