Le zone rosse e gialle, cosa fare nelle regioni? Mappa vietata

Alla fine, l’aiuto per pagare penisola Verso Zona rossa Durante le vacanze e le feste che precedono il periodo natalizio, fu portato nell’ala rigorosa del potere esecutivo dai governatori. Per aiutare i ministri di Speranza, Boccia e Franceschini – che finora non hanno saputo affermarsi – ieri mattina è stata tolta la barriera provinciale. Con Veneto, Lazio, Mulis e Puglia schierati a favore delle nuove restrizioni e Friuli Venezia Giulia (sì ma dopo il 26), Abruzzo e Umbria sono diventati più cauti ma comunque non intralciati, gli equilibri hanno ripreso a piegarsi verso il blocco.

Messenger Youth Award. “Apri e aiuta” chi dice no alla violenza

Totti no

Durante l’incontro convocato per discutere l’evoluzione del piano vaccinale, ai distretti è stato chiesto di “fornire un parere sulla necessità di ulteriori misure per il Natale”. Per riassumere, uno dei pochi governanti che si opposero a quelli vicini fu il ligure Giovanni Totti. “Alcuni conservatori, tra cui l’amico Zaya, si sono espressi a favore di inasprimento della situazione – ha spiegato a L’aria che tira su La7 – Ripeto che ci siamo presentati le regole il 3 dicembre di quest’anno, non l’anno scorso, per affrontare il Natale di quest’anno, Con il Paese diviso in regioni, credo che funzioni: non si possono cambiare le regole ogni 6 ore. ”Dello stesso parere Francesco Aquaroli, il governatore delle Marche, infatti, ha negato di essersi schierato con la chiusura. Guidato idealmente da Luca Zaia e affiancato dalla Lazio anche nel commento del consigliere sanitario della Lazio, Alessio D’Amato: “Sono d’accordo con una zona rossa che si estende su tutta l’Italia”, ha spiegato, parlando introducendo i nuovi posti letto in terapia intensiva allo Spallanzani di Roma. E Zaia, c’è anche il pugliese Michele Emiliano (incalzante “è l’unico modo per non rischiare un’infezione da Covid che esploda dal 7 gennaio in poi”) in una scaletta inedita e stranamente compressa rispetto ai battibecchi dei mesi scorsi.
© Riproduzione riservata

READ  La San Marino High School dà il benvenuto a John Franklin come nuovo allenatore di baseball - Pasadena Schools

rosso. Nessun movimento fuori dal tuo comune

A meno che non siano noti “bisogni accertati” (soprattutto lavoro, studio e salute), non è consentito il movimento tra i comuni all’interno della zona rossa.
In altre parole, anche quando si attraversa il confine del proprio luogo di residenza o del proprio luogo di residenza abituale, sia con mezzi pubblici che privati, è necessario disporre di un’autocertificazione comprovante la necessità di muoversi. Anche se, in effetti, questo dovrebbe consistere solo nello spostamento di pochi chilometri tra zone limitrofe.

Incentivi automobilistici 3.500 € per benzina e diesel (più elettricità)

rosso. Non uscire di casa se non necessario

Se ti trovi in ​​una zona segnata in rosso (e quindi in tutta la penisola presto, ma solo per pochi giorni), devi ricordare che ogni singola uscita dalla casa deve essere guidata da un’autocertificazione. Anche per spostarsi all’interno del proprio territorio comunale. Ovviamente sono consentite uscite per andare al lavoro o per fare la spesa. Ma come spiegano più volte a Palazzo Chigi Faq, è consentito anche uscire per attività sportive e camminare (anche con il cane). Tuttavia, quest’ultimo è consentito solo da solo e “vicino a casa propria”.

