― Advertisement ―

spot_img
HomeEconomyIl capo dei conservatori dell'UE critica la Germania per aver "ostacolato" l'accordo...

Il capo dei conservatori dell’UE critica la Germania per aver “ostacolato” l’accordo sull’immigrazione mentre aumentano le controversie sui richiedenti asilo – POLITICO

Mercoledì il capo dei partiti conservatori europei ha criticato il governo tedesco per aver “ostacolato” il controverso accordo sull’immigrazione con l’Unione Europea e per aver finanziato i controlli alle frontiere in Tunisia. Mentre aumentano le tensioni in tutto il blocco sulla migrazione.

I commenti di Manfred Weber, capo del Partito popolare europeo, arrivano in un momento in cui la Francia chiude le frontiere ai migranti provenienti dall’Italia e mentre il governo tedesco ripristina i controlli ai confini con Polonia e Repubblica Ceca in un contesto di crescente controversia tra Berlino. Varsavia. Anche il primo ministro italiano di destra Giorgia Meloni Si è lamentato A Schulz sui progetti di Berlino di finanziare due ONG di migranti che lavorano in Italia.

Con i crescenti disaccordi tra le capitali dell’Unione Europea, i ministri degli Interni saranno informati giovedì sugli sviluppi della situazione Il controverso accordo sulla migrazione dell’UE, che mira a stabilire, tra le altre misure, regole comuni per trattare con i cittadini extra-UE che vogliono accedere al blocco.

La Commissione europea è inoltre pronta a sbloccare più di 1 miliardo di euro di finanziamenti promessi alla Tunisia per rafforzare i controlli alle frontiere e prevenire nuove ondate di migranti diretti verso le coste europee.

Ma Weber ha affermato che la coalizione di governo guidata dal cancelliere tedesco Olaf Scholz, in particolare il Partito dei Verdi tedesco, è responsabile di aver ostacolato il progresso su diversi fronti.

“Chiediamo al governo tedesco di abbandonare il blocco della legislazione sulla crisi nella Convenzione sull’immigrazione”, ha detto Weber ai giornalisti, riferendosi alla cosiddetta regolamentazione della crisi, che fa parte della proposta di Convenzione sull’immigrazione in base alla quale l’Unione decide la soglia massima consentita per accogliere i rifugiati. Sostenere l’Unione Europea in tempi di crisi migratoria.

READ  timothee: Timothee Chalamet ha terminato le riprese di 'Dune: Part Two'

I ministri non voteranno giovedì, ma una svolta sulla questione potrebbe verificarsi in qualsiasi momento.

Sebbene molti paesi dell’Unione Europea, non solo Polonia e Ungheria, si oppongano al meccanismo di crisi, il sostegno tedesco è estremamente importante. Non è necessario il consenso, Se la Germania aderisse, ciò sarebbe sufficiente per portare avanti il ​​dossier e consentire al blocco di finalizzare un accordo all’inizio del prossimo anno.

Ma il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock ha detto domenica di non poter sostenere alcun accordo che crei “incentivi” per altri paesi dell’UE a inviare i loro migranti in Germania. I diplomatici, che hanno voluto restare anonimi per discutere la delicata questione, hanno affermato che Berlino, e in particolare il Partito dei Verdi, nutrono dubbi sulla protezione dei diritti umani e dei minori non accompagnati nella proposta di regolamentazione della crisi.

In una lettera ottenuta da Politico, Baerbock ha criticato l’accordo sulla migrazione tra UE e Tunisia, supervisionato dalla presidente della Commissione Ursula von der Leyen e presentato durante un viaggio in Tunisia durante l’estate, e che prevede che il paese nordafricano riceva fondi UE. rafforzare i controlli alle frontiere e alle spiagge. rilanciare la sua economia.

