― Advertisement ―

spot_img

Gli astronomi vogliono cambiare il modo in cui definiamo un pianeta – ancora una volta

Gli astronomi propongono una nuova definizione di pianetadopo quasi due decenni da quando un simile cambiamento precedente ha portato a PlutoneLa nuova definizione aggiungerebbe...
HomescienceNGC 3256 vista dal James Webb Space Telescope

NGC 3256 vista dal James Webb Space Telescope

La strana galassia NGC 3256 domina questa immagine dal telescopio spaziale James Webb della NASA/ESA/CSA. Situata a circa 120 milioni di anni luce di distanza nella costellazione di Phella, questa galassia delle dimensioni della Via Lattea è residente nel Supercluster Hydra-Centaurus. NGC 3256 può sembrare silenzioso, un vortice di braccia a spirale strettamente intrecciate in una nebbiosa nuvola di luce, ma questa immagine mostra le tracce di un’antica collisione cosmica. Questa galassia distorta è il relitto di una collisione frontale tra due galassie a spirale ugualmente massicce che gli astronomi stimano si siano incontrate circa 500 milioni di anni fa. Il passato turbolento di NGC 3256 è catturato nei lunghi tentacoli di polvere e stelle luminose che si estendono verso l’esterno dal corpo principale della galassia. Sparse nella galassia, le sorprendenti regioni rosse e arancioni contengono giovani stelle formatesi nel processo di fusione che emettono minuscoli granelli di polvere, che poi emettono luce infrarossa catturata con dettagli sbalorditivi dagli strumenti di Webb. Inoltre, ci sono caratteristiche di marea estese, la maggior parte delle quali sono stelle estratte dalle galassie mentre si scontrano. Se ti viene chiesto di immaginare una collisione tra galassie, potresti immaginare le stelle che oscillano l’una nell’altra con risultati catastrofici. In effetti, le distanze tra le stelle nella galassia sono enormi. Quando le galassie si scontrano, le loro nuvole di stelle si incrociano e si mescolano come due nuvole di fumo. Tuttavia, gas e polvere interagiscono nelle galassie in collisione, con risultati sorprendenti. La collisione galattica che ha creato NGC 3256 ha causato un’esplosione luminosa di formazione stellare visibile nelle parti più luminose di questa immagine. Queste giovani stelle brillano più intensamente alle lunghezze d’onda dell’infrarosso, luce che può penetrare attraverso la polvere oscurata nella galassia, rendendo le stelle un bersaglio ideale per Webb. L’osservazione è una delle tante che danno uno sguardo dettagliato alla fisica della formazione stellare e alla crescita dei buchi neri nelle vicine galassie unite, sperando di trasformare la comprensione degli astronomi sull’evoluzione delle galassie. Catturare una selezione di galassie infrarosse luminose come NGC 3256 aiuterà la comunità astronomica a capire come Webb può rivelare le complesse storie delle vicine galassie in formazione stellare. Questa immagine contiene i dati della webcam a infrarossi vicini e dello strumento a infrarossi medi, che, come suggeriscono i nomi, catturano NGC 3256 con dettagli sorprendenti alle lunghezze d’onda dell’infrarosso. Precedenti osservazioni di NGC 3256 con il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA hanno rivelato questa collisione cosmica a lunghezze d’onda visibili, e le osservazioni di Hubble e Webb sono mostrate fianco a fianco usando il cursore qui. [Image Description: A large, face-on spiral galaxy. The core is radiating very brightly. Streaks of dust glow intensely red, in the centre and across most of the galaxy. This gas is surrounded by a dark grey halo made of the galaxy’s stars. The halo stretches out into a tidal tail at the upper-left, and another at the bottom. Small stars and galaxies surround the spiral galaxy, on a black background.] Link Slider: Hubble e le viste di Webb di NGC 3256 Video: panoramica di NGC 3256 Video: zoom su NGC 3256 Video: Hubble e le viste di Webb di NGC 3256

La strana galassia NGC 3256 domina questa immagine dal telescopio spaziale James Webb della NASA/ESA/CSA. Situata a circa 120 milioni di anni luce di distanza nella costellazione di Phella, questa galassia delle dimensioni della Via Lattea è residente nel Supercluster Hydra-Centaurus.

READ  La nuova teoria delle molteplici origini della vita

NGC 3256 può sembrare silenzioso, un vortice di braccia a spirale strettamente intrecciate in una nebbiosa nuvola di luce, ma questa immagine mostra le tracce di un’antica collisione cosmica. Questa galassia distorta è il relitto di una collisione frontale tra due galassie a spirale ugualmente massicce che gli astronomi stimano si siano incontrate circa 500 milioni di anni fa. Il passato turbolento di NGC 3256 è catturato nei lunghi tentacoli di polvere e stelle luminose che si estendono verso l’esterno dal corpo principale della galassia. Sparse nella galassia, le sorprendenti regioni rosse e arancioni contengono giovani stelle formatesi nel processo di fusione che emettono minuscoli granelli di polvere, che poi emettono luce infrarossa catturata con dettagli sbalorditivi dagli strumenti di Webb. Inoltre, ci sono caratteristiche di marea estese, la maggior parte delle quali sono stelle estratte dalle galassie mentre si scontrano.

Se ti viene chiesto di immaginare una collisione tra galassie, potresti immaginare le stelle che oscillano l’una nell’altra con risultati catastrofici. In effetti, le distanze tra le stelle nella galassia sono enormi. Quando le galassie si scontrano, le loro nuvole di stelle si incrociano e si mescolano come due nuvole di fumo. Tuttavia, gas e polvere interagiscono nelle galassie in collisione, con risultati sorprendenti. La collisione galattica che ha creato NGC 3256 ha causato un’esplosione luminosa di formazione stellare visibile nelle parti più luminose di questa immagine. Queste giovani stelle brillano più intensamente alle lunghezze d’onda dell’infrarosso, luce che può penetrare attraverso la polvere oscurata nella galassia, rendendo le stelle un bersaglio ideale per Webb.

READ  Il rover su Marte cattura il primo suono di un diavolo di polvere sul Pianeta Rosso

L’osservazione è una delle tante che danno uno sguardo dettagliato alla fisica della formazione stellare e alla crescita dei buchi neri nelle vicine galassie unite, sperando di trasformare la comprensione degli astronomi sull’evoluzione delle galassie. Catturare una selezione di galassie infrarosse luminose come NGC 3256 aiuterà la comunità astronomica a capire come Webb può rivelare le complesse storie delle vicine galassie in formazione stellare.

Questa immagine contiene i dati della webcam a infrarossi vicini e dello strumento a infrarossi medi, che, come suggeriscono i nomi, catturano NGC 3256 con dettagli sorprendenti alle lunghezze d’onda dell’infrarosso. Precedenti osservazioni di NGC 3256 con il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA hanno rivelato questa collisione cosmica a lunghezze d’onda visibili, e le osservazioni di Hubble e Webb sono mostrate fianco a fianco usando il cursore qui.

[Image Description: A large, face-on spiral galaxy. The core is radiating very brightly. Streaks of dust glow intensely red, in the centre and across most of the galaxy. This gas is surrounded by a dark grey halo made of the galaxy’s stars. The halo stretches out into a tidal tail at the upper-left, and another at the bottom. Small stars and galaxies surround the spiral galaxy, on a black background.]