― Advertisement ―

spot_img
HomeentertainmentI confini della "bambola russa" di questa enclave sono tra i più...

I confini della “bambola russa” di questa enclave sono tra i più complessi al mondo

Di Michael Ross, CNN

(CNN) – Attraversando il piccolo villaggio di Al Nahwa nell’emirato di Sharjah, difficilmente noterai qualcosa di straordinario.

L’architettura e il paesaggio locali sono molto simili a quelli che si trovano nelle montagne Hajar, una cresta rocciosa che corre lungo la costa orientale degli Emirati Arabi Uniti e dell’Oman.

Per scoprire il tratto molto speciale di Nahwa che condivide con un solo luogo sulla Terra, devi dare un’occhiata più da vicino a una mappa. Riduci lo zoom sul telefono e dovresti vedere diversi cerchi concentrici simili a ciambelle. Questi rappresentano i confini nazionali impilati uno sopra l’altro.

Questo perché An Nahwa è una delle uniche due anti-enclavi al mondo.

Cos’è il controseno?

Quindi, probabilmente hai familiarità con Jeep con cui probabilmente hai familiarità. Questa è una parte del territorio sovrano di un paese che è completamente circondata dal territorio di un altro paese. Esempi famosi includono Città del Vaticano e San Marino, entrambi piccoli stati all’interno dell’Italia. La controtasca aggiunge un altro livello di complessità: è una tasca all’interno di una tasca.

Al Nahwa fa parte di Sharjah negli Emirati Arabi Uniti, ma si trova all’interno dell’enclave omanita di Madha, i cui confini sono interamente circondati da tre emirati degli Emirati Arabi Uniti: Fujairah, Sharjah e Ras al-Khaimah. È come le bambole Matrioska, ma con i paesi.

Madha si trova a metà strada tra la terraferma dell’Oman, a circa 50 chilometri a sud, e il resto del Governatorato di Musandam, ed è la roccaforte del Sultanato dell’Oman sulle rive dello Stretto di Hormuz a cui appartiene.

A complicare ulteriormente le cose, oltre ad essere una controenclave internazionale, Al Nahwa è anche un’enclave locale all’interno degli Emirati Arabi Uniti. Ecco perché Fa parte del distretto Khorfakkan di Sharjah, che è separato dall’emirato continentale di Sharjah dalle regioni di Fujairah e Ras Al Khaimah.

READ  È immortale su Netflix, Hulu, Prime? Dove puoi guardare film italiani online?

L’altra tasca opposta

COSÌE Quand’è che la geografia dell’infatuazione ha deviato come la trama del film di Christopher Nolan? Alla radice di questa complessa formazione territoriale c’è una decisione presa dalla gente di questi paesi nella prima metà del Novecento.

Quando i governanti di questa regione iniziarono a consolidare i confini per creare moderni stati-nazione indipendenti, i residenti di Madha giurarono fedeltà al Sultano dell’Oman, mentre i residenti di Nuha scelsero i governanti Qawasim di Sharjah.

Vecchie lealtà sono anche l’origine dell’unica altra enclave al mondo: Baarle-Nassau/Baarl-Hertog, al confine tra Olanda e Belgio.

Quando nel 1843 Belgio e Paesi Bassi decisero di delimitare il loro confine comune, il settore Paarl fu difficile da ratificare a causa di accordi preesistenti risalenti al Medioevo.

Pertanto, i confini tra i due paesi erano in gran parte divisi in base alla proprietà. Il risultato è stato un complesso tracciato di confini che ha creato numerose enclavi e lotti confinati uno di fronte all’altro di pochi metri quadrati. Stiamo parlando di quello che equivale a un intero arcipelago enclave.

Tuttavia, la complessità amministrativa di Parli e Nahui impallidisce rispetto a quello che è stato, fino a poco tempo fa, il caso più drammatico di contro-enclavi al mondo.

