Maralago: l’avvocato di Trump spinge per la residenza a tempo pieno dell’ex presidente

A Capitol Hill stavano combattendo per la sua eredità. In Florida combatteva per lui Diritto di vivere a tempo pieno a Mar-a-LagoPossiede e gestisce il club di Palm Beach. Così facendo, il suo avvocato ha definito Trump il “sindaco di Mar Agou”.

Il problema per la piccola e ricca cittadina di Palm Beach è stata la promessa di lunga data di Trump di non chiamare casa Mar-a-Lago. Trump ha acquistato l’ex proprietà di Marjorie Merriweather Post nel 1985 e l’ha trasformata in un club per soli membri nel 1993.

Per trasformare la residenza privata in una società generatrice di reddito, ha dovuto accettare alcune restrizioni, basate su linee guida presentate come violazione degli accordi di Palm Beach. Questo accordo stabiliva che i membri non sarebbero stati autorizzati a vivere nel club per più di 21 giorni all’anno. I vicini dell’ex presidente si sono lamentati della violazione dell’accordo da lui firmato da parte di Trump.

L’avvocato della città John “Skipp” Randolph ha informato il consiglio che la questione principale non era l’accordo, che ha detto di non aver parlato della questione se Trump sarebbe rimasto al club. Piuttosto, dice che il problema è se Trump è un dipendente del club. La divisione delle città consente a un “dipendente di club in buona fede” di vivere nei club per cui lavora o possiede.

L’avvocato di lunga data di Trump a West Palm Beach ha definito l’intera cosa “ridicola”, da quando Trump ha lasciato lo Studio Ovale il mese scorso per riconquistare la “Presidenza Maralago”.

L’avvocato John Marion ha sostenuto davanti al consiglio che non vi è alcuna clausola nell’accordo che proibisca a Trump di vivere nel club, aggiungendo che “la legge sulla suddivisione in zone afferma che anche lui ha il diritto di vivere lì”. Ha presentato al consiglio i documenti che Trump ha firmato il 25 gennaio 2021, per verificare che Trump fosse ancora una volta presidente di Mar Lago.

READ  Le tempeste invernali devastano gli Stati Uniti

“Non vi è alcun divieto al proprietario di utilizzare la suite del proprietario”, ha detto Marion. “Questo tipo (Trump), che cammina per la proprietà, sembra il sindaco di Mar Lago, se vuoi.”

“È sempre lì”, ha aggiunto Marion, “possiede la proprietà e si diverte come a casa sua”. “Non c’è motivo al mondo che impedisca al presidente Trump di restare nel club che possiede”.

L’avvocato di Trump ha continuato elencando i lavori che l’ex presidente fa durante la sua permanenza e lavora nel club, dicendo che “valuta le prestazioni dei dipendenti” e partecipa a “eventi nel club e accoglie / ringrazia i partecipanti”.

“I miei clienti chiedono al Comune di sostenere l’accordo di lavoro che è stato creato con Mar-a-Lago nel 1993”, ha detto Roger Stampo, un avvocato di uno dei vicini di Trump e il primo a sollecitare la città a esaminare il caso può tornare a una “vita pacifica”, ha detto.

Un rappresentante di un gruppo di residenti di Palm Beach si è detto preoccupato per il ritiro della proprietà ai sostenitori dell’ex presidente.

“Riteniamo che questo caso minacci di trasformare Maralago in un faro permanente per i suoi sostenitori illegali”, ha detto al consiglio l’avvocato Philip Johnston.

Johnston ha chiesto al consiglio di ritardare la decisione se Trump fosse un dipendente in buona fede del club per dare a tutte le parti la possibilità di preparare una risposta legale.

Martedì il Consiglio non ha preso alcuna decisione al riguardo. Il caso dovrebbe essere riesaminato in primavera.

Lo ha riferito la CNN a dicembre I residenti vicino all’elegante cittadina della Florida non erano interessati a sostenere Trump nel rendere il club la sua casa permanente dopo aver lasciato l’incarico.
E molto di più I fedeli membri di Mar-a-Lago se ne vanno Perché non vogliono più che abbiano niente a che fare con Trump, secondo l’autore del libro finale sul resort.

È un posto molto frustrante, ha detto a MSNBC il mese scorso Lawrence Lemire, storico e autore di Mar-a-Lago: Inside the Gates of Power al Palazzo Presidenziale di Donald Trump. Ha detto che i membri “non erano interessati alla politica e hanno detto che il cibo non era buono”.

READ  Le forze filippine uccidono il leader di Abu Sayyaf e salvano gli ostaggi | Notizie sui gruppi armati

Lemire ha detto di aver parlato con una serie di ex membri che si erano “ritirati silenziosamente” dopo che Trump aveva lasciato l’incarico.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x