“Rhino”: è stato scoperto uno dei buchi neri più piccoli e più vicini alla Terra

TORONTO – Gli scienziati hanno scoperto uno dei più piccoli buchi neri della nostra galassia – quello più vicino alla Terra – e lo hanno chiamato “rinoceronte”.

Gli astronomi hanno trovato l’unicorno a circa 1.500 anni luce di distanza e gli hanno dato questo soprannome a causa della sua rarità e scoperta tra la costellazione del Monoceros. Secondo una dichiarazione rilasciata dalla Ohio State University. Monoceros è un unicorno unicorno.

I risultati, pubblicati nel numero di aprile del Journal of Monthly Notice della Royal Astronomical Society, mostrano come la massa dell’unicorno sia tre volte la massa del nostro sole, che è piccolo rispetto a un buco nero e sembra essere un compagno. di una stella gigante rossa. . “Rafiq” significa che i due sono legati alla gravità.

L’autore principale Tharindu Jayasinghe ha dichiarato nella dichiarazione: “Quando abbiamo esaminato i dati, questo buco nero – l’unicorno – era appena apparso”.

La dichiarazione afferma che l’unicorno stella gigante rossa era un compagno che in precedenza era stato ben documentato dai telescopi gestiti dall’Ohio e dalla NASA, ma i cui dati non erano stati analizzati a fondo.

Quando Jayasinghe e altri ricercatori hanno esaminato i dati della gigante rossa, hanno notato che qualcosa sembrava orbitare attorno alla stella, facendo cambiare la sua intensità e il suo aspetto in diversi punti attorno all’orbita. L’effetto delle nuvole, chiamato “deformazione delle maree”, è solitamente un’indicazione che qualcosa sta influenzando la stella – in questo caso, un piccolo buco nero.

“Proprio come la gravità della luna distorce gli oceani della Terra, provocando il rigonfiamento dei mari verso e lontano dalla luna, con conseguente alta marea, così il buco nero deforma la stella in una forma simile a un pallone da calcio con un asse più lungo dell’altro”, ha detto Todd Thompson, coautore dello studio e capo del Dipartimento di astronomia, Ohio, nella dichiarazione.

READ  Delta Aquarids, meteore