La pubblicità anti-italiana negli USA deve finire

Dichiarazione CCAG riferita alle “Cinque Famiglie”.

Gli Stati Uniti sono sempre stati un crogiolo. Il multiculturalismo è una caratteristica essenziale che rende il Paese così speciale.

Fucsia Nisouli

Come deputato al Parlamento italiano, rappresento la regione del Nord e Centro America alla Camera dei Deputati per i Cittadini Italiani all’Estero. Questa zona include il Connecticut, che occupa un posto speciale nel mio cuore. Ho vissuto a Newtown e ho visto di persona gli enormi contributi che gli italoamericani hanno dato allo stato e alla sua cultura.

Ecco perché sono rimasto sbalordito nel vedere un recente annuncio del Connecticut Citizens’ Action Group (CCAG) che utilizzava tropi razziali sugli italoamericani per promuovere un’agenda politica.

Nell’annuncio, hanno nominato le aziende sanitarie con sede nel Connecticut Anthem, Cigna, CVSHealth, Tufts/Havard Pilgrim e United Healthcare come le “Cinque famiglie del Connecticut”. È un chiaro e vergognoso tentativo di equiparare gli assicuratori sanitari, i loro leader e i membri della criminalità organizzata.

La Commissione per la Giustizia Sociale®, il ramo anti-diffamazione dei Figli e Figlie d’Italia in America (OSDIA), ha scritto direttamente al CCAG per chiedere di rimuovere questi annunci e porre fine agli stereotipi negativi del CCAG sugli italoamericani . nei loro annunci.

Gli italoamericani e gli italiani sono stati a lungo soggetti agli stereotipi della criminalità organizzata. Hollywood ha svolto un ruolo importante nello sviluppo di questa rappresentazione, con alcuni dei film e degli spettacoli televisivi più famosi della storia dell’intrattenimento incentrati su queste metafore.

Questi attacchi del CCAG non sarebbero potuti arrivare in un momento peggiore:

  • Ottobre è il mese del patrimonio italo-americano, che riconosce i contributi e i risultati degli italoamericani nel Connecticut e in tutto il paese.
  • Ad Hartford, il Wadsworth Atheneum Museum of Art ha aperto la prima galleria dedicata esclusivamente alle artiste italiane. (“Con la mano: Artemisia Gentileschi e le artiste in Italia, 1500-1800”) che esplora come le donne riuscirono nel mondo dell’arte dominato dagli uomini dell’epoca e celebra i contributi vitali delle donne alla storia dell’arte italiana attraverso opere raramente viste, borse di studio moderne e presentazioni di artisti quasi sconosciuti. Molte opere vengono mostrate pubblicamente per la prima volta o vengono mostrate per la prima volta negli Stati Uniti.
  • Il governatore Ned Lamont ha recentemente nominato i membri Comitato consultivo sui crimini d’odio del Connecticut. Creato in base a una legge statale recentemente adottata per coordinare programmi che aumentano la consapevolezza della comunità, denunciando e combattendo i crimini d’odio.
READ  Argomento del guidatore della Prius per il miglio

Invece di celebrare questi eventi straordinari e lavorare con i leader del Connecticut per fermare l’odiosa demagogia, ora ci troviamo di fronte a stereotipi razziali più antiamericani da parte del CCAG attraverso la costante caricatura del CCAG di laboriosi italoamericani.

Nessuno dovrebbe affrontare l’essere ferito e attaccato per quello che è, ed è sbagliato che il CCAG prenda di mira le persone a causa della loro eredità e del loro paese ancestrale. Proprio come nessuno dovrebbe essere preso di mira a causa del colore della sua pelle, della religione che pratica, della persona che ama, del suo paese di nascita o di altri tratti della personalità che definiscono chi è, nemmeno gli italoamericani dovrebbero essere presi di mira.

Gli italiani non sono sempre stati accolti negli Stati Uniti. Come molti altri gruppi di immigrati che sono venuti in America con il sogno di una vita migliore, non è stato sempre facile essere nuovi arrivati. Gli italiani sono stati oggetto di diffusi pregiudizi e discriminazioni in passato.

È deludente che nel clima culturale odierno, CCAG scelga intenzionalmente di creare questi annunci e promuovere queste immagini discriminatorie, specialmente quando due dei presidenti e amministratori delegati di queste società sono di origine italo-americana.

Indipendentemente dalle proprie opinioni sull’assicurazione sanitaria, sulla polizza assicurativa o sulle compagnie assicurative, non ci sono assolutamente scuse per utilizzare immagini diffamatorie e culturalmente insensibili per diffondere un messaggio. In effetti, questi annunci sono fuorvianti e non fanno altro che perpetuare i miti storici che hanno afflitto gli italoamericani per decenni.

La cultura italiana è profondamente radicata nel tessuto del Connecticut. Dalla musica al cibo alle iniziative con impatto globale, gli italoamericani hanno una storia orgogliosa di influenza culturale nello stato.

READ  Plex sorprende gli utenti con i test di integrazione delle app di Apple TV

Gli Stati Uniti hanno compiuto enormi progressi nell’eliminazione degli stereotipi razziali negativi, non solo quelli associati agli italiani, ma a tutti i gruppi razziali. Per sostenere questo progresso positivo è necessario continuare a condannare gli stereotipi razziali negativi.

Il Connecticut Citizen Working Group si impegna a rimuovere immediatamente le sue pubblicità dal suo sito Web e dai canali dei social media. Dovrebbero anche offrire delle scuse ai dirigenti e ai dipendenti di queste aziende e alla comunità italo-americana.

Onoriamo e celebriamo le culture che hanno contribuito a rendere il Connecticut un posto speciale. Rifiutiamo l’uso di stereotipi negativi per promuovere un obiettivo politico.

Fucsia Fitzgerald Nissoli Rappresenta i cittadini italiani residenti all’estero in Nord e Centro America presso la Camera dei Deputati del Parlamento italiano (Camera dei Deputati).


CTViewpoints accoglie con favore opinioni contrarie o dissenzienti su questo e tutti i suoi commenti. Leggi le nostre linee guida e invia il tuo commento qui.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x