Mesi dopo la grazia di Trump, l’editore del quotidiano Pall Jared Kushner affronta le accuse a New York

Il consigliere della Casa Bianca Jared Kushner ascolta mentre il presidente Donald Trump parla del coronavirus nella sala conferenze stampa di James Brady alla Casa Bianca il 2 aprile 2020 a Washington.

Associated Press

Caporedattore di un amico dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump Suo genero, Jared Kushner, mercoledì è stato incriminato con l’accusa di cyber stalking da parte del governo a New York, sette mesi dopo che Trump lo ha graziato in un caso federale simile prima di lasciare l’incarico.

I pubblici ministeri di Manhattan hanno accusato Ken Corson, l’editore del New York Observer quando Kushner lo possedeva, di aver violato gli account online di sua moglie e di aver inviato messaggi minacciosi e molesti a diverse persone nel corso di un acceso procedimento di divorzio nel 2015.

Jared Kushner lascia la politica e lancia una società di investimenti

Corson, di South Orange, New Jersey, è accusato di intercettazioni telefoniche e intrusione informatica, entrambi reati. I pubblici ministeri hanno affermato che Corson occasionalmente monitorava l’attività al computer della sua ex moglie dalla sua scrivania negli uffici dell’Observer a Manhattan.

La storia continua sotto l’annuncio

Mercoledì Corson non ha presentato una petizione d’accusa. È stato rilasciato con la garanzia della sua residenza privata.

Le accuse rispecchiano le accuse federali presentate lo scorso ottobre contro Corson, un caso svanito quando Trump lo ha graziato a gennaio nelle ultime ore del suo mandato alla Casa Bianca.

L’indulto presidenziale si applica solo ai crimini federali, non ai crimini di stato.

“Non accetteremo la grazia presidenziale come carta di rilascio dal carcere per i newyorkesi con buone conoscenze”, ha affermato Vance in una nota.

READ  Honey Trap: questo è il modo in cui i servizi segreti iraniani hanno attirato e rapito un dissidente iraniano a Istanbul

Un messaggio per chiedere un commento è stato lasciato all’avvocato di Corson.

Parlando delle accuse federali lo scorso anno, l’avvocato di Corson, Mark Mukasey, ha dichiarato: “La presunta condotta non merita un procedimento penale federale. Kane la supererà”.

Corson è la prima persona nell’orbita di Trump ad essere incriminata dai pubblici ministeri locali dopo la grazia dell’ex presidente, anche se non è la prima volta che i pubblici ministeri di Manhattan si scontrano con un alleato di Trump.

La storia continua sotto l’annuncio

Procuratore generale Cyrus Vance Jr Accusato l’ex capo della campagna elettorale di Trump Paolo Manafort Con i crimini di stato nel 2019 come copertura contro un possibile perdono dopo essere stato condannato in tribunale federale per accuse simili di frode ipotecaria.

Manafort ha fatto appello al caso Vance per motivi di doppio rischio e ha vinto, con una decisione finale arrivata a febbraio, meno di due mesi dopo che Trump lo ha graziato nel caso federale.

Il mese scorso, porta Vance Tassa per frode fiscale Contro The Trump Company, The Trump Organization e il suo chief financial officer di lunga data Allen Weisselberg. L’udienza sul tema è fissata per il 20 settembre. Né Weisselberg né la società sono stati accusati di questi crimini prima.

New York ha allentato le sue protezioni contro il doppio rischio nel 2019 per garantire che i pubblici ministeri potessero accusare chiunque abbia ricevuto un perdono presidenziale per crimini federali simili.

Nel caso di Corson, il doppio rischio non sarebbe necessariamente un problema perché il suo caso federale si è concluso prima che fosse condannato o assolto.

READ  Per favore aiuto!

Il caso federale contro Corson, che ora lavora nel settore delle criptovalute, è scaturito da un controllo dei precedenti dopo che l’amministrazione Trump ha offerto a Corson un posto nel 2018 nel consiglio del National Endowment for the Humanities.

La storia continua sotto l’annuncio

I pubblici ministeri di Manhattan hanno iniziato a indagare su Corson per potenziali violazioni della legge statale non appena Trump lo ha graziato.

Nello spiegare il perdono, la Casa Bianca di Trump ha citato una lettera dell’ex moglie di Corson in cui affermava di non aver mai voluto indagare o arrestarlo e “ha chiesto ripetutamente all’FBI di lasciar perdere”.

Non era chiaro dalla denuncia penale presentata mercoledì se stesse cooperando con il caso dello stato. Nel documento, i pubblici ministeri hanno citato interviste che lei e Corson hanno rilasciato alla polizia nel New Jersey nel 2015, così come i registri del computer e un’intervista con qualcuno che ha lavorato con l’ex moglie di Corson.

Secondo i pubblici ministeri di Manhattan, Corson ha monitorato le sequenze di tasti del computer della sua ex moglie nel 2015 e nel 2016 utilizzando spyware, ottenendo password e accesso ai suoi account Gmail e Facebook. I pubblici ministeri hanno affermato che nell’ottobre 2015 ha avuto accesso ai messaggi di Facebook della sua ex moglie e li ha pubblicati in modo anonimo.

Secondo la denuncia penale presentata mercoledì, l’ex moglie di Corson ha ora dichiarato alla polizia di South Orange che “l’ha maltrattata tramite e-mail e social media, causandole problemi sul lavoro e nella sua vita sociale”.

Le nostre newsletter sugli aggiornamenti mattutini e serali sono state scritte dagli editori di Globe, fornendo un riassunto conciso dei principali titoli della giornata. Registrati oggi.

READ  Nonostante l'avvertimento, il comune è un condominio in buone condizioni

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x