Malattia da deperimento cronico rilevata per la prima volta nei cervi della Columbia Britannica

Malattia da deperimento cronico rilevata per la prima volta nei cervi della Columbia Britannica

Il 1 febbraio 2024 gli è stata diagnosticata la malattia da deperimento cronico (CWD). menzionato Nella Columbia Britannica per la prima volta. Questa malattia, che colpisce principalmente cervidi come cervi e alci, è fatale e contagiosa.

La CWD è una malattia da prioni che distrugge il tessuto cerebrale e del midollo spinale. Le malattie da prioni sono disturbi neurodegenerativi e possono verificarsi sia negli animali che nell’uomo. secondo Debbie McKenzieprofessore di scienze biologiche all'Università di Alberta, afferma che non esiste una cura per nessun tipo di malattia da prioni.

“Con tutte le malattie da prioni, gli animali o le persone infette muoiono sempre”, ha detto McKenzie. “Non esiste una cura. Nessuna cura affatto.”

Secondo McKenzie, una delle sfide della malattia è la diversità dei ceppi e le diverse presentazioni cliniche. Un prione è un “agente patogeno unico perché è una forma spiegata di una proteina normale”.

I prioni sono in grado di trasformarsi in una varietà di forme e queste diverse forme hanno le loro caratteristiche, ha detto McKenzie. Il laboratorio McKenzie ha caratterizzato almeno sette ceppi di CWD. Altri ricercatori hanno scoperto ceppi diversi, ha detto.

“La malattia colpisce principalmente il cervello e il sistema nervoso centrale e alla fine provoca la perdita di cellule nervose”, ha detto McKenzie. La CWD può anche verificarsi spontaneamente a causa di un difetto nella proteina prionica cellulare. La CWD non è sempre il risultato di un’infezione.

“Ad un certo punto, perdono abbastanza neuroni da non poter più funzionare”, dice McKenzie.

Quando la cervice entra nella fase clinica dell'infezione, inizia a mostrare sintomi fisici. Le loro spalle si abbassano e si abbassano e in generale diventano molto emaciate, ha detto McKenzie. Una volta che i sintomi dell’infezione cominciano a comparire, McKenzie dice che muoiono entro pochi mesi.

READ  Perdi il grasso in vita con questi 5 trucchi cardio, dice l'allenatore: non mangiarlo

“Penso che sia un'interazione tra il non essere in grado di mangiare e, a un certo punto, perdere abbastanza neuroni da non poter più funzionare.”

Un altro problema con la CWD è che non può essere pulita dalle superfici nel modo in cui le persone normalmente puliscono o eliminano i batteri, ha detto McKenzie. Questo perché la CWD ha una maggiore resistenza.

“Quindi, se hai prioni CWD sui coltelli derivanti dalla medicazione di un animale a cui hai sparato, non puoi semplicemente pulirli via. Non andrà via.”

Anche se McKenzie consiglia ai cacciatori di procedere con cautela quando preparano i colli del campo, ha affermato che il rischio che gli esseri umani contraggono la CWD è “molto, molto basso”. Ha detto che attualmente non esiste un numero che possa essere collegato al rischio.

McKenzie condivide la preoccupazione su come la CWD influisce sulle popolazioni animali e il problema è il lungo periodo di incubazione

Secondo McKenzie, da quando è stata scoperta la CWD, ha continuato a diffondersi man mano che gli animali migrano. Ha aggiunto che la preoccupazione è cosa potrebbe accadere alle popolazioni animali a causa della CWD.

McKenzie ha affermato che c’è stato un calo della popolazione in varie aree colpite dalla CWD. La riduzione delle popolazioni di cervidi può portare a cambiamenti nell’ecosistema. Secondo McKenzie, i caribù sono a rischio di infezione. I caribù infetti potrebbero potenzialmente diffondere la CWD su grandi distanze, ha detto.

“Mi preoccupa un po’ perché i caribù migrano per lunghe distanze Ora ci saranno animali che diffondono l’infezione… a centinaia di chilometri di distanza”.

READ  Un cane muore di influenza aviaria in Ontario

Secondo McKenzie, il problema della CWD è il suo lungo periodo di incubazione, di circa due anni. La cervice non mostra sintomi durante questo periodo, il che rende difficile identificare la persona infetta. Durante il periodo di incubazione, gli animali infetti continuano a diffondere la malattia. Sebbene sembrino ancora sani, McKenzie afferma che diffondono continuamente fluidi corporei infetti nell'ambiente. Inoltre, gli animali della mandria possono diffondere la CWD attraverso il contatto fisico.

“Man mano che più animali vengono infettati, più si diffondono nell'ambiente. E poi è probabile che anche loro vengano infettati dall'ambiente. Quindi tendiamo ad avere questa cosa in cui la prevalenza è bassa, e poi aumenta drammaticamente. “

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x