La Chiesa finalmente! A 20 anni dal gol di suo padre Enrico, Federico dimostra di essere uno della Juventus prima pagina

La Juventus ha fatto una partita seria e l’ha vinta completamente. Molta differenza tecnica rispetto a Dynamo Kiev, Come era già evidente nella prima tappa in Ucraina. La voglia di Federico Chiesa di dimostrare di essere davvero un giocatore della Juventus è tantissima. Viola, il primo, ha segnato il primo gol da solo ed è stato critico anche nel secondo e terzo gol della Juventus. Ne aveva bisogno Pirlo Risposta di questo tipo dopo dubbi con Ferencvaros (Vincere senza giocare), soprattutto dopo un pareggio Benevento. Tuttavia, per finire primo nel girone, avrebbe dovuto fare un’impresa sul pavimento dello stadio del Barcellona che ha schiacciato il Ferencváros a Budapest. Vista la sconfitta per 0-2 nel diretto di Torino, non basterebbe ai campioni d’Italia vincere al Camp Nou con lo stesso punteggio perché saranno nettamente sconfitti per differenza reti (+14 per i catalani, +7 per i bianconeri), Ma dovranno battere il Barcellona di due gol e aver segnato almeno 3 gol, Quindi finiranno al primo posto per il maggior numero di gol segnati fuori terra. Azienda, in realtà.

Il primo gol di Kiza – Nessuna esagerazione ma con forza e determinazione La Juventus ha dominato la partita e ha concesso a Mercia Losescu solo poche uscite e la pericolosissima Dynamo è stata una sola volta.. Solo buone notizie sono arrivate da questa apparente vittoria. Il migliore in Federico Account una chiesa Chi ha segnato il suo primo gol in Juventus il diritto di Champions League. La viola precedente, stesa a destra, era irrefrenabile. Ha provato due volte e ha colpito l’occhio del toro alla terza occasione dopo un attacco profondo Murata E un cross di Alex Sandro. La chiesa ha colpito la sua testa, separandosi Mikulenko (Tra l’altro, agente non facile), la palla è entrata anche per la maldestra interferenza del portiere Bhushan. Nel primo tempo Chiesa è stato utile ed efficace anche nella ripresa difensiva; Nella ripresa ha ripetutamente rotto e ha partecipato con assist e pre-passaggio agli altri due gol della Juventus. Curiosità: Chiesa Jr. ha segnato un gol in Champions League a 20 anni e 256 giorni dall’ultimo gol in gara del padre Enrico Chiesa.. Prima dell’1-0 la Juventus aveva terminato 6 volte e in un’occasione (di Morata) sfiorava il gol (contrasti istintivi di Bhushan). Dopo l’1-0, però, tutta la traversa di Ronaldo, sempre con l’aiuto di Alex Sandro: guardando l’inizio del tiro (ai limiti dell’area piccola), va contemplato un gol sbagliato. Per 40 minuti la dinamo davanti era inesistente.

READ  Maradona è morta prima pagina

DECISIVO SZCZESNY – Ma non appena la Juventus ha rallentato, nel finale del primo tempo, la squadra ucraina è entrata in campo e ha realizzato una superba palla da gol con un fallo fatale. La leggendaIn questo gioco, non giocare a sinistra, non a destra Bonucci. Attraverso KedzioraIl centrocampista olandese ha frainteso la traiettoria e il buco della palla, e il passaggio di Verbich al petto TsygankovIl suo compagno, Shibaliev, l’ha impedita, al termine di due passaggi Szczesny ha realizzato il suo capolavoro dando il via. Non molto tempo fa Bonucci ha rischiato un calcio di rigore a Verbich: la signora Frappart era ad un passo e ha deciso che andava bene.

Mi sto decorando – L’altra bella notizia per il tecnico bianconero (che ha apportato sei modifiche rispetto al match del Benevento) è arrivata dai due terzini. DemiraleAl rientro dopo un problema muscolare ha giocato a destra, in una nuova posizione per lui anche se lui, battendo la Juventus con tre, era in realtà al terzo posto e dominava facilmente il tecnico Rodrigues Nel primo tempo e Tsygankov nel secondo. Il rovescio della medaglia stava pagando a un buon ritmo Alex SandroAlla ricerca del caso migliore. La ricerca si è conclusa quando il suo sinistro è partito con un cross in porta di Chiesa e il passaggio traversa di Ronaldo.

I 750 su CR7- La Juventus ha sofferto un po ‘nei primi dieci minuti del secondo tempo, quando Dynamo Kiev Ha fatto del suo meglio nel dribblare e nel potere d’attacco. Chesney È riuscito a salvare Latif in un tiro incrociato TsygankovMa poi la chiesa è esplosa di nuovo. Con il primo attacco ha creato confusione nella regione ucraina (ha sbagliato però nell’ultima selezione, ha dovuto invece tirare e mettere palla al centro), e nel secondo attacco ha spinto la Juventus sul 2-0 e Ronaldo ha portato gli stessi 750 gol in carriera, che è esattamente un decimo con la maglia bianconera. Viola sfonda dalla destra (Mikulenko non riesce a tirare), cross di Morata, Buchan corto e disperatamente respinge, palla a Ronaldo che basta per mettere in rete. Un abbraccio per i suoi 750 gol in carriera.

READ  Susan Geocaris Patzakis 1941-2021 | Notizie, sport, lavoro

Ancora una chiesa Morata – Sul 2-0 Pirlo ha eliminato Bonucci (al ritorno) per piazzare Danilo (destro) e rimettere Demiral in mezzo. Un altro cambiamento era per RamseyUno dei pochi bianconeri in ombra, per Bernardeschi. La Juventus non ha mai smesso di attaccare e ancora una volta attacca arrabbiata una chiesa Ha dato il suo terzo gol: scambio con McKinneyL’ex Viola mette palla al centro dell’area per Morata, controllo, dribbling, calma, gol. Per Alvaro, i sei gol di questa edizione rappresentano il suo record in Champions League. L’ultimo giocatore della Juventus a segnare almeno 6 gol nella fase a gironi della UEFA Champions League è stato David Trezeguet nel 2001/02. Ha fatto solo sei e lo spagnolo poteva ancora batterli. oh, Ronaldo non è il solo a pensare alle registrazioni.

tavolo

Juventus – Dinamo Kiev 3-0
cartello
: pt 21 ‘Chiesa (J); st 12 ‘Ronaldo (j), 21’ Morata (y)
Aiuto: pt 21 ‘Alex Sandro (J), 12’ Morata (J), 21 ‘Chiesa (J).
Juventus (4-4-2): Chesney; Demiral (24 ‘Dragussen Street), Bonucci (17’ Saint Danilo), De Licht, Alex Sandro; Chiesa (31 ‘St Kulusevski), Bentancur (31’ St Arthur), McKennie, Ramsey (17 ‘st Bernardeschi); Morata, Ronaldo. A disposizione: Bensoleo, Dybala, Quadrado, Rapiot, Da Graca, Frauta, Portanova. Stormi di Pirlo.
Dinamo Kiev (4-1-4-1): Bhushan. Kedziona, Zabarny, Popov, Mykolenko (39 ‘st Karavaev); Sidorshock. Tsygankov (46 ‘st Lednev), Shepeliev (28’ st Garmash), Shaparenko, Rodrigues (28 ‘st De Pena); Verbeek (28 ‘Street Supriaga). Dis. Neshcheret, Borko, Baluta, Shabanov, Andriyeski“ Clayton, Syrota. Tutti. Losescu.
Regola: Frappart (Francia).
Verdetto dell’assistente video: Melot (Francia).
Ammonite: pt 10 ‘Bentancur (J), 27’ Zabarnyi (D); 35th Street ‘Shaparenko (d).

READ  Shapovalov si è qualificato per il terzo turno dell'Open d'Italia e ha giocato una partita contro Nadal

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x