Domande e risposte sul vaccino Covid: chi può farlo, come e quando. Professor Krishli: Ecco chi contattare per vaccinarsi

rosso. Esaurito, ad eccezione dei generi alimentari

Secondo l’ultimo Dpcm (del 3 novembre) in rosso, tutti i punti vendita sono stati chiusi ad eccezione di dettaglianti alimentari, farmacie, drugstore, venditori di sigarette ed edicole (anche all’interno dei centri commerciali, solo attività aperte in queste strutture).
Esistono infatti altre eccezioni che consentono di tenere le tapparelle alzate presso lavanderie, ferramenta, ottici, fiorai, biblioteche, cartoleria, informatica, vestiti per neonati, produttori di giocattoli, profumerie, pompe funebri e distributori automatici. Casi speciali sono i parrucchieri e i barbieri che rimangono aperti nonostante tutte le altre attività di toelettatura personale.

READ  Il San Marino di Waterbury è temporaneamente chiuso per mancanza di personale

Vaccino contro il coronavirus “in Germania fino al 27 dicembre”. Immagine: accordo tra 16 unità di sbarco

rosso. I bar e i ristoranti sono solo da asporto

Non sono ammessi solo cene di Natale o Capodanno ma anche pranzi in rosso. Infatti “le attività di ristorazione – bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie – sono state sospese – fatta eccezione per le mense e ristoranti in corso”. Piccole restrizioni sui servizi di asporto o consegna a domicilio. Sebbene quest’ultima sia sempre consentita, se si desidera acquistare il cibo delle persone e poi mangiarlo a casa, è necessario farlo entro le 22 (con divieto assoluto di consumo in loco o nelle immediate vicinanze del ristorante).

Vaccino Pfizer, una reazione allergica di una donna dell’Alaska: nessuna storia di allergie

Giallo. Il coprifuoco dura dalle 22:00

Nei “giorni gialli”, quelli che il governo considera meno rischiosi, ci si può muovere liberamente durante il giorno. In effetti, non ci sono restrizioni importanti, ma il coprifuoco è chiaramente ancora in vigore. Cioè, è vietato uscire di casa dalle 22:00 alle 5:00, se non per buoni motivi.
Quindi entro questi limiti, poiché Dpcm non prevede un divieto specifico e quindi non vi è alcun reato, se lo desideri, puoi recarti a casa di amici o parenti per scambiarti auguri e regali. Tuttavia, questo comportamento è gravemente scoraggiato dal governo, poiché le riunioni nelle case “favoriscono l’infezione e esistono condizioni pericolose”.

Conti: «Renzi? Domani vediamo se ci sono motivi per continuare. Nessun avvertimento

Giallo. Non sarà possibile spostarsi al di fuori dell’area

Sebbene l’originale “colore” Dpcm (3 novembre) consentisse la libertà di movimento tra le Zone Gialle, non sarà presto consentito attraversarne i confini se non si ha una buona ragione (che non include l’accesso alle seconde case). Con il testo del 3 dicembre scorso, infatti, il governo ha scelto di vietare “dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, all’interno del territorio nazionale, ogni spostamento all’interno e all’esterno dei territori delle diverse regioni o province di cui gode è vietato. Autonomia ”. Non solo, è bene ricordare come la stessa sentenza abbia vietato anche qualsiasi movimento intercomunale nei giorni 25-26 dicembre 2020 e 1 gennaio 2021.

READ  Djokovic batte Tsitsipas nella "partita più dura" di quest'anno agli Open d'Italia

Polline di Natale, piano commerciale. Siero per tutti solo in primavera

Giallo. Ristoranti e bar sono aperti fino alle 18:00

Colazione e pranzo fuori Si, la sera aperitivo e no cena. Questo è grosso modo riassunto nel caso delle società di catering situate nelle Zone Gialle. Infatti bar, ristoranti, pasticcerie e pub, soggetti a tutta una serie di indicatori (tra cui il numero limitato di ingressi e un massimo di 4 persone sedute per ogni tavolo) possono rimanere aperti “in sicurezza” ma solo fino alle ore 18. Tuttavia, a partire dalle ore 18, host e ristoranti possono dedicarsi alla consegna a domicilio (sempre consentita), ma solo fino alle 22, per vendere cibi pronti, che non possono essere consumati nei pressi della struttura o comunque all’aperto. . .

Stati Uniti, il vaccino arriva in ospedale: i medici festeggiano così

Ultimo aggiornamento: 00:11


© Riproduzione riservata

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x