Dopo una tragedia in mare, un naufragio diventa un potente simbolo in Italia

ROMA – La nave sporca sbiadita dai raggi del sole che ha lasciato Venezia per la Sicilia la scorsa settimana, ai più, sembrava probabilmente un relitto pronto per essere rottamato.

Invece, quando la nave ha intrapreso quello che potrebbe essere il suo ultimo viaggio, via chiatta e rimorchiatore, ed è arrivata in Sicilia martedì, altri speravano che diventasse un memoriale delle devastanti perdite imposte dal traffico di esseri umani attraverso il Mediterraneo dall’Africa all’Europa. prima. Operatori senza scrupoli.

Maria Chiara de Trapani, curatrice indipendente che lavora su progetti futuri per la nave, ha affermato che la nave, i resti più sanguinosi dei detriti del Mediterraneo a memoria d’uomo, è un simbolo della migrazione contemporanea in Europa che è diventata parte del suo patrimonio culturale.

Il 18 aprile 2015, la nave senza nome – originariamente costruita come peschereccio per un equipaggio di 15 persone – si è capovolta al largo delle coste della Libia, diventando un cimitero d’acqua di oltre 1.000 persone, molte delle quali provenienti dal Mali, Mauritius e Horn. Africa, stipata a bordo. Solo 28 passeggeri sono sopravvissuti.

Christina Cataneo, un patologo forense e antropologo che stava lavorando per identificare le centinaia di vittime intrappolate nel suo scafo quando è affondato, ha detto che il destino della nave “dovrebbe essere un promemoria che questa situazione non può accadere in un paese civile”.

La nave è diventata un simbolo tangibile dei fallimenti dell’Europa in materia di migrazione e dell’incapacità del continente di immaginare, per non parlare di attuare, politiche coordinate per affrontare l’arrivo di un gran numero di migranti, che si sono intensificate negli ultimi decenni. Da quel disastro Progetto Missing Migrants Gestito dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni, sono state registrate almeno 12.521 morti o sparizioni durante la migrazione attraverso la rotta del Mediterraneo centrale.

La nave affondò dopo essersi scontrata con una nave cargo portoghese che era venuta in suo aiuto. quella Analisi del naufragio Gli attivisti dell’immigrazione sono trattati come un caso di studio sui pericoli degli aiuti indiscriminati in mare. La nave è stata successivamente utilizzata come prova in un caso contro il capitano tunisino che ha pilotato la nave e nel 2018 è stato condannato per traffico di esseri umani.

READ  San Dimas cercherà di renderlo una sorgente ideale - San Gabriel Valley Tribune

“La storia della barca è molto complessa e molte persone partecipano” al mare “, ha detto Enzo Barresi, portavoce del Comitato 18 Aprile, un gruppo di cittadini di Augusta, in Sicilia, che vuole che la barca diventi un memoriale.

Nel giugno 2016, il governo italiano ha deciso di sollevare i detriti a 1.200 piedi dal fondo del mare per identificare le vittime. La nave è stata trasferita in una base navale ad Augusta e le vittime sono state recuperate.

Sono stati prelevati campioni di dati genetici e sono stati fotografati corpi e resti, nonché oggetti come passaporti e documenti di vaccinazione e frammenti di carta con numeri di telefono scritti a mano, trovati durante l’operazione. Il tutto è stato inviato al Laboratorio Forense dell’Università degli Studi di Milano per il noioso compito di catalogazione e potenziale identificazione.

Il destino della nave in quel momento era quello di dirigersi verso il cantiere di demolizione, come se centinaia di navi fossero state catturate dalle autorità italiane.

Ma il potere simbolico del relitto divenne evidente. Nel 2019, con il sostegno del Comitato 18 Aprile, il Consiglio Comunale di Augusta ha concesso la custodia della nave. La regione ha insistito per dichiarare un monumento di importanza culturale e il comitato ha avanzato proposte per creare un monumento che avesse la nave come fulcro.

“Come porto di mare, Augusta è sempre stata la benvenuta”, ha detto Giuseppe Di Mare, sindaco della Sicilia, primo punto di approdo per molti migranti soccorsi nel Mediterraneo, prima di essere curati e trasportati in altre città italiane. A causa del Coronavirus, le operazioni di salvataggio marittimo includono ora una sospensione temporanea delle navi in ​​quarantena e attualmente ci sono due di queste navi nel porto di Augusta.

