Le forze antigolpe birmane mantengono l’ottimismo di fronte agli attacchi aerei | notizie di conflitto

Le forze antigolpe birmane mantengono l’ottimismo di fronte agli attacchi aerei |  notizie di conflitto

La resistenza al governo militare in Myanmar è stata definita dall’ottimismo.

Quando i militari hanno preso il potere per la prima volta il 1° febbraio 2021, le proteste pacifiche di massa che sono emerse ricordavano una festa di strada giubilante. I manifestanti cantavano per le strade, vestiti con costumi ridicoli e portavano insegne comiche.

Non c’erano illusioni su ciò che sarebbe potuto accadere dopo in un paese in cui le forze armate hanno una storia di brutalità contro coloro che si oppongono a loro. Uno dei manifestanti ha detto che avrebbero affrontato 100 o addirittura 1.000 morti per sconfiggere l’esercito.

Due anni dopo, alcuni civili hanno imbracciato le armi e si sono uniti ai gruppi etnici armati che da anni si battono per una maggiore autonomia. Il paese ora sembra coinvolto in una guerra civile in piena regola e l’esercito utilizza sempre più la forza aerea e le armi pesanti contro i suoi avversari scarsamente armati.

Alcuni stime Il bilancio delle vittime nel 2022 è stimato in oltre 20.000, tra civili e combattenti – secondo solo all’Ucraina – ma coloro che sono determinati a rimuovere i generali dal potere rimangono fiduciosi.

ha detto Albert, un comandante di battaglione della Karenni Nationalities Defense Force anti-golpe, che opera principalmente nello Stato di Kayah e nello Stato meridionale di Shan, vicino al confine con la Thailandia.

“Ci sarà una svolta nel 2023 se riusciremo a mantenere lo slancio attuale”.

nuova analisi (PDFRilasciato alla vigilia dell’anniversario del colpo di stato da Tom Andrews, il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Myanmar, ha rilevato che ci sono stati circa 10.000 attacchi e scontri armati tra militari e oppositori dal colpo di stato, e incidenti violenti in almeno 78 per cento dei comuni tra luglio e dicembre 2022. .

Sebbene ciò indichi che il regime non è vicino a stringere la presa sul paese, non sembra nemmeno sul punto di crollare.

READ  L'EAM S Jaishankar si impegna a portare le relazioni a un livello diverso

È emerso un nuovo equilibrio. “Devono esserci sviluppi significativi da entrambe le parti per cambiare l’attuale impasse”, ha affermato Min Zaw O, direttore esecutivo dell’Istituto per la pace e la sicurezza del Myanmar, che ha anni di esperienza nel conflitto in Myanmar.

“La scena è rimasta la stessa nel 2022”, ha detto, aggiungendo che l’esercito non è riuscito a riportare la maggior parte dei teatri allo “status quo prima del colpo di stato”, mentre la resistenza non è stata in grado di “mettere in sicurezza le aree strategiche”.

Rovine di una scuola del villaggio che è stata distrutta in un attacco aereo militare nel distretto di Matru nello stato di Karen all’inizio di questo mese [File: Free Burma Rangers via AP Photo]

Le forze antigolpe cercarono di controllare diversi importanti centri urbani, come Madin mobay nello Stato meridionale di Shan, e Kawkareik e Kyondoe nello Stato di Kayin. Ma mentre spesso riescono a scacciare le forze armate, il crescente uso da parte dei militari di artiglieria a distanza e potenza aerea rende difficile mantenere il territorio che conquistano.

“Gli attacchi aerei hanno un grande impatto su questo… Vogliamo controllare le città e le aree urbane, ma senza la difesa aerea è molto difficile”, ha detto Tao Ni, portavoce della Karen National Union (KNU), una delle più antiche e potenti organizzazioni del Myanmar gruppi armati etnici, che si sono alleati con i pro, anche se possiamo impadronirci di un’area, è difficile da mantenere senza difesa aerea. Resistenza alla democrazia ampiamente nota come PDF (PDF).

Min Zaw Ou ha anche notato che il tasso di successo degli attacchi alle “posizioni fortificate dell’esercito” è di circa il 40-45%, ma che i gruppi di resistenza spesso non sono in grado di mantenere e difendere le basi o gli avamposti catturati. Invece, spesso scelgono di distruggerlo, come evidenziato dal recente incendio di un avamposto nella città di Baulach, nello stato di Kayah.

“La natura dell’attacco dell’opposizione è ancora un attacco di guerriglia”, ha detto Min Zaw.

