Morto Franco Zilliani, enologo pioniere della Franciacorta

Franco Zilliani, enologo e venerabile “padre fondatore” dello spumante Franciacorta del nord Italia, è morto per cause naturali durante un fine settimana nella sua casa sulle rive del Lago d’Iseo. Aveva 90 anni.

La morte di Ziliani è arrivata in un evento epocale, 60 anni dopo aver prodotto per la prima volta spumante in stile champagne alla Berlucchi, l’azienda vinicola che possedeva attraverso la sua lunga collaborazione con il conte Guido Berlucchi. Questo vino ha dimostrato che la regione poteva produrre spumante di alta qualità, in uno stile simile allo champagne francese. Oggi il Franciacorta è considerato uno degli stili italiani più glamour.

Silvano Briscianini, presidente del Consorzio Vino Franciacorta, ha descritto Zilliani come il visionario che ha trasformato la storica ma vulnerabile regione vinicola della Lombardia in una risposta italiana allo champagne. “Soprattutto è encomiabile per aver creduto e investito in qualcosa che non esisteva, che è la Franciacorta”, ha detto Brescianini in una nota.

Maurizio Zanella di Ca del Bosco, che ha lanciato la cantina Franciacorta della sua famiglia negli anni ’70, aggiunge che il più grande contributo di Zilliani è stato quello di contribuire a migliorare l’immagine del vino italiano, in particolare dello spumante, tra gli italiani. “Non era bello bere italiano”, ha detto Zanella. “Dovevi bere francese come Veuve Clicquot o Moët & Chandon”. spettatore del vino. “Ma Franco Zilliani ha rotto quel dogma, perché quando bevevi Berluchi negli anni ’70 e ’80 era molto di moda ed elegante”.

Ziliani, che ha studiato birra in Piemonte negli anni ’40 e ’50 del dopoguerra, ha trasformato Berluchi in una storia di successo a tutto tondo. Oggi Berlucchi è la principale azienda vinicola della Franciacorta, producendo circa 330.000 casse all’anno di uve da agricoltura biologica coltivate su 270 ettari di vigneto e altri 1.000 acri di vigneti gestiti.

READ  Weber Center all'UBS con la ripresa della battaglia giudiziaria Santander-Ursel

All’inizio di questo mese, un Guido Berlucchi Brut Rosé Franciacorta del ’61 non vintage (91 punti, $ 36) si è guadagnato un posto tra spettatore del vinoI 100 migliori vini del 2021.

Ziliani parlava spesso di ammirare lo champagne mentre studiava etimologia ad Alba. Laureatosi nel 1954, entra a lavorare per l’azienda vinicola di famiglia, che opera in tutta la provincia di Brescia, compresa l’area che prende il nome di Franciacorta. Nel 1955 Ziliani fu incaricato dall’elegante Conte Berlucchi di migliorare il Pinot Bianco prodotto nelle cantine seicentesche di Borgonato. Il bianco rustico di Berluchi aveva i problemi di instabilità del giovane Zilliani che liberava ferro e calcio dalle pareti delle vasche di fermentazione in cemento della cantina.

Ziliani non ha smesso di risolvere questo enigma. È noto soprattutto per aver suggerito che per valorizzare i suoi vigneti, Berluchi dovrebbe utilizzare il vino come base per lo spumante “alla francese”. Dopo tre anni di sperimentazione, Ziliani ha prodotto circa 3.000 bottiglie del Pinot di Franciacorta Methode Champenoise Brut del 1961. In interviste successive, Ziliani ha raccontato come il servitore del conte si fosse lamentato che il vino avrebbe impiegato 20 anni per svuotarsi. Invece, è andato esaurito in mesi.

Con l’aumento della produzione e della domanda nel 1965, Guido Berlucchi creò ufficialmente l’omonima azienda vinicola in collaborazione con Ziliani e un altro socio in affari, Giorgio Lanciani. L’azienda ha provveduto a reimpiantare e riprendere i vigneti e ad ampliare e restaurare le proprie cantine.

L’immagine di Berluchi fece di lui qualcosa di più grande di quella del nascente Franciacorta. E nel 1976, Berlucchi estrae il suo vino dall’etichetta che lo ha ispirato a procurarsi ulteriori uve dalla regione dell’Oltrepò nel sud della Lombardia e dalla regione montuosa di Trento nel nord-est dell’Italia. Solo nel 2000 – per volere dei figli di Ziliani – l’azienda ha ripreso a produrre vini con etichetta Franciacorta e ha restituito tutta la sua produzione alla regione prima del cinquantesimo anniversario di Berluchi nel 2011.

READ  Briano Italiano serve il gusto italiano di Mohnton

Dopo la morte di Berlucchi nel 2000, Ziliani è diventato amministratore delegato dell’azienda e ha inaugurato una nuova era, con l’aiuto dei suoi tre figli. Ha gradualmente acquistato le azioni del Conte dalla sua fondazione. Nel 2017, all’età di 86 anni, Zilani si è ritirato, vendendo quasi tutte le sue azioni ai figli, pur mantenendo il titolo di presidente della società. Suo figlio Arturo rimane oggi amministratore delegato.

Ziliani lascia i tre figli – Arturo, Cristina e Paolo – che lavorano tutti alla Berlucchi, oltre a otto nipoti, due dei quali lavorano per l’azienda.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x