I telescopi danno risposte e domande | vita

I telescopi danno risposte e domande |  vita

Negli anni '30 Karl Jansky, ingegnere e scienziato dei Bell Telephone Laboratories, ricevette il compito di valutare l'ambiente di interferenza in cui avrebbero dovuto operare le reti di comunicazione radio pianificate.

Nel processo scoprì le emissioni radio provenienti dalla Via Lattea.

Questa scoperta segnò la nascita della scienza della radioastronomia. La comunità astronomica (ottica) ignorò in gran parte ciò che Jansky scoprì, ma l'hobbista della radio Groot Reber lo fece, e costruì il primo radiotelescopio al mondo, una parabola di 10 metri di diametro che poteva essere scansionata su e giù.

Ha prodotto la prima mappa radio del cielo, che era essenzialmente un'immagine della Via Lattea: cosa vedremmo se potessimo guardare il cielo con gli occhi radio.

L'immagine mostrava un cielo dominato dalla magnifica Via Lattea. Non c'erano segni di stelle. Vedere il cielo attraverso gli “occhi radio” ci mostra un universo molto diverso da quello che vediamo con i nostri occhi. A meno che tu non abbia trascorso qualche notte in campagna, sotto un cielo terso e scuro, probabilmente non hai mai visto la Via Lattea prima.

Nelle città abbiamo la fortuna di vedere le stelle e i pianeti più luminosi.

Le onde luminose e radio sono entrambi tipi di onde elettromagnetiche. In ordine crescente di lunghezza d'onda, ci sono i raggi gamma, i raggi X, i raggi ultravioletti, la luce visibile, i raggi infrarossi e la radio.

Tutte queste onde arrivano in pacchetti di dimensioni fisse chiamati quanti, che significa semplicemente pacchetti. Un singolo pacchetto viene definito quanto. La quantità di energia necessaria per formare un quanto dipende dalla lunghezza d'onda. Richiede un'enorme quantità di energia per formare un numero di raggi gamma e una piccola quantità per formare un'onda radio.

READ  Perché ci sono solo poche ore preziose nel 2021 in cui puoi vedere un "Meteorite" con fiducia?

Vediamo il cielo stellato con i nostri occhi perché le stelle hanno abbastanza energia per generare quantità di luce. I buchi neri, le stelle di neutroni o le supernove producono enormi quantità di energia, sufficienti a formare raggi gamma e raggi X. Tuttavia, lo spazio freddo e quasi vuoto ha una densità di energia molto piccola, sufficiente solo per produrre quantità di onde radio. Vediamo la Via Lattea solo con i nostri occhi perché milioni di stelle illuminano nubi di gas e polvere cosmici.

I nostri radiotelescopi consentono di acquisire immagini di nubi di gas e polvere e di regioni in cui gli elettroni ad alta energia interagiscono con i campi magnetici cosmici.

La combinazione di osservazioni radio e visive ci fornisce un quadro migliore di ciò che sta accadendo lì.

Poi possiamo ovviamente aggiungere osservazioni di raggi gamma e raggi X di oggetti ad alta energia, come buchi neri, stelle di neutroni e supernova.

Le osservazioni nell'ultravioletto ci parlano di stelle molto calde e nubi di gas caldo. Le osservazioni nell'infrarosso vengono utilizzate per studiare le nubi di polvere e gas, in particolare quelle che formano nuove stelle e pianeti.

L'universo è un luogo molto complesso, con condizioni in alcuni luoghi più estreme di qualsiasi cosa conosciamo sulla Terra. Ciò rende molto difficile o impossibile indovinare, ad esempio, da un'immagine radio come apparirà l'immagine ultravioletta. Solo combinando “immagini” ottenute a molte lunghezze d'onda di osservazione possiamo ottenere un'impressione realistica di ciò che sta accadendo.

Tuttavia, c’è una complicazione nel fatto che la nostra atmosfera blocca tutte le onde elettromagnetiche provenienti dallo spazio diverse dalle onde luminose e radio. Questo è un bene per noi perché i raggi gamma, i raggi X e i raggi ultravioletti sono molto pericolosi per gli organismi viventi. Possiamo osservare queste onde posizionando i nostri telescopi sopra l'atmosfera nello spazio.

READ  Eclissi lunare totale visibile nei cieli delle Filippine stasera - Philippine Canadian Inquirer

Negli ultimi dieci o due anni, il numero e la qualità degli strumenti e degli strumenti analitici a nostra disposizione per studiare l’universo sono migliorati notevolmente. Ciò risponderà a molte domande e senza dubbio ne solleverà almeno altrettante nuove.

—————

Venere, Mercurio e Marte giacciono bassi nel chiarore dell'alba. Giove e Saturno brillano a sud dopo il tramonto. La Luna raggiungerà il primo quarto il 17.

Ken Tapping è un astronomo del Dominion Radio Astrophysical Observatory del Consiglio Nazionale delle Ricerche, a Penticton.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x