I consumatori cronici di oppioidi muoiono decenni più giovani della media: studio

I consumatori cronici di oppioidi muoiono decenni più giovani della media: studio

I risultati suggeriscono anche che gli operatori sanitari dovrebbero ricevere una formazione in cure palliative e medicina delle dipendenze per supportare meglio le persone con disturbo da uso di oppioidi.

Nuovo studio in Giornale dell’Associazione medica canadese È stato dimostrato che i consumatori cronici di oppioidi hanno un’aspettativa di vita decenni inferiore alla media.

Lo studio ha anche scoperto che le persone con disturbo da uso di oppioidi (OUD) potrebbero beneficiare di un migliore accesso alle cure palliative.

Articolo, La relazione tra disturbo da uso di oppioidi e cure palliative: uno studio di coorte che utilizza dati amministrativi sanitari collegati in Ontario, CanadaHa affermato che gli operatori sanitari che supportano le persone con dipendenza da oppioidi dovrebbero ricevere una formazione in cure palliative e medicina delle dipendenze per supportare le persone con dipendenza da oppioidi. È stato scritto da medici e ricercatori a Toronto e Ottawa.

“Abbiamo identificato importanti differenze nelle cure palliative fornite alla fine della vita tra le persone con e senza OUD. Le persone con OUD avevano meno probabilità di ricevere cure palliative”, hanno scritto gli autori.

“Il disturbo da uso di oppioidi può essere una malattia cronica e limitante la vita e le persone con disturbo da uso di oppioidi hanno meno probabilità di ricevere cure palliative a livello comunitario nei 90 giorni prima della morte. Gli operatori sanitari dovrebbero ricevere una formazione in cure palliative e medicina della dipendenza sostenere le persone Lo studio dice: “Con oud”.

Gli autori hanno affermato che è necessario un lavoro futuro per valutare l’impatto delle cure palliative sulla prescrizione di oppioidi, sull’utilizzo dell’assistenza sanitaria e sul luogo di morte per le persone con OUD, e per esplorare le esperienze di fine vita delle persone con OUD e dei loro caregiver. .

READ  Un oggetto spaziale del peso di quattro tonnellate si scontra con la luna

I ricercatori hanno affermato che il loro studio ha raccolto dati dai database sanitari dell’Ontario per identificare le persone morte tra il 1° luglio 2015 e il 31 dicembre 2021.

Delle 679.840 persone decedute, 11.200 (1,6%) avevano OUD, afferma lo studio. Lo studio ha anche affermato che, rispetto alle persone senza OUD, quelle con OUD sono morte in età più giovane.

“Tra tutti i deceduti, l’età media alla morte era di 77 anni”, afferma lo studio. “Le persone con OUD sono morte a un’età significativamente più giovane rispetto a quelle senza OUD (49,8 anni).”

Lo studio ha anche commentato il background sociale delle persone con dipendenza da oppioidi.

“Le persone con autismo morivano in età più giovane e avevano maggiori probabilità di vivere in quartieri con alti indicatori di emarginazione (basso reddito, alloggi poveri e il più alto livello di deprivazione materiale)”, afferma lo studio.

Gli autori hanno anche scritto che con l’invecchiamento della popolazione, sempre più persone con OUD avranno bisogno di accedere alle cure palliative alla fine della loro vita. Lo studio afferma anche che “le persone con OUD chi Sopravvivere ad un avvelenamento da oppioidi non fatale“Può avere gravi complicazioni come lesioni cerebrali ipossiche, nonché gravi infezioni causate da iniezioni di oppioidi.”

Gli autori hanno anche commentato altre malattie e condizioni che potrebbero colpire coloro che soffrono di grave dipendenza da oppioidi.

“Le persone con OUD avevano una maggiore prevalenza di diverse diagnosi cliniche, in particolare epatite C, disturbi dell’umore e altri disturbi di salute mentale avevano anche maggiori probabilità di avere una storia di danni legati all’alcol e agli stimolanti.”

READ  Area a rischio di malattia di Elgin Lyme identificata: Salute pubblica

È possibile ottenere una copia del testo completo dello studio Trovato on-line qui.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x