L’italiano Draghi classificherà Michel nell’Unione europea come un dittatore?

La scorsa settimana, la crisi del presidente ha oscurato la visita ufficiale del presidente del Consiglio europeo Charles Michel e del presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen nella capitale, Ankara.

Ricordiamo l’incidente ampiamente discusso. Alti funzionari dell’UE hanno incontrato il presidente Recep Tayyip Erdogan ad Ankara il 6 aprile. Durante l’incontro, Michel è stato assegnato il posto accanto a Erdogan mentre von der Leyen è stato lasciato in piedi per un breve periodo. Alla fine, le è stato offerto un posto di fronte al ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu.

Questo incidente ha attirato molta attenzione sul fatto che il contenuto dell’incontro, che si diceva fosse incentrato sull’agevolazione dei rapporti tra le due parti, è stato dimenticato.

I media, come lo Sputnik russo ufficiale che trasmette in Turchia, come menzionato nel mio precedente articolo, hanno dichiarato che la Turchia è colpevole.

La vergogna del “dittatore”

Il premier italiano Mario Draghi, infatti, ha affermato che l’atteggiamento di Erdogan nei confronti di von der Leyen è estremamente problematico e inopportuno e che “dispiace per l’umiliazione subita da von der Leyen”. È arrivato persino a usare il termine “dittatore” per il presidente turco.

Nel frattempo, i funzionari dell’Unione europea hanno dichiarato chiaramente che la Turchia non è responsabile della crisi dei sedili, che è stata soprannominata “Sofa Gate” dai media. Funzionari turchi hanno implementato il protocollo presentato dall’Unione europea.

Michel, che non ha offerto il posto al suo partner von der Leyen, ha detto che non ha dormito bene dai tempi di SofaJet. Inoltre, ha anche affrontato giorni di tensione a causa della pressione dell’opposizione belga.

READ  Un tribunale italiano assolve Eni e Shell in un caso di corruzione in Nigeria

Von der Leyen, che ha trattato gentilmente con mancanza di rispetto, ha sottolineato che non avrebbe mai permesso che una crisi simile si ripetesse.

È fantastico che la causa della crisi sia chiarita e il dilemma risolto. Mi auguro che le decisioni positive prese al Vertice di Ankara vengano presto messe in pratica e che le relazioni tra l’UE e la Turchia miglioreranno ulteriormente.

Tuttavia, è necessario affrontare quanto rivelato dal “Sofa Gate”.

È chiaro che alcuni circoli dell’Unione europea hanno un pregiudizio significativo nei confronti della Turchia e di Erdogan. Le dichiarazioni del presidente italiano hanno chiarito che il “maleducato” errore di protocollo dell’amministrazione dell’Unione europea sarebbe stato utilizzato per accusare i politici turchi di essere “dittatori”.

Inoltre, questo non è l’unico evento in cui è emerso un tale “orientalismo”.

La Turchia è impegnata nei negoziati di adesione all’UE da più di mezzo secolo, con l’Unione europea che pratica doppi standard esigendo termini non convenzionali.

Il Sofa Gate ha rivelato l’elemento dell’orientalismo e del pregiudizio nell’agenda dell’Unione europea per la Turchia.

Perché il silenzio adesso?

Inoltre, mi chiedo perché Draghi tace ora che le dichiarazioni dell’UE hanno fatto luce su tutti gli aspetti della crisi e hanno assolto i funzionari turchi.

Il primo ministro italiano si scusa con la nazione turca il cui presidente democraticamente eletto è stato palesemente preso di mira?

Sì, signor Primo Ministro, ho preso di mira Erdogan come un “dittatore” della crisi dei seggi, che si è poi capito essere stata causata da Michel. Ora, potresti dire che l’Unione europea è governata da un dittatore?

READ  La Repubblica di San Marino implementa il Sistema di diffusione dei dati generali rafforzato del Fondo monetario internazionale

O hai dimenticato la tua “letteratura” o “la tua difesa dei diritti delle donne”, che è stata la tua motivazione dietro a descrivere Erdogan democraticamente eletto come un “dittatore”?

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x