― Advertisement ―

spot_img
HomeTop NewsL'Italia paga 26.000 sterline alle persone per trasferirsi nei pittoreschi villaggi della...

L’Italia paga 26.000 sterline alle persone per trasferirsi nei pittoreschi villaggi della regione meridionale, ma…

1 novembre 2023, 17:12

Calabria.

Immagine: Alamy


Una regione italiana sta pagando le persone che si trasferiscono lì per rivitalizzare alcune delle sue piccole città e villaggi, ma ci sono alcune restrizioni.

La Calabria, una regione dell’Italia meridionale, pagherà i migranti fino a 26.000 sterline se avviano un nuovo progetto a beneficio della popolazione locale, o trovano lavoro in uno dei numerosi settori che necessitano di più personale.

Ciò include lavorare in ristoranti, B&B, negozi o hotel.

Le persone che si trasferiscono possono ricevere il denaro sotto forma di somma forfettaria o in pagamenti mensili.

Altri requisiti sono che chi si trasferisce debba avere meno di 40 anni ed essere disposto a trasferirsi in Calabria entro 90 giorni dall’accettazione della domanda.

Per saperne di più: Una pittoresca città italiana paga 25.000 sterline a chi vuole comprare una casa e trasferirsi lì per sempre

Per saperne di più: “È una grande impresa”: la madre che ha comprato tre case in Italia per soli 3 euro finisce di costruire la sua prima casa dopo quattro anni

Calabria

Calabria.

immagine:
Scientifico


Devono inoltre trasferirsi in nove città con una popolazione di 2.000 abitanti o meno in Calabria, la “punta” del Sud Italia.

Il programma è in corso dal 2021.

L’assessore Gianluca Gallo ha detto che i piccoli centri “sono la vera identità del territorio” e ha avuto un’idea per evitarne il degrado.

Calabria

Calabria.

immagine:
Scientifico


“Vogliamo che la domanda di lavoro incontri l’offerta, ed è per questo che abbiamo chiesto ai villaggi di dirci che tipo di professionisti mancano per attrarre lavoratori specifici”, ha affermato.

“Abbiamo riscontrato un grande interesse da parte dei villaggi e speriamo che, se questo primo progetto avrà successo, è probabile che ne seguiranno altri negli anni a venire”.

READ  Gente in piazza Pesaro, "no alla scarica di Riceci"