Il diluvio salva il villaggio ucraino dall’occupazione russa

DEMEDEV, Ucraina (Reuters) – Le inondazioni intenzionali di un piccolo villaggio a nord di Kiev hanno creato una palude e allagato cantine e campi, ma hanno impedito un attacco russo alla capitale, hanno detto i residenti.

Le forze ucraine hanno aperto una diga all’inizio della guerra a Demidyev, facendo inondare il villaggio e migliaia di acri intorno al fiume Irbin. Da allora la mossa è stata accreditata per aver impedito ai soldati e ai carri armati russi di penetrare nelle linee ucraine.

“Certo, è stato bello”, ha detto Volodymyr Artemchuk, 60 anni, residente a Dmedev.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Cosa sarebbe successo se loro (le forze russe) …. riuscissero ad attraversare il piccolo fiume e poi andassero a Kiev?”

Oleksandr Rypalko, 39 anni, ha affermato che più di un terzo di alcuni campi sono stati allagati.

Circa due mesi dopo, le persone del villaggio stavano ancora affrontando le conseguenze delle inondazioni, usando gommoni per spostarsi e piantando eventuali appezzamenti di terra asciutti rimasti con fiori e ortaggi.

I bambini sono stati lasciati con le zone umide da utilizzare come campi da gioco.

L’invasione russa, giunta al suo terzo mese, ha ucciso migliaia di civili, spinto milioni di ucraini a fuggire e ridotto le città in macerie.

Mosca descrive le sue azioni come una “operazione militare speciale” per disarmare l’Ucraina e proteggerla dai fascisti. L’Ucraina e l’Occidente affermano che le accuse fasciste sono infondate e la guerra è un atto di aggressione ingiustificato.

Durante il fine settimana, domenica la Russia ha bombardato posizioni nell’Ucraina orientale, cercando di accerchiare le forze ucraine nella battaglia del Donbass. Leggi di più

READ  Messico: Testimone della scomparsa di 43 studenti, presunto coinvolgimento dei soldati in un attentato | notizie dal mondo

(Questa storia è stata riscritta per aggiungere i nomi dei residenti e non ci sono ulteriori modifiche al testo.)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Scrivendo a Melbourne di Lydia Kelly; Montaggio di Jonathan Otis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x