Perché la demenza non è una parte normale dell’invecchiamento

Perché la demenza non è una parte normale dell’invecchiamento

Fuori posto Chiavi. Hai dimenticato il nome o la password? Dimenticare un'occasione speciale come un compleanno.

Invecchiando, molti di noi iniziano a preoccuparsi che perdere la memoria significhi che stiamo diventando troppo vecchi Demenza Oppure il morbo di Alzheimer. È normale sentirsi ansiosi.

Secondo l'Alzheimer's Society of Canada, circa il 40% di noi sperimenta qualche forma di perdita di memoria dopo i 65 anni. È una parte normale dell'invecchiamento.

Anche se incontri perdita di memoria Invecchiando, le probabilità di sviluppare la demenza rimangono basse. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che tra il 5 e l’8% di noi vivrà con la demenza ad un certo punto della nostra vita.

Demenza è un termine ampio per descrivere i sintomi che influenzano la funzione cerebrale. È una condizione caratterizzata da quanto segue:

  • Perdita di memoria, giudizio e pensiero.
  • Cambiamenti nel comportamento e nell'umore.
  • Cambiamenti fisici come perdita di coordinazione, equilibrio e movimento.

Questi cambiamenti spesso portano ad un graduale declino della capacità di una persona di funzionare correttamente sul lavoro, nelle relazioni sociali o di svolgere le normali attività quotidiane.

È importante sapere che la demenza non è una parte normale dell'invecchiamento. Viene diagnosticata la demenza Da parte degli operatori sanitari.

Cos'è la malattia di Alzheimer?

La malattia di Alzheimer è la più comune Una forma di demenza. Si stima che contribuisca al 60-70% dei casi di demenza. Non esiste una cura per la malattia di Alzheimer e non può essere invertita, anche se alcuni farmaceutico Potrebbe rallentarlo per un po’ e rendere più facile la convivenza con la malattia.

Il rischio di sviluppare demenza o morbo di Alzheimer è influenzato da fattori quali lo stile di vita, l'ambiente e la genetica.

Alcuni fattori che puoi controllare: Altri non puoi. Come la maggior parte delle malattie, i fattori di rischio rappresentano una maggiore possibilità di sviluppare demenza, ma non sono certi. Al contrario, avere un’esposizione scarsa o nulla ai fattori di rischio non significa essere protetti dallo sviluppo della demenza.

È possibile prevenire la demenza e l'Alzheimer?

Puoi ridurre il rischio di demenza prestando attenzione ai seguenti fattori di rischio.

Si stima che il 40% dei casi di demenza possa essere il risultato di questi fattori modificabili:

ipertensione;

fumare;

diabete;

Mancanza di attività fisica;

obesità;

dieta;

consumo di alcool;

Bassi livelli di impegno cognitivo.

depressione;

Lesioni cerebrali;

perdita dell'udito;

Isolamento sociale;;

inquinamento dell'aria.

Ho paura di poter avere la demenza. Cosa posso fare ora per sentirmi preparato?

Un passo importante che chiunque può compiere è pensare, scrivere e parlare dei propri desideri e delle istruzioni riguardanti le proprie esigenze personali e sanitarie.

Pianificazione anticipata delle cure Può iniziare in qualsiasi momento della tua vita. Prendiamo le nostre migliori decisioni quando siamo calmi e prima di trovarci in una situazione stressante o in una crisi medica. Anche se ora ti senti in buona salute, è una buona idea essere preparato nel caso in cui ti ammali improvvisamente e non sei in grado di prendere decisioni da solo.

Questo articolo è il primo della nostra serie in quattro parti Sulla demenza e sul morbo di Alzheimer. Gennaio lo è Mese della sensibilizzazione sull'Alzheimer. Scopri le risorse e i programmi per aiutare le persone affette dalla malattia e i loro caregiver a vivere una vita appagante con il sostegno della loro comunità.

READ  Il perseverante rover della NASA ha catturato un'eclissi solare su Marte

Immagine del piombo: Secondo l'Alzheimer's Society of Canada, circa il 40% di noi sperimenterà una qualche forma di perdita di memoria dopo i 65 anni. È una parte normale dell'invecchiamento, ma la demenza non lo è. Immagine della salute interna

Salute interna