Fino al 2015, anno in cui India e Bangladesh hanno firmato un accordo internazionale per snellire il loro confine comune, la regione di Koch Bihar conteneva centinaia di enclavi, decine di anti-enclavi e un caso davvero unico di anti-enclave (nota anche come terza-enclave). enclave di classe), il Dhala Khagrabari. In questo pezzo di frontiera a forma di bambola Matrioska, un appezzamento di terreno indiano si trovava all’interno di un’enclave anti-Bangladesh, a sua volta situata all’interno di un’enclave indiana all’interno del Bangladesh.

Dopo che l’India e il Bangladesh si sono scambiati il ​​territorio, è rimasta solo un’enclave del Bangladesh, Dahagram-Angarputa, che è collegata alla sua terraferma da uno stretto corridoio di terra che l’India ha accettato di affittare al Bangladesh.

La vita ad Al-Nahwa

Non vi è alcuna chiara necessità di un tale corridoio a Nahha, poiché non ci sono barriere fisiche o controlli sui passaporti di alcun tipo quando si attraversa il confine con l’Oman a Madha, e poi il confine con gli Emirati Arabi Uniti a Nahha. Lo stesso vale se prosegui verso ovest, attraversando nuovamente i confini degli Emirati Arabi Uniti e dell’Oman prima di entrare nella terraferma degli Emirati Arabi Uniti.

“Siamo tutti una famiglia qui”, mi ha detto uno degli abitanti del posto mentre faceva il pieno alla stazione di servizio di Madha.

Forse la cosa più vicina a un’espressione concreta di giurisdizioni mutevoli è la linea alle pompe, che abbraccia la linea di confine. Il flusso continuo di auto provenienti dal versante emiratino per usufruire di carburante migliore I prezzi fanno gas di lode Uno dei luoghi più frequentati della città.

La pianificazione del confine è, senza dubbio, la caratteristica più distintiva di questo luogo e una forte attrazione per i visitatori di tutto il mondo, ma non è necessario essere un fanatico del confine per godersi un viaggio a Nahwa e nell’area circostante.

Il paesaggio roccioso, quasi lunare di questa stretta valle di montagna crea un interessante contrasto quando si sale dalla costa scarsamente popolata e inzuppata di resort a pochi chilometri di distanza.

Lo scenario può essere fantastico, ma – sei stato avvertito – le condizioni della strada, non così tanto. Anche se è in buone condizioni fino ad arrivare a Nahha, una volta lasciato alle spalle questo villaggio, si svolta in una strada sterrata che attraversa un terreno un po’ irregolare. terreno che, in alcuni punti, è appena percorribile dalle auto normali.

READ  Un uomo suona il sassofono mentre viene operato al cervello in Italia

L’asperità della strada, infatti, è in parte dovuta ai canali di scolo della valle e torrenti di montagna che attraversano l’area. Fu proprio la presenza dell’acqua a far fiorire il palmeto e l’agricoltura del fondovalle ea garantire per secoli il continuo insediamento di questa zona.

Tuttavia, il vecchio villaggio di Nahwa è stato abbandonato negli anni ’90. La maggior parte dei circa 300 residenti dell’enclave opposta ora vive a Nihua, un moderno villaggio costruito su un’altura a poche centinaia di metri di distanza. dalla strada principale.

Una fila di bandiere degli Emirati non lascia dubbi sulla supremazia del Centro archeologico di Al Nahwa, una delle poche strutture lungo la strada che si incontrano viaggiando attraverso le enclavi.

Questa struttura di recente apertura mira a fornire uno sguardo al patrimonio di Al Nahwa e ai servizi ai visitatori. Da lì, diversi sentieri portano a punti di interesse storico nelle colline circostanti, come i resti di antiche torri di avvistamento e alcune antiche incisioni rupestri.

Da questo punto sono appena quattro miglia e un altro tratto di territorio dell’Oman fino a quando non si ricongiunge alla rete stradale degli Emirati presso il distretto ricreativo di Wadi Shis e, un po’ più a ovest di esso, l’autostrada per un’altra multinazionale, anche se di tipo molto diverso , La catena urbana formata da Sharjah e Dubai.

Filo della CNN
™ & © 2023 Cable News Network, Inc. , una società di scoperta della Warner Bros. Tutti i diritti riservati.