L'Iran convoca nuovamente l'ambasciatore russo a causa della disputa sulle isole Notizie di politica

L'Iran convoca nuovamente l'ambasciatore russo a causa della disputa sulle isole  Notizie di politica

Questa è la seconda volta che l'inviato russo a Teheran viene convocato per la stessa questione.

Teheran, Iran – L'Iran ha convocato ancora una volta l'inviato russo a Teheran dopo che Mosca ha firmato un'altra dichiarazione congiunta con i paesi arabi chiedendo negoziati su tre isole contese che gli Emirati Arabi Uniti sostengono appartengano ad esso.

Il sito web statale dell'Agenzia di stampa della Repubblica islamica (IRNA) ha dichiarato sabato scorso che l'inviato russo era stato convocato al ministero degli Esteri iraniano per ricevere la “forte protesta” di Teheran contro la dichiarazione.

Al Ministero degli Affari Esteri, all'inviato russo è stato detto che il rispetto dell'integrità territoriale dei paesi è un principio fondamentale nelle relazioni tra due paesi. L’IRNA ha anche affermato che al funzionario è stato detto che le tre isole contese “appartengono all’Iran per sempre”, rendendo inaccettabile qualsiasi rivendicazione esterna.

Le isole situate nello stretto strategico di Hormuz, che sono la Grande Tunb, la Piccola Tunb e Abu Musa, sono sotto il controllo iraniano dal 1971, quando le sue forze navali ne presero il controllo dopo il ritiro delle forze britanniche da quella che oggi è conosciuta come gli Emirati Arabi Uniti.

Anche gli Emirati Arabi Uniti lo rivendicano come parte del loro territorio e recentemente hanno ricevuto un crescente sostegno da Russia e Cina, che anche Teheran annovera tra i suoi alleati.

L’Iran aveva convocato l’inviato cinese a Teheran per una dichiarazione congiunta simile con i paesi arabi della regione nel dicembre 2022, e ha convocato anche l’ambasciatore russo a luglio per una dichiarazione congiunta quasi identica.

READ  I pubblici ministeri affermano che un uomo è stato arrestato con l'accusa di essersi spacciato per la famiglia Trump per raccogliere fondi falsi.

La dichiarazione congiunta russa di questa settimana, firmata durante la sesta sessione del Forum di cooperazione russo-arabo in Marocco, sostiene “soluzioni pacifiche e iniziative volte a risolvere il conflitto attraverso negoziati bilaterali o la Corte internazionale di giustizia, in conformità con il diritto internazionale e la Carta delle Nazioni Unite”. “.

Il portavoce del ministero degli Esteri Nasser Kanaani lo ha condannato all’inizio di questa settimana, e il ministro degli Esteri Hossein Amir Abdullahian ha sollevato la questione con il suo omologo russo Sergei Lavrov, che guidava la delegazione in Marocco.

Il ministero degli Esteri iraniano ha affermato che Lavrov ha detto ad Amir Abdollahian che la Russia rispetta sempre l'integrità territoriale dell'Iran e che “questa politica ufficiale di Mosca non dovrebbe mai essere messa in dubbio”.

Forse la Russia dovrebbe parlare con il Giappone?

La dichiarazione congiunta ha anche fatto arrabbiare alcuni legislatori iraniani, che si sono rivolti ai social media per cercare di chiarire che la questione non è negoziabile.

Mohammad Bagher Qalibaf, presidente del parlamento iraniano, ha scritto su X, precedentemente noto come Twitter, che le relazioni sempre più cordiali con la Russia dipendono dal rispetto reciproco e che qualsiasi rivendicazione che minacci l'integrità territoriale dell'Iran riceverebbe una “risposta seria”.

“La Russia deve stare attenta all’Occidente che sfrutta i suoi errori”, ha scritto.

Qalibaf ha anche sottolineato che l’Iran non è rimasto a guardare sulle isole, ma ha piuttosto compiuto una serie di sforzi per ricostruirle e svilupparle. Ha promesso che il Parlamento sosterrà legalmente gli sforzi per sviluppare le isole.

Altri legislatori hanno avuto parole più dure sia per Mosca che per Abu Dhabi.

READ  Pasticcio in casa: l'appello di McCarthy

“Sembra che il linguaggio della gentilezza debba cambiare, almeno con gli Emirati Arabi Uniti”, ha scritto Hadi Beiji Nejad su X.

L’altro deputato, Ebrahim Rezaei, ha detto: “Se propongono negoziati, invitiamo anche i russi a negoziare con il Giappone sulle Isole Curili”, riferendosi alla disputa su quattro isole tra Russia e Giappone.

Adesivo di YouTube

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x