“Vorrei ribadire con forza la nostra incomprensione riguardo all’azione unilaterale intrapresa dalla Commissione riguardo alla conclusione del memorandum d’intesa tra UE e Tunisia”, scriveva Baerbock il 2 agosto al commissario responsabile dell’allargamento, lamentando che Gli Stati membri non erano stati pienamente informati prima della commissione sull’accordo con la Tunisia.

Con l’avvicinarsi delle elezioni locali in Germania e il partito di estrema destra Alternativa per la Germania in crescita nei sondaggi d’opinione, I Verdi e Baerbock sono ora sotto pressione da parte dei loro partner della coalizione – i socialdemocratici di Schulz e i democratici liberi – affinché abbandonino i loro dubbi sui meccanismi della crisi.

READ  Undici membri della famiglia criminale Gambino si sono dichiarati colpevoli in tribunale federale

Sondaggio per le elezioni del Parlamento Europeo dai sondaggi d’opinione

Per ulteriori dati sui sondaggi provenienti da tutta Europa visita POLITICO Sondaggi.

Un portavoce del governo tedesco ha dichiarato: “Stiamo lavorando sia all’interno del governo che dell’Unione Europea per garantire che un risultato venga raggiunto il prima possibile, e siamo certi che sarà così”.

Interviene

In risposta, Weber ha affermato di non comprendere la posizione di Baerbock sulla Tunisia perché anch’essa invoca la necessità di limitare l’arrivo dei migranti. Ciò che abbiamo sentito da Baerbock ci ha confusi. È questo il supporto? Non è questo il supporto? “Ancora una volta la Germania deve mostrare responsabilità e sostenere l’accordo sulla migrazione sul tavolo”, ha affermato durante una conferenza stampa a Bruxelles.

A meno di un anno dalla fine dell’elezione del nuovo parlamento da parte degli elettori europei, l’immigrazione è diventata una questione importante nella campagna elettorale, soprattutto per il campo conservatore che sta spingendo forte per finalizzare l’accordo.

Weber ha intensificato la pressione su von der Leyen, il cui Partito Democratico Cristiano fa parte del Partito Popolare Europeo, affinché dia priorità alla migrazione nell’ultimo anno del suo mandato, anche recandosi in Tunisia alla fine del mese scorso per cercare di stimolare la migrazione tra l’UE. e Tunisia. un accordo.

Finora la Commissione non ha erogato la maggior parte dei fondi comunitari alla Tunisia, ma Weber ha indicato una prima tranche di 127 milioni di euro. Ora è stato consegnato, di cui 42 milioni di euro fanno parte dell’accordo con la Tunisia.

Due mesi dopo il viaggio in Tunisia di von der Leyen, del primo ministro italiano Giorgia Meloni e del primo ministro olandese Mark Rutte, l’accordo non si è avvicinato alla risoluzione del problema migratorio. Secondo i dati del governo italiano, dall’inizio dell’anno sono arrivati ​​in Italia dalla Tunisia più di 90.000 migranti e alcuni paesi dell’UE sono critici nei confronti dell’approccio di von der Leyen ai negoziati, secondo i documenti visionati da POLITICO.

READ  Il più grande problema economico dell'Italia? ancora Italia

I diplomatici affermano che gli Stati membri sostengono l’accordo con la Tunisia ma hanno dubbi sulla sua attuazione. Una domanda è: perché la Commissione ha raggiunto un accordo con il presidente tunisino Kais Saied, un autocrate che è stato pesantemente criticato per Violazioni per i diritti umani, senza coinvolgere i socialisti.

Ma per Weber, il problema risiede nella riluttanza, soprattutto a Berlino, a dare il via libera ai fondi stanziati per aiutare la vacillante economia tunisina, ha detto Weber, aggiungendo che la procrastinazione è “inaccettabile” e “davvero frustrante”.

“Convincere gli investitori ad andare lì è una questione di volontà politica. Quindi è necessario l’impegno politico degli Stati membri”, ha aggiunto.