― Advertisement ―

spot_img

Harper's Bazaar Italia nomina Massimo Russo caporedattore

Milano— La rivista italiana Harper's Bazaar sta mettendo insieme una squadra per guidare il prossimo capitolo della rivista patinata, introdotta nel paese nel 2019. Massimo...
HomeEconomyCrescita economica modesta nell'Eurozona ma permangono pressioni sulle famiglie

Crescita economica modesta nell’Eurozona ma permangono pressioni sulle famiglie

I 20 paesi che utilizzano l’euro ei loro 346 milioni di abitanti hanno visto una crescita economica di un modesto 0,3% nel secondo trimestre dell’anno, ma le prospettive rimangono relativamente deboli.

L’economia della zona euro è cresciuta di un modesto 0,3% nel secondo trimestre di quest’anno secondo una stima flash di Eurostat, l’ufficio statistico dell’Unione Europea, mercoledì.

annuncio

Nel primo trimestre del 2023 il PIL è rimasto stabile nell’Eurozona ed è aumentato dello 0,2% nell’UE. Il tasso del PIL del blocco è aumentato dello 0,6% rispetto al secondo trimestre del 2022.

La crescita dell’Irlanda del 3,3%, la maggiore dell’Eurozona, distorce il quadro generale. Le sue cifre di crescita mostrano spesso fluttuazioni significative a causa delle grandi aziende internazionali che vi hanno stabilito il loro quartier generale, inclusi giganti della tecnologia come Meta, Google e Apple.

Francia e Spagna sono state le più tipiche, crescendo rispettivamente dello 0,5% e dello 0,4%, ma la più grande economia dell’Eurozona, la Germania, ha ristagnato e l’Italia ha fatto peggio con una contrazione dello 0,3%.

Sebbene ci sia un certo incoraggiamento nei numeri recenti, la situazione è ancora relativamente debole.

Gli alti tassi di interesse progettati per combattere l’inflazione gettano un’ombra perché rendono i prestiti, gli investimenti e le spese più costosi per le famiglie e le imprese.

Su base annua, l’Eurozona è cresciuta solo dello 0,6%, la peggiore performance dalla recessione del 2020-2021.

Nel frattempo, l’occupazione nell’area dell’euro è aumentata dello 0,2% nel secondo trimestre, registrando un aumento dell’1,5% rispetto al secondo trimestre dello scorso anno.