― Advertisement ―

spot_img

Studio: la Via Lattea potrebbe essere più grande del previsto

Kunming, 12 luglio 2020 (Xinhua) -- Gli scienziati hanno affermato che la Via Lattea potrebbe essere più grande di quanto precedentemente previsto e avere...
HomescienceGli esseri umani possono sopravvivere a lungo nello spazio profondo? Forse

Gli esseri umani possono sopravvivere a lungo nello spazio profondo? Forse

Una nuova teoria suggerisce che un’abitazione umana di successo a lungo termine nello spazio profondo richiederebbe un ecosistema simile alla Terra in grado di autoripristinarsi per sostenere la tecnologia, le infrastrutture e la società. Gli elementi critici includono la replica di 1G della gravità terrestre e il mantenimento di un approvvigionamento di ossigeno affidabile, disponibilità di acqua, gestione dei rifiuti e un sistema agricolo funzionante, tutti elementi che richiedono un’energia significativa potenzialmente superiore alle nostre capacità attuali.

È possibile per gli esseri umani vivere a lungo nello spazio profondo? La risposta potrebbe essere tiepida, secondo una nuova teoria che delinea le complesse sfide di preservare la gravità e l’ossigeno, garantire l’acqua, coltivare il cibo e gestire i rifiuti mentre si è lontani dalla Terra.

È stata chiamata la teoria del pankosmorio – una parola coniata per significare “tutti i confini del mondo” – ed è descritta in un articolo pubblicato su Frontiere dell’astronomia e delle scienze spaziali.

“Affinché gli esseri umani possano sostenere se stessi e tutta la loro tecnologia, infrastruttura e società nello spazio, hanno bisogno di un ecosistema naturale simile alla Terra che si riprenda da solo”, ha affermato il coautore Morgan Irons, uno studente di dottorato che conduce ricerche. Con Johannes Lehmann, professore al College of Integrative Plant Sciences della Cornell University. Il suo lavoro si concentra sulla stabilità del carbonio organico del suolo in condizioni gravitazionali e di gravità variabile. “Senza questi tipi di sistemi, la missione fallisce”.

La prima chiave è la gravità, di cui la vita sulla Terra ha bisogno per funzionare correttamente, ha affermato il coautore Lee Irons, padre di Morgan Irons e direttore esecutivo del Norfolk Institute, un gruppo che mira a risolvere i problemi di resilienza umana sulla Terra e nello spazio.

“La gravità induce un gradiente di pressione del fluido all’interno del corpo dell’organismo a cui corrispondono le funzioni involontarie della forma di vita”, ha detto. “Un esempio di squilibrio gravitazionale è l’effetto negativo sulla vista degli esseri umani in orbita terrestre, poiché non subiscono il peso necessario per indurre un gradiente di pressione”.

Morgan Irons ha detto che non sarebbe saggio spendere miliardi di dollari per creare un insediamento spaziale solo per vederlo fallire perché anche con tutti gli altri sistemi, hai bisogno della gravità.

L’evoluzione degli esseri umani e di tutta la vita sulla Terra nel contesto della gravità terrestre 1G. “I nostri corpi, i nostri ecosistemi naturali, tutti i movimenti di energia e il modo in cui usiamo l’energia sono tutti fondamentalmente basati sull’avere 1 g di gravità”, ha detto. “In nessun altro posto nello spazio esiste 1G di gravità; in nessun altro posto nel nostro sistema solare esiste. Questo è uno dei primi problemi che dobbiamo risolvere.”

L’ossigeno è un altro fattore importante. L’ecosistema terrestre genera ossigeno per gli esseri umani e altre forme di vita. Se un sistema primario e di riserva tecnologicamente avanzato non riesce a fornire ossigeno a una base lunare, ad esempio, significa un destino immediato per gli astronauti. “Ci sono riserve ovunque nella natura della Terra”, mi ha detto Irons. Pensa a centinaia di migliaia di[{” attribute=””>species of plants that generate oxygen. That’s the kind of system reserve we need to replicate to be truly sustainable.”

Such an ecological system of an outpost would need an enormous amount of energy from the sun. The more distant planets and moons from the sun in our own solar system get decreased amounts of energy.

“You’ll need a lot of energy,” Lee Irons said. “Otherwise powering the ecological system of an outpost will be like trying to run your car on a cell phone battery or probably even worse, trying to run your entire house and household on a cell phone battery.”

Reference: “Pancosmorio (world limit) theory of the sustainability of human migration and settlement in space” by Lee G. Irons and Morgan A. Irons, 6 March 2023, Frontiers in Astronomy and Space Sciences.
DOI: 10.3389/fspas.2023.1081340

READ  OSIRIS-REx tornerà presto sulla Terra. Si sta preparando per il suo ultimo incontro con Bennu