Alcuni analisti del conflitto hanno sostenuto che i gruppi di resistenza dovrebbero continuare a reprimere il regime attraverso attacchi di guerriglia, piuttosto che tentare di impadronirsi del territorio. Anthony Davis, analista della sicurezza per la pubblicazione Jane’s Defense, avvertito a novembre contro “il primo tentativo di passare da tattiche di guerriglia a operazioni semiconvenzionali”.

Conversione scala

Min Zaw Oh ha affermato che ci sono quattro “ostacoli” che la resistenza deve superare, tra cui un migliore accesso alle armi (si stima che solo il 10% dei combattenti della resistenza abbia armi automatiche), garantire il sostegno di gruppi etnici armati più potenti e migliorare la catena di comando . .

Dice che anche il sostegno dei paesi vicini come Cina e Thailandia è essenziale.

“Senza superare questi ostacoli, l’opposizione non sarà in grado di determinare uno spostamento a suo favore”, ha affermato.

Mentre alcune importanti organizzazioni etniche armate hanno sostenuto il movimento pro-democrazia, come la Karen National Union, il Chin National Front (CNF), l’Esercito Karenni e la Kachin Independence Organization (KIO), altre sono state più circospette .

Invece, il più potente gruppo armato non statale del paese, l’United Wa State Army, ha approfittato della debole posizione dell’esercito per chiedere un riconoscimento più formale dei territori che controllava. Ma in un potenziale punto di svolta, Altri due gruppi influenti Hanno mostrato sempre più segni di collaborazione con le forze anti-regime.

Albert afferma di aver visto miglioramenti alla KNDF nel 2022 rispetto all’anno precedente, tra cui una catena di comando più consolidata, un migliore accesso alle armi moderne e un addestramento militare più professionale.

Ma dice che ci sono state anche battute d’arresto, come la perdita del primo elemento di sorpresa, quando il regime è stato colto alla sprovvista da rivolte armate su larga scala contro il suo governo.

“In passato, la giunta militare ci sottovalutava… Ora sono ben preparati. Piantano molte mine antiuomo intorno alle loro basi. Ci vogliono settimane prima che il ritorno li attacchi adesso”.

READ  Israele e Hamas non riescono a trovare un accordo sul prossimo scambio di ostaggi e la tregua sta per scadere

“E dobbiamo attaccarlo rapidamente e ritirarci perché dopo 30 o 45 minuti … arriveranno aerei militari”.

Negli ultimi mesi, l’esercito ha intensificato la sua campagna aerea, spostandosi dalla sua consueta politica di utilizzare gli attacchi aerei principalmente per sostenere le forze di terra o terrorizzare le comunità civili che ritiene stiano aiutando i combattenti della resistenza.

Ora bombarda più regolarmente obiettivi di alto livello, spesso in assenza di combattimenti a terra, come l’evento KIO a novembre, il quartier generale del CNF all’inizio di gennaio e la base PDF alla fine di gennaio.

Gruppi armati anti-regime e attivisti per i diritti umani hanno ripetutamente invitato la comunità internazionale a dichiarare una no-fly zone o un embargo sulla fornitura di carburante per aerei al Myanmar. Un’indagine di Amnesty International dell’anno scorso ha mostrato che anche il carburante inviato in Myanmar apparentemente per uso commerciale era accessibile ai militari.

Anche di fronte a questo potente attacco, l’ottimismo della resistenza era ancora evidente.

“Speravamo che un giorno l’esercito avrebbe usato attacchi aerei contro di noi”, ha detto Myo Thura Ko Ko, portavoce del Cobra Colemen Hybrid Command, che opera sotto la KNU e il PDF. Vede la crescente dipendenza del regime dagli attacchi aerei come una prova che sta perdendo terreno.

Ha aggiunto: “L’esercito usa attacchi aerei quando le sue forze stanno perdendo sul campo di battaglia o quando il loro morale è basso”.

Soldati birmani in uniforme e armati di armi marciano in una cerimonia che segna il 75° Giorno dell'Indipendenza del Myanmar
L’esercito si è rivolto sempre più agli attacchi aerei nell’ultimo anno, una mossa che secondo gli oppositori è un segno della loro debolezza [File: Aung Shine Oo/AP Photo]

Htet Ni, un portavoce del CNF, è d’accordo.

Dobbiamo continuare la nostra rivoluzione anche se succede il peggio. Non c’è altro da dire. E più forte diventa la rivoluzione, più attacchi aerei lancerà l’esercito”.

Htet Ni afferma che la crescente dipendenza dagli attacchi aerei ha spinto i gruppi etnici armati esistenti più vicini ai loro nuovi alleati nel PDF.

“Hai creato più unità tra di noi… Non ci sarà alcuna ritirata. Questa è la nostra occasione per rovesciare l’esercito, quindi combatteremo con il popolo”.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x