READ  Non essere "dalla parte sbagliata della storia", dice Co Italia su Schwazer

Nel 2019 la nave ha preso una svolta inaspettata quando – con l’approvazione del consiglio comunale e del comitato – l’artista svizzero-islandese Christophe Bushel ha portato il naufragio alla Biennale di Venezia e l’ha ancorato all’Arsenal, l’ex cantiere navale della formidabile città. Repubblica di Venezia.

La nave è ora presentata “Barca Nostra” o “La nostra nave” in italiano, e viene presentata nella mostra d’arte come un “monumento all’immigrazione contemporanea” e alle restrizioni alle libertà personali.

Mercoledì scorso la nave è stata caricata su una chiatta. Sono arrivato ad Augusta martedì.

Al suo ritorno in Sicilia, ha detto la dott.ssa Giorgia Mirto, il relitto potrebbe diventare “un punto di partenza per riflettere sulla responsabilità dell’Italia per queste morti in mare”. Uno studente della Columbia University ha disegnato una mappa di dove venivano sepolti gli immigrati morti in mare nei cimiteri italiani. a Documentario 2019 Sul disastro e sui tentativi di identificare le vittime, la signora Mirto ha contato le lapidi in un cimitero che diceva: “Un immigrato sconosciuto è morto nel Canale di Sicilia il 18 aprile 2015”.

Il progetto di identificazione delle vittime prosegue sotto gli auspici del Commissario Straordinario Italiano per le Persone Scomparse. Dott. Cattaneo, medicina legale Il patologo responsabile del laboratorio universitario di Milano ha affermato che il lavoro è stato ostacolato dalla mancanza di fondi e che finora sono state identificate solo sei vittime utilizzando la loro metodologia, che include il confronto del DNA estratto dalle vittime con quello della famiglia. Organi, caratteristiche antropologiche e denti.

Si spera che quest’anno si possano fare progressi, poiché l’università sta ora collaborando con altre istituzioni accademiche, nonché con le forze dell’ordine italiane, ma ha avvertito che il caso in cui i ricercatori hanno trovato corpi dopo un anno sott’acqua ha inventato tutto. “Troppo complicato.”

READ  Adrian Campos è morto all'età di 60 anni

Anche il Comitato internazionale della Croce Rossa e altre organizzazioni nazionali affiliate hanno partecipato all’identificazione delle vittime della tragedia. Hanno adottato un approccio diverso e complementare per cercare di creare un elenco di passeggeri a bordo della nave consultando i resoconti di sopravvissuti, testimoni, parenti e amici, nonché degli oggetti recuperati dalla nave. Attualmente, chiamano alcuni dei circa 1.500 numeri di telefono – tracciati in 56 paesi – che sono stati trovati tra i rottami nella speranza di ottenere nuovi indizi.

“Per noi, la dichiarazione dei passeggeri è la cosa più importante, perché nominando le vittime, le riconosci come persone”, ha detto José Pablo Parayebar de Carmo, coordinatore forense transregionale della Croce Rossa. Dal 2017. “È importante rimuovere queste persone dalla scomparsa” e far sapere alle loro famiglie che “qualcuno sta cercando di scoprire cosa è successo” a una persona scomparsa.

Finora, il suo team ha identificato le identità di 474 persone sulla barca.

Il coronavirus ha ridotto significativamente le traversate del Mediterraneo negli ultimi 14 mesi, oltre ai decessi. Tuttavia, a partire da martedì, sono noti 449 migranti Morto Nei primi mesi del 2021.

La nave subirà ora una manutenzione urgente, dopo due anni di esposizione al clima del nord Italia.

La città di Augusta ha immaginato di collocare la nave in quello che le autorità descrivono come un “giardino della memoria”, che “dovrebbe essere all’aperto, perché quella barca dà il senso del mare, dell’aria e del cielo. Il sindaco ha detto che metterlo in un edificio sarebbe incoerente con la “sua storia”.

Ha detto: “Certamente, la nave ha raggiunto una dimensione internazionale e vogliamo che questo parco diventi un luogo di contemplazione per il mondo, in modo che tutti possano meditare”.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x