L’autonomia della Disney in pericolo dopo il voto alla Florida House

Giovedì la Camera dei rappresentanti della Florida ha approvato definitivamente un disegno di legge che scioglierebbe il governo privato del Walt Disney World, dando al governatore repubblicano Ron DeSantis una vittoria nella sua disputa con il gigante dell’intrattenimento sulla sua opposizione a un provvedimento che i critici hanno soprannominato il “Say Gay Don Act.”

La mossa potrebbe avere enormi implicazioni fiscali per la Disney, che ha trasformato la sua catena di parchi a tema Orlando in una delle destinazioni turistiche più famose al mondo, e mette ulteriormente a dura prova il rapporto tra il governo a guida repubblicana e il principale attore politico dello stato.

Per DeSantis, l’attacco alla Disney è il suo ultimo attacco in una guerra culturale combattuta sulla politica che coinvolge razza, genere e coronavirus, battaglie che lo hanno reso uno dei politici repubblicani più popolari del paese e un potenziale candidato alla presidenza del 2024.

La lite con la Disney è iniziata con la critica della società a una nuova legge che vieta le istruzioni sull’orientamento sessuale e l’identità di genere dalla scuola materna alla terza elementare, nonché istruzioni che non sono “adatte all’età o allo sviluppo”.

A marzo, la Disney ha dichiarato che avrebbe sospeso le donazioni politiche nello stato e ha aggiunto che, a sua volta, avrebbe sostenuto le organizzazioni che lavorano per opporsi alla nuova legge. Quindi DeSantis e i suoi compagni repubblicani hanno attaccato la Disney e hanno difeso la legge come ragionevole.

READ  Vittima di sparatoria in strada chiama il 911, muore dopo essere stata investita dai poliziotti

“La Disney e altre società sveglie non se la caveranno più promuovendo le loro campagne di lobbying senza controllo”, ha scritto DeSantis in una presentazione di raccolta fondi mercoledì. “Se vogliamo ritenere responsabili la Macchina Democratica e i loro cagnolini, dobbiamo stare insieme ora”.

Il disegno di legge approvato giovedì dal legislatore abolirebbe il Reedy Creek Improvement District, come è noto il governo Disney, così come alcuni altri distretti simili entro giugno 2023. La misura consente di ristabilire le contee, lasciando un percorso per rinegoziare la sua futuro. Ora si trasferisce nell’ufficio di DeSantis per essere firmato in legge.

I democratici hanno criticato la proposta come un’apparente ritorsione contro la società e hanno avvertito che i proprietari di case locali potrebbero dover affrontare notevoli ripercussioni fiscali se devono assorbire il debito obbligazionario della Disney, sebbene quei dettagli siano tutt’altro che chiari.

La Disney è uno dei più grandi datori di lavoro del settore privato della Florida e l’anno scorso ha affermato di avere più di 60.000 dipendenti nello stato. Non è immediatamente chiaro in che modo l’azienda o le amministrazioni locali saranno interessate dalle sue proprietà se l’area viene sciolta.

La creazione del Reedy Creek Improvement District e il controllo che la Disney ha concesso su 27.000 acri (11.000 ettari) in Florida, erano una componente fondamentale dei piani dell’azienda per costruire vicino a Orlando negli anni ’60. I funzionari dell’azienda hanno affermato di aver bisogno dell’autonomia per pianificare una città futura insieme al parco a tema. Ma la città non si è mai materializzata; Invece, si è trasformato in un parco a tema Epcot.

READ  Egitto: 11 morti e 98 feriti dopo che un treno è deragliato vicino al Cairo Notizie dal Medio Oriente

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x