Dopo il fallimento del fuso orario, i libanesi chiedono un vero cambiamento | Notizia

Dopo il fallimento del fuso orario, i libanesi chiedono un vero cambiamento |  Notizia

Beirut, Libano – Il Libano è passato all’ora legale qualche giorno dopo rispetto a quanto inizialmente previsto dopo un contraccolpo su una controversa decisione del governo che ha lasciato il paese diviso tra due diversi fusi orari.

Il Libano avrebbe dovuto effettuare la transizione alla fine della scorsa settimana, ma una decisione del governo dell’ultimo minuto ha portato all’estensione del periodo invernale di circa un mese per evitare di allungare di un’ora il giorno di digiuno per i musulmani durante il Ramadan.

Ma la decisione è stata respinta da altre istituzioni, tra cui la Chiesa maronita, il che ha portato all’uso di due tempi diversi nel Paese e all’annuncio finale del governo lunedì che la decisione è stata annullata.

Il disastro ha esacerbato la disperazione di molti libanesi desiderosi di attuare riforme per tirare fuori il Paese da una delle peggiori crisi finanziarie del mondo.

Al Jazeera ha parlato con molti libanesi per ascoltare i loro pensieri sul disastro del fuso orario e sui problemi che il Libano deve ancora affrontare.

Samir Rashid, tassista

Samir, un tassista, dice di aver dovuto vendere una delle sue auto per poter comprare del cibo [Mia Alberti/Al Jazeera]

“Se posso cambiare qualcosa in questo paese… radunerò tutti i membri del parlamento e li brucerò”, dice Samir, 65 anni, mentre guida il suo taxi. “Devono esserci dei cambiamenti, dobbiamo far crollare tutto e ricostruire tutto da capo. Perché sono tutti ladri, hanno rubato il Paese”.

Samir dice ad Al Jazeera di aver vissuto un “incubo”: perdere $ 60.000 dei suoi risparmi in fallimenti bancari e il denaro che guadagna è appena sufficiente per coprire il carburante, per non parlare delle tasse universitarie dei suoi due figli o dei farmaci per la pressione sanguigna. .

“Ogni giorno è peggio degli altri. Lavoro solo per pagare la benzina, quindi non sto a casa tutto il giorno. Alcuni giorni posso comprare da mangiare, altri giorni devo prendere in prestito denaro o fare la spesa a credito.

READ  Secondo quanto riferito, Trump è vicino alla vendita dei diritti alberghieri nella capitale mentre il suo alleato dice "Penso che correrà" | Donald Trump

Alla fine del viaggio con Sameer, la sua spia del carburante lampeggia, indicando che deve fare nuovamente il pieno. Quando l’auto si ferma, Sameer si toglie gli occhiali, si asciuga una lacrima e prende una pillola per la pressione sanguigna.

Come molte migliaia di giovani libanesi, i figli di Samir progettano di lasciare il Paese dopo il diploma.

Tre donne a un tavolino
I genitori di Luna, Leah e Jenny, lavorano fuori dal Libano a causa della mancanza di opportunità nel paese [Mia Alberti/Al Jazeera]

Luna Shar, Leah Richmani, Jenny Chirekjian, studenti

Seduti in un caffè vicino all’Università americana di Beirut, questi diciottenni affermano di sapere che il loro futuro è fuori dal Libano.

“Amo il paese, vorrei poter restare ma non ha senso”, ha detto Jenny ad Al Jazeera, e le sue amiche hanno annuito in segno di assenso.

Per loro, la questione più urgente è risolvere l’accelerazione del declino del valore della sterlina libanese, la valuta nazionale che ha perso quasi il 98% del suo valore rispetto al dollaro in meno di tre anni.

“Ogni volta che il dollaro sale, succede qualcosa di veramente brutto nel paese e non è davvero sicuro per tutti”, dice Jenny, riferendosi alle recenti proteste, blocchi stradali e furti in banca.

“C’è tutto dentro [the government’s] Sinceramente, quindi devono rimediare perché il Libano non sta migliorando”, dice Luna.

“La cosa migliore che possiamo fare per riformare il paese è solo educare le persone, e poi saranno le persone istruite che si candideranno al governo in futuro e sistemeranno tutto”, aggiunge Leah.

Dania Lashi, addetto IT

Dania ei suoi due figli attraversano la strada
Dania è preoccupata per la situazione dell’istruzione in Libano [Mia Alberti/Al Jazeera]

Dania è ben consapevole dell’importanza dell’istruzione. Lavora nel dipartimento di informatica della stessa università, l’università americana di Beirut, dove ha visto innumerevoli insegnanti e docenti lasciare il Libano “a causa dell’insicurezza del Paese”.

Dania è anche mamma di due figli, di 11 e 4 anni, ai quali ha spiegato la situazione del Paese, dalla “corruzione nel governo” al processo elettorale, come ha raccontato ad Al Jazeera, come ha scelto i suoi figli. dalla loro scuola. Per lei, la riforma del settore dell’istruzione dovrebbe essere una priorità per il governo.

