Le Seychelles dichiarano lo stato di emergenza dopo inondazioni ed esplosioni Notizie sull’alluvione

Le Seychelles dichiarano lo stato di emergenza dopo inondazioni ed esplosioni  Notizie sull’alluvione

Queste inondazioni sono le ultime di una serie di shock climatici registrati quest’anno in tutta l’Africa orientale.

Il presidente delle Seychelles Wavell Ramkalawan ha dichiarato giovedì lo stato di emergenza dopo che un’esplosione in un magazzino di esplosivi e le forti piogge hanno danneggiato un parco industriale e le aree circostanti.

L’esplosione ha scosso l’isola principale di Mahe, dove forti piogge hanno causato inondazioni che hanno ucciso tre persone, ha detto in un comunicato l’ufficio del presidente, chiedendo un minuto di silenzio.

“Chiediamo a tutti di restare a casa”, ha aggiunto. “Tutte le scuole saranno chiuse e solo i lavoratori dei servizi essenziali e le persone in viaggio avranno libertà di movimento.

I filmati trasmessi dalla televisione nazionale mostravano strade ricoperte di fango profondo e disseminate di detriti e alberi sradicati.

L’account ufficiale del governo Visit Seychelles sulla piattaforma X, precedentemente nota come Twitter, afferma che l’aeroporto internazionale e i traghetti tra le sue isole sono ancora operativi per i turisti.

Le Seychelles, un’importante destinazione turistica, sono costituite da 115 isole ed è il paese meno popoloso dell’Africa, con una popolazione di circa 100.000 persone. Si trova al largo della costa orientale dell’Africa.

Le inondazioni sono le ultime di una serie di shock climatici registrati quest’anno in quella parte del continente dopo una serie di inondazioni, frane e siccità in Kenya, Mauritius, Madagascar, Somalia e Tanzania.

READ  Barrick riprende il progetto Rico Dick per concludere la lite con il Pakistan

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x