Le dichiarazioni dei redditi di Trump rilasciate dopo una lunga battaglia con il Congresso degli Stati Uniti

Venerdì un comitato della Camera controllato dai democratici ha rilasciato al pubblico sei anni di dichiarazioni dei redditi dell’ex presidente Donald Trump con una mossa insolita, giorni prima che i repubblicani prendessero il controllo della camera.

È l’ultimo colpo per Trump, 76 anni, che è stato messo sotto accusa solo due volte dalla Camera dei rappresentanti a guida democratica e entrambe le volte assolto dal Senato degli Stati Uniti, e ora deve affrontare molteplici problemi legali mentre lotta per la rielezione nel 2024.

All’inizio di questo mese, il comitato della Camera che indaga sull’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio degli Stati Uniti ha chiesto ai pubblici ministeri federali di accusarlo di quattro capi di imputazione, tra cui ostruzione e insubordinazione.

Il rilascio dei rendimenti rivisti di Trump per il 2015-2020 ha coronato una battaglia pluriennale tra l’ex presidente repubblicano e i legislatori democratici, che si è risolta solo il mese scorso quando la Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che doveva consegnarli alla House Ways and Means Committee .

Trump si era rifiutato di rilasciare i suoi rendimenti quando si era candidato alla presidenza e ha combattuto una battaglia legale per mantenerli segreti mentre era alla Casa Bianca.

L’ex presidente, noto per aver costruito grattacieli e aver ospitato un reality show prima di diventare presidente nel 2016, ha fornito alcuni dettagli limitati sulle sue partecipazioni e sul suo reddito sui moduli di divulgazione obbligatoria. Ha aggiornato la sua ricchezza in bilanci annuali che presenta alle banche per ottenere prestiti e riviste finanziarie per giustificare il suo posto nelle classifiche dei miliardari nel mondo.

READ  Il principe Harry, i giornali Elton John Sue collegati a presunte intercettazioni telefoniche

Il presidente del comitato Ways and Means Richard Neal ha richiesto le dichiarazioni dei redditi nel 2019, sostenendo che il Congresso ne aveva bisogno per determinare se la legislazione sulle dichiarazioni dei redditi presidenziali fosse giustificata.

Il presidente del comitato House Ways and Means Richard Neal, al centro, parla ai media venerdì dopo che il comitato ha votato per rilasciare pubblicamente anni di dichiarazioni dei redditi di Trump. Al fianco di Neil ci sono i rappresentanti democratici Judy Chu e Mike Thompson, entrambi della California. (J.Scott Applewhite/Associated Press)

I repubblicani hanno affermato che la mossa potrebbe armare politicamente le dichiarazioni dei redditi individuali e hanno avvertito che i membri del partito che assumeranno la presidenza del comitato il prossimo mese dovranno affrontare pressioni per seguire un corso simile contro i principali democratici.

Trump ha rilasciato una dichiarazione poco dopo che la commissione ha rilasciato le dichiarazioni dei redditi, affermando che il divario politico negli Stati Uniti “ora peggiorerà”.

“I democratici non avrebbero mai dovuto farlo, la Corte Suprema non avrebbe mai dovuto acconsentire, e farebbe cose terribili per molte persone”.

“I Democratici di estrema sinistra hanno armato tutto, ma ricordate, questa è una pericolosa strada a doppio senso”.

Trump, entrato in carica nel 2017, è stato il primo candidato presidenziale da decenni a non sbloccare le tasse. Ha citato in giudizio il comitato per cercare di mantenerli segreti, ma la Corte Suprema degli Stati Uniti si è pronunciata a favore del comitato.

La Camera dei rappresentanti ha approvato un disegno di legge che richiede il vaglio

Un rapporto pubblicato all’inizio di questo mese dal Comitato congiunto congressuale apartitico sulle tasse ha sollevato diverse bandiere rosse su aspetti delle dichiarazioni dei redditi di Trump, comprese le sue perdite di riporto, le detrazioni relative a risparmi e donazioni di beneficenza e prestiti ai suoi figli che potrebbero essere regali tassabili.

La Camera ha approvato un disegno di legge in risposta che richiederebbe una verifica della dichiarazione dei redditi di qualsiasi presidente. Tuttavia, il Senato non ha intrapreso alcuna azione sul disegno di legge prima di aggiornarsi sulla sospensione.

I repubblicani si sono fermamente opposti alla legislazione, sollevando preoccupazioni sul fatto che una legge che richiede audit violerebbe la privacy dei contribuenti e potrebbe portare all’utilizzo di audit per guadagni politici.

La misura, che è stata approvata per lo più lungo linee di partito, ha poche possibilità di diventare legge in tempi brevi con l’insediamento a gennaio della nuova Camera dei Rappresentanti guidata dai repubblicani. Invece, è visto come un trampolino di lancio per futuri sforzi per rafforzare la supervisione della presidenza.

Gli audit dell’IRS non sono stati eseguiti in modo tempestivo

In un rapporto della scorsa settimana, il Ways and Means Committee ha delineato i risultati dell’esame dei documenti, affermando che l’Internal Revenue Service (IRS) aveva violato le sue regole di non controllare Trump per tre dei quattro anni mentre era presidente.

I dettagli rilasciati in precedenza dal comitato hanno mostrato che Trump non ha pagato le imposte sul reddito nel 2020, il suo ultimo anno intero in carica, nonostante i profitti multimilionari del suo vasto impero commerciale.

I registri mostrano che il reddito e le tasse di Trump hanno oscillato drasticamente dal 2015 al 2020, durante la sua prima offerta presidenziale e il successivo mandato. Hanno dimostrato che Trump e sua moglie, Melania Trump, hanno rivendicato deduzioni e perdite significative e hanno pagato poche o nessuna imposta sul reddito in molti di quegli anni.

Il New York Times ha pubblicato una serie di articoli nel 2020 che mostrano che Trump ha pagato solo $ 750 in tasse federali sul reddito nel 2017 e nel 2018, più nessuna imposta sul reddito in 10 degli ultimi 15 anni perché generalmente ha riferito di aver perso più denaro di quanto non fosse . fatto.

I democratici hanno avuto un programma serrato per trovare un modo per gestire i rendimenti una volta che li avranno, dato che i repubblicani prenderanno il controllo della Camera dei rappresentanti martedì dopo aver ottenuto una risicata maggioranza alle elezioni di medio termine di novembre.

La Camera ha approvato un disegno di legge prima di partire per la pausa invernale che richiederebbe all’IRS di raccogliere le verifiche delle dichiarazioni dei redditi dei presidenti entro 90 giorni dall’inaugurazione.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x