Il percorso dell’Europa verso la crisi del debito del Messico

affari Esteri

Gli aumenti moderati dei tassi di interesse della BCE sono tutt’altro che brutali, ma è sospeso il messaggio che il Partito Monetario Europeo sta per finire e che l’Europa meridionale ha notevoli somiglianze con il Messico e l’America Latina negli anni ’80.

Opinione: Tra tutti i luoghi della storia, il Messico nel 1982 potrebbe darci un accenno sul futuro della politica monetaria europea.

Può sembrare strano, ma lo scenario messicano potrebbe essere in lavorazione dopo che la Banca centrale europea ha cambiato rotta la scorsa settimana.

Dopo oltre un decennio di politica monetaria espansiva e molto accomodante, i banchieri centrali europei hanno annunciato due aumenti consecutivi dei tassi di interesse a luglio e settembre. Allo stesso tempo, anche la Banca centrale europea smetterà di acquistare grandi asset.

L’azione della Banca Centrale Europea è volta al controllo dell’inflazione, che nell’Eurozona supera l’8%. La prima domanda è se un aumento cumulativo di 50 punti base influirà in modo significativo su questo tasso.

Ma l’altra, e più importante, domanda è se parti d’Europa subiranno la stessa sorte che il Messico ha subito 40 anni fa.

È importante ricordare cosa accadde in quel momento al Messico e ad altri paesi dell’America Latina. L’Europa meridionale oggi ha notevoli somiglianze con il Messico e l’America Latina negli anni ’80.

Durante gli anni ’70, la stagflazione e l’iperinflazione sono sfuggite di mano in molte parti del mondo. I problemi negli Stati Uniti sono stati particolarmente acuti, dove l’inflazione ha preso piede e si prevede una maggiore inflazione.

Per calmare la tempesta dell’inflazione negli Stati Uniti, il presidente della Federal Reserve Paul Volcker ha brutalmente alzato i tassi di interesse. Al loro apice, i tassi di interesse della banca centrale hanno raggiunto il 20%.

READ  La maison è tornata negli anni '90, giusto in tempo per l'economia degli anni '70

È stata la terapia d’urto per l’economia statunitense, che ha causato una dolorosa recessione interna, ma ha funzionato: l’inflazione statunitense è scesa a un livello accettabile.

Tuttavia, la storia non è finita, almeno per il resto del mondo.

Le politiche monetarie di Volcker hanno fatto molto di più che aumentare i tassi di interesse. Ha anche rafforzato il valore del dollaro USA sui mercati valutari.

Questo è stato un doppio shock per i paesi stranieri che in precedenza avevano preso in prestito pesantemente in dollari USA. Non solo ora dovevano aumentare i pagamenti degli interessi sui prestiti, ma per permettersi quei dollari statunitensi più costosi, avevano anche bisogno di più valute locali.

Il risultato fu la crisi del debito messicano del 1982, la prima di molte crisi del debito latinoamericano negli anni ’80.

Il Messico ha preso molto in prestito e prendere in prestito in obbligazioni denominate in dollari USA lo ha reso ancora più rischioso.

La conseguente crisi del debito del Messico non è stata solo colpa sua. Sì, il Messico ha preso molto in prestito. Ma dietro c’era il brutale aumento dei tassi di interesse statunitensi. Questi tassi di interesse sono stati, ancora una volta, una risposta all’inflazione elevata, che a sua volta è il risultato di una politica monetaria accomodante e di shock dell’offerta. Come sempre, l’economia è complessa.

Tuttavia, c’è una lezione importante che possiamo imparare da ciò che è successo in quel momento: una volta che l’inflazione sfugge al controllo, gli sforzi per frenarla saranno brutali e avranno molti cattivi effetti collaterali.

READ  L'eredità di Franco - South Sound Magazine

Il che ci riporta direttamente alla Banca centrale europea.

I moderati aumenti dei tassi annunciati dalla Banca Centrale Europea sono tutt’altro che brutali. Anche dopo che gli aumenti della BCE ora annunciati, la BCE rimarrà ben al di sotto di ciò che potrebbe apparire una politica monetaria neutrale Regola di Taylor.

Tuttavia, si è ora in attesa di scrivere che il Partito Monetario Europeo stia (finalmente) per finire. È improbabile che i leader della BCE ne siano contenti, ma il rapido aumento dell’inflazione non lascia loro altra scelta che invertire la rotta.

Possiamo vedere l’evidenza di questa inversione da parte della Banca Centrale Europea dei rendimenti dei titoli di Stato italiani a 10 anni. Viene scambiato a circa il 3,8%, il livello più alto in quasi un decennio.

Questo, di per sé, sarebbe già motivo di preoccupazione. L’Italia è fortemente indebitata, quindi un tale aumento degli oneri finanziari del governo italiano sarebbe costoso per il ministro delle finanze.

Ma quello che fa venire in mente Messico 1982 è il contestuale aumento degli spread di rendimento tra obbligazioni italiane e tedesche. Questa prevalenza è raddoppiata rispetto allo scorso anno e ora supera il 2%. Ciò significa che i mercati stanno ancora una volta separando i membri della zona euro dai rischi percepiti.

Questo è qualcosa che abbiamo visto durante la crisi della zona euro del 2009-2012 e potrebbe in realtà ricordarci la crisi del debito del Messico del 1982.

La somiglianza qui è che vediamo un’importante misura della banca centrale per controllare l’inflazione. Ma così facendo, sta spingendo i paesi carichi di debiti ai loro limiti – e forse oltre.

READ  L'inviato speciale dell'Onu rinnova le sue richieste per il ritiro delle forze straniere dalla Libia

Ci sono due differenze tra Messico 1982 e Italia 2022. La prima è la più ovvia. Mentre Paul Volcker ha alzato i tassi di interesse a livelli vertiginosi, Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, ha appena avviato il processo. Finora, gli aumenti della BCE nei tassi di interesse si verificano a dosi omeopatiche.

La seconda differenza è più speculativa: quando Volcker ha alzato i tassi di interesse, ha causato crisi nei paesi che hanno preso in prestito in una valuta straniera: il dollaro USA. Ecco perché il Messico è stato colpito così duramente.

Quando la BCE alza i tassi di interesse (o meglio quando la BCE finalmente alza i tassi di interesse correttamente), i paesi più colpiti avrebbero preso in prestito in euro. Ma la domanda sarà se l’euro italiano sarà lo stesso dell’euro olandese o tedesco.

In altre parole, a un certo punto torneremo sulla questione fondamentale dell’euro, vale a dire se ha un futuro come moneta comune.

Più l’inflazione aumenta in Europa e più l’inflazione si discosta dai rendimenti dei titoli di Stato europei, più rischioso diventa il gioco per la BCE. E poi non si tratterà più se la BCE può combattere l’inflazione, ma se può mantenere in vita l’euro.

Avendo contribuito alla crisi del debito del Messico attraverso la sua politica monetaria, Volcker fu infine costretto a organizzare un prestito di salvataggio ampio e senza precedenti per il Messico nel 1982.

Christine Lagarde potrebbe ritrovarsi nella stessa situazione con l’Italia in futuro. Eppure non avrà altra scelta che combattere l’inflazione ora.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x