― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldIntimidazione nell'aria: il pilota sporge un cobra sotto il sedile

Intimidazione nell’aria: il pilota sporge un cobra sotto il sedile

Città del Capo, Sudafrica –

Un pilota sudafricano ha effettuato un atterraggio di emergenza dopo aver avvistato un cobra altamente velenoso nascosto sotto il suo sedile.

Rudolf Erasmus aveva quattro passeggeri a bordo dell’aereo leggero durante un volo lunedì quando ha sentito “qualcosa di freddo” scivolargli lungo la schiena. E guardò in basso per vedere la testa piuttosto massiccia di un Cape Cobra “ritraendosi sotto il sedile”, disse.

“Era come se il mio cervello non sapesse cosa stava succedendo”, ha detto all’Associated Press.

Dopo essersi fermato un attimo, raccontò furtivamente ai suoi passeggeri del pendio scivoloso.

“C’è stato un momento di silenzio stordito”, ha detto. Tutti rimasero calmi, specialmente il pilota.

Erasmus ha contattato il controllo del traffico aereo per ottenere il permesso per un atterraggio di emergenza nella città di Welkom, nel Sud Africa centrale. Doveva ancora volare altri 10-15 minuti e far atterrare l’aereo con il serpente in piedi.

“Continuavo a guardare in basso per vedere dov’era. Era felice sotto la panca”, ha detto Erasmo. “Non ho molta paura dei serpenti, ma di solito non mi avvicino a loro.”

Brian Emines, che lavora per la stazione radio Welcome Gold FM ed è anche un esperto di aviazione, ha ricevuto una telefonata per vedere se poteva essere d’aiuto. Ha chiamato i vigili del fuoco e il dipartimento di soccorso, che hanno inviato paramedici di emergenza e un addestratore di serpenti per incontrare l’aereo all’aeroporto. Emenes ha detto che inizialmente Emenes era sulla scena e ha visto tutti scendere “ed erano visibilmente scossi”.

“Ha mantenuto la calma e ha fatto atterrare quell’aereo con un mortale imbuto velenoso di Cape Cobra sotto il sedile”, ha detto Emenes.

I Cape Cobra sono considerati uno dei cobra più pericolosi in Africa a causa della potenza del loro veleno.

Il dramma non è finito per il povero pilota.

Il benvenuto addestratore di serpenti Johan de Klerk e un team di ingegneri di volo hanno ispezionato l’aereo per la maggior parte dei due giorni, ma mercoledì non avevano trovato il cobra e non erano sicuri che si fosse insinuato inosservato.

La società di ingegneria Erasmus che lavora per il suo aereo voleva tornare nella città di Mbombela, nel nord del Sudafrica. Quindi, doveva tornare a casa, con un volo di 90 minuti con la possibilità che il Cobra fosse ancora a bordo.

Non sorprende che i suoi passeggeri abbiano deciso di trovare un altro modo per tornare a casa.

Questa volta Erasmus ha preso alcune precauzioni: ha detto che indossava una spessa giacca invernale, avvolto una coperta intorno al sedile, aveva un estintore, una bomboletta di repellente per insetti e una mazza da golf a portata di mano nell’abitacolo.

“Direi che sono in massima allerta”, ha detto Erasmo.

Il cobra non è riapparso su quel volo, ha detto Erasmus, e l’aereo è ora completamente spogliato, ma non c’è traccia di un serpente.

La teoria sostiene che abbia trovato la sua strada a bordo prima che Erasmus e i suoi passeggeri decollassero all’inizio del loro viaggio dalla città di Worcester nella provincia del Capo Occidentale, dove di solito si trovano i Cape Cobra in Sud Africa. Potrebbe essere uscito a Wellcome o potrebbe essere ancora nascosto da qualche parte nel profondo dell’aereo.

READ  La Francia ha denunciato la "duplicità" nell'accordo sottomarino USA-Australia mentre Canberra ha fatto marcia indietro

“Spero che troverà un posto dove andare”, disse Erasmo. “Solo non il mio aereo.”