La NASA afferma che l’antico Marte ha subito migliaia di gigantesche eruzioni vulcaniche

La NASA afferma che un’area di Marte conosciuta come Arabia Terra ha subito migliaia di massicce eruzioni vulcaniche, quelle che erano così potenti da riuscire ad alterare il clima del Pianeta Rosso per decenni dopo. Le eruzioni si sono verificate in un periodo di 500 milioni di anni, secondo l’agenzia spaziale, con i ricercatori che hanno recentemente pubblicato un articolo scientifico sull’argomento.

Le eruzioni che si sono verificate in questa regione sull’antico pianeta Marte erano “eruzioni super vulcaniche” – per aiutarle a renderle pubbliche, I ricercatori della NASA dicono La quantità di gas e lava di una di queste eruzioni era abbastanza grande da riempire 400 piscine olimpioniche. L’enorme quantità di cenere generata avrebbe oscurato il sole per migliaia di chilometri.

Queste eruzioni hanno lasciato le caldere, che sono enormi buchi in cui il vulcano appena eruttato è crollato; Si possono trovare caldere simili in vari luoghi della Terra. La NASA ha osservato diverse di queste caldere nella regione della penisola arabica di Marte, suggerendo antiche eruzioni e il loro profondo impatto sul Pianeta Rosso.

Sulla base di ricerche precedenti, gli scienziati sono stati in grado di trovare prove di cenere che avrebbe potuto provenire dalle eruzioni. Lo spessore della cenere ha aiutato a determinare quante antiche eruzioni potrebbero essersi verificate, con un numero di migliaia. L’ultima di queste grandi eruzioni si è verificata circa 4 miliardi di anni fa.

Finora, la NASA ha trovato solo prove di gigantesche eruzioni vulcaniche nella terra della penisola arabica. L’agenzia spaziale spiega che sul Pianeta Rosso si trovano anche altri tipi di vulcani, tra cui un enorme “vulcano a scudo” chiamato Olympus Mons che è 100 volte più grande del vulcano più recente sulla Terra. Non è ancora chiaro in questo momento perché così tanti vulcani giganti si riuniscano in questa particolare regione di Marte.

READ  Il ministro della Sanità NB ha affermato che l'indagine sulla misteriosa sindrome cerebrale continua

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x