Gli antibiotici possono causare infezioni fungine fatali nei pazienti ospedalizzati


Un nuovo studio avverte che i pazienti a cui vengono prescritti antibiotici negli ospedali per prevenire la sepsi e altre infezioni batteriche corrono un rischio maggiore di sviluppare un’infezione fungina pericolosa per la vita chiamata candidosi a causa di un’interruzione del sistema immunitario nell’intestino.

È generalmente noto che i microbiomi intestinali portano strategie geneticamente codificate per la sopravvivenza con gli antibiotici.

Ma lo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Birmingham nel Regno Unito e del National Institutes of Health degli Stati Uniti, ha scoperto che gli antibiotici interrompono il sistema immunitario nell’intestino, il che significa che le infezioni fungine diventano scarsamente controllate in quell’area.

Il team ha anche scoperto che nei luoghi in cui si sviluppano infezioni fungine, anche i batteri intestinali sono in grado di fuoriuscire, aumentando il rischio di infezioni batteriche.

Mentre lo studio, pubblicato su Cell Host e Microbe, ha dimostrato il potenziale dei farmaci immunostimolanti, i ricercatori hanno affermato che il loro lavoro evidenzia anche come gli antibiotici possono avere effetti aggiuntivi sul nostro corpo influenzando il modo in cui combattiamo infezioni e malattie.

Questo a sua volta sottolinea l’importanza di un’attenta supervisione degli antibiotici disponibili.

Sapevamo che gli antibiotici peggiorano le infezioni fungine, ma la scoperta che le infezioni batteriche possono svilupparsi anche attraverso queste reazioni nell’intestino è stata una sorpresa. Questi fattori possono aggiungersi a una situazione clinica complessa e, comprendendo queste cause sottostanti, i medici saranno in grado di trattare meglio questi pazienti in modo efficace”, ha affermato l’autrice principale, la dott.ssa Rebecca Drummond, immunologa innata a Birmingham.

Nello studio, il team ha utilizzato topi trattati con un cocktail di un antibiotico ad ampio spettro e poi ha infettato questi animali con Candida albicans, il fungo più comune che causa la candidosi invasiva negli esseri umani. Hanno scoperto che, sebbene il tasso di mortalità fosse aumentato nei topi infetti, era causato da un’infezione nell’intestino, non nei reni o in altri organi.

READ  La NASA completa un importante test su un razzo che potrebbe riportare gli esseri umani sulla luna

In un altro passaggio, il team ha identificato le parti del sistema immunitario perse dall’intestino dopo il trattamento antibiotico, quindi le ha aggiunte ai topi utilizzando farmaci di potenziamento immunitario simili a quelli usati negli esseri umani. Hanno scoperto che questo approccio ha contribuito a ridurre la gravità dell’infezione fungina.

I ricercatori hanno seguito l’esperimento studiando le cartelle cliniche dell’ospedale, dove sono stati in grado di dimostrare che infezioni articolari simili possono verificarsi negli esseri umani dopo essere stati trattati con antibiotici.

Si stima che circa 1,2 milioni di persone in tutto il mondo siano morte nel 2019 a causa di infezioni resistenti agli antibiotici e si prevede che questo numero aumenterà di dieci volte entro il 2050.

“I nuovi risultati illustrano le potenziali conseguenze dell’uso di antibiotici in pazienti ad alto rischio di sviluppare un’infezione fungina”, ha affermato il dott. Drummond. “Se limitiamo o cambiamo il modo in cui vengono prescritti gli antibiotici, possiamo aiutare a ridurre il numero di persone che si ammalano gravemente a causa di queste infezioni aggiuntive, oltre ad affrontare l’enorme e crescente problema della resistenza agli antibiotici”.

20220515-124356

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x