READ  Chiudi Sue Locks Sabato - Sault Ste. Maria Notizie

“Le scuole pubbliche non si aprono, immagina quanti bambini in Libano hanno perso l’istruzione che meritano”, dice Dania.

“Non riguarda direttamente i miei figli, ma influenzerà la società nel suo insieme”, aggiunge.

Yara Moussa, lavoratrice di fast food

La diciannovenne Yara dice che non poteva continuare i suoi studi universitari perché non poteva permetterselo.

Ora lavora a tempo pieno in una famosa catena di fast food libanese.

Sopra il bancone dove Yara accoglie i clienti, i prezzi del menu sono in dollari: $ 10 di insalata, $ 8,50 di pollo.

Ma lo stipendio di Yara è ancora pagato in lire libanesi. La tariffa oraria nel ristorante è di 35.000 sterline egiziane, circa $ 0,30.

“Il fuso orario non è importante. I nostri stipendi non raggiungono nemmeno i 100 dollari al mese. Il governo dovrebbe concentrarsi sui poveri, noi stiamo soffrendo”, dice Yara.

Ezzedine Shehabi, un lavoratore in un negozio di ciambelle

Un uomo che indossa un grembiule Dunkin' Donut tiene in mano una ciambella
Ezzeddine dice di sentirsi psicologicamente colpito dagli eventi in Libano negli ultimi anni [Mia Alberti/Al Jazeera]

Qualche negozio Azzedine, anche lui diciannovenne, lavora in un franchising americano di ciambelle. Guadagna circa 150 dollari al mese, metà in dollari e metà in lire libanesi. Sebbene non sia sufficiente per coprire tutte le sue tasse universitarie, usa i soldi per pagarsi gli studi.

Anche Ezzedine, come Yara, parla delle continue sofferenze affrontate dai libanesi.

Aveva solo 17 anni quando l’esplosione del porto di Beirut distrusse gran parte della città. Come boy scout, Al Shihabi è stato uno dei primi sulla scena.

“Ho visto molte cose. Non è qualcosa che dovremmo vedere a quell’età”, ha detto ad Al Jazeera.

Il diciannovenne, che ha anche partecipato al movimento di protesta del paese nel 2019, afferma di sentirsi scioccato e impotente vedendo lo stato attuale del suo paese. Per lui, ritenere responsabili le famiglie delle vittime dell’esplosione dovrebbe essere la massima priorità del governo.

READ  Risultati delle elezioni primarie nella Carolina del Sud e nel Maine

“Ci sono persone innocenti che sono morte e io non ho aiutato, la mia voce… non posso fare niente. Dobbiamo fare qualcosa ma è [Prime Minister Najib] Mikati e altre persone nel governo [who are to blame],” Aggiunge.

Heba Yahfoufi, un tecnico di laboratorio

Una donna in piedi su un lato della strada guardando la telecamera
Heba Yahfoufi ha assistito alla morte di molti malati di cancro perché non potevano permettersi le cure [Mia Alberti/Al Jazeera]

Heba Yahfoufi, 34 anni, condivide la stessa disperazione. Un tecnico di laboratorio lavora quotidianamente con malati di cancro in uno dei più grandi ospedali di Beirut, dove i prezzi sono ora fissati in dollari. Dall’inizio della crisi, si è assistito a una diminuzione del numero di pazienti, poiché molti non possono più permettersi cure salvavita.

“È particolarmente difficile per i malati di cancro”. Yahfufi dice tristemente ad Al Jazeera e scuote la testa.

“La cosa peggiore che sta accadendo ora in questo paese sono gli ospedali, dove i pazienti soffrono davanti alle porte degli ospedali perché non hanno ‘nuovi dollari’ per pagare le loro cure”, dice, usando il termine libanese per indicare Banconote americane.

Alex Kote, farmacista

Dietro un tavolo c'è un farmacista con un camice bianco.
Alex Kotte spesso non riesce a trovare medicine a sufficienza per i suoi clienti [Mia Alberti/Al Jazeera]

In una farmacia vicina, Alex Kotte, 77 anni, cerca negli scaffali quasi vuoti i farmaci per la pressione sanguigna di uno dei suoi clienti abituali.

“Gli affari stanno decisamente andando in discesa”, ha detto Kotte.

L’arretratezza finanziaria del Libano ha gravemente compromesso la sua capacità di importazione, poiché uno dei settori più colpiti è quello farmaceutico, dove abbondano le carenze. Il farmacista dice che fa fatica a esprimere a parole come si sente quando non può fornire assistenza a un cliente abituale.

Kotah incolpa principalmente quelle che chiama “forze esterne che alimentano un’agenda di ladri in Libano” per i problemi del paese.

Quando gli è stato chiesto cosa avrebbe cambiato del suo paese, Kotte ha risposto: “È una causa inutile. Ho rinunciato”.

“È molto frustrante, non vediamo alcuna speranza”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x