La guerra russa in Ucraina: dichiarazione congiunta sul secondo rapporto sul meccanismo indipendente di Mosca dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa

Grazie, signor presidente.

Rilascio questa dichiarazione a nome del mio paese, dell’Albania e di altri 45 paesi partecipanti: Andorra, Austria, Belgio, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Canada, Croazia, Repubblica di Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Georgia . , Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Irlanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Repubblica Moldova, Monaco, Montenegro, Paesi Bassi, Macedonia del Nord, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, San Marino, Serbia, Slovacchia Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ucraina, Regno Unito e Stati Uniti.

Signor Presidente ,

L’11 luglio i paesi partecipanti all’OSCE hanno ricevuto il secondo rapporto di esperti indipendenti sul Meccanismo di Mosca. Il rapporto documenta le violazioni del diritto umanitario internazionale, nonché le violazioni e gli abusi del diritto dei diritti umani, che possono equivalere a crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi in Ucraina tra il 1 aprile e il 25 giugno 2022.

Il mandato degli esperti era:

Considerare, seguire e costruire sui risultati I paesi partecipanti all’OSCE hanno ricevuto il rapporto del Meccanismo di Mosca il 12 aprile 2022 Affrontando “i diritti umani e le conseguenze umanitarie dell’invasione della Federazione Russa e degli atti di guerra, con il sostegno della Bielorussia, sul popolo ucraino, entro i confini dell’Ucraina riconosciuti a livello internazionale”.

Abbiamo anche chiesto all’ODIHR di fornire qualsiasi informazione o documentazione pertinente dalla missione ad altri meccanismi di responsabilità appropriati, nonché a tribunali o tribunali nazionali, regionali o internazionali che hanno, o potrebbero avere in futuro, giurisdizione.

La nostra protesta collettiva al meccanismo di Mosca il 2 giugno 2022, con il sostegno dell’Ucraina, riflette le nostre preoccupazioni condivise sull’impatto dell’invasione russa dell’Ucraina.

Mentre le nostre capitali e delegazioni stanno ancora esaminando in dettaglio il rapporto di 115 pagine, vorremmo evidenziare una serie di conclusioni critiche a cui sono giunti gli esperti nel rapporto.

READ  Eurovision 2021 giorno 3: prove da San Marino, Estonia, Repubblica Ceca e Grecia - EuroVisionary

Questo rapporto mette in luce due nuove tendenze allarmanti.

Il primo è “la creazione e l’utilizzo dei cosiddetti centri di filtraggio […] dalle forze armate russe.” I civili sono trattenuti per almeno 30 giorni come parte del processo di liquidazione, con quelli ritenuti “inaffidabili” […] Devo restare per due mesi”.

La seconda tendenza è la tendenza segnalata della “Federazione Russa ad andare oltre i suoi obblighi internazionali consegnando le persone detenute alle cosiddette Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk e consentendo a queste entità de facto di impegnarsi in pratiche problematiche, inclusa l’imposizione della pena di morte. Pena risultante da processi che non soddisfano gli standard di base del processo. “equo”. Queste entità non hanno autorità legale internazionale o nazionale.

Inoltre, la seconda missione “ha ampiamente confermato le conclusioni della prima missione. Ha scoperto chiari schemi di gravi violazioni del diritto umanitario internazionale per lo più attribuibili alle forze armate russe in molte aree indicate dalle sue indagini”. Il rapporto ha sottolineato “l’entità e la frequenza degli attacchi indiscriminati contro civili e oggetti civili”. Le vicende relative ai paesi di Bucha e Irbin, visitati dalla missione, sono esempi emblematici di queste gravi violazioni.

Esperti indipendenti osservano che l’invasione russa ha influito sia sulla sicurezza alimentare dell’Ucraina che sulla sicurezza alimentare globale, esacerbata dal furto di grano ucraino e dalla sospensione delle spedizioni mercantili nel Mar d’Azov.

Come osserva il rapporto, “Milioni di tonnellate di grano rimangono intrappolate nei porti ucraini e su navi immobili, colpendo in modo significativo le forniture alimentari e agricole globali e minacciando di causare una crisi della fame globale”.

READ  La Francia ha segnato due punti su due con l'Italia che è sopravvissuta dopo il pareggio dell'Islanda

Per quanto riguarda le raccomandazioni per ulteriori azioni, il rapporto amplia i collegamenti tra il Rapporto sul meccanismo di Mosca e altri meccanismi di responsabilità e rileva il ruolo svolto dalle istituzioni giudiziarie.

Signor Presidente ,

Vorremmo ringraziare i professori Belkova, Gercio e Sansen per il loro diligente lavoro nella preparazione di questo rapporto in così poco tempo. Come accennato, questo rapporto richiede un’attenta considerazione e considerazione, sia nella regione dell’OSCE che altrove. Tuttavia, le conclusioni generali sono presentate in modo chiaro e convincente. Vorremmo esprimere il nostro sostegno all’Ucraina e ai suoi cittadini. Ora gli Stati partecipanti e la comunità internazionale devono garantire che vengano prese le misure necessarie, incluso il pieno utilizzo dell’OSCE e dei suoi strumenti nel quadro della dimensione umana.

Grazie, signor Presidente, e chiedo che questa dichiarazione sia allegata alla rivista di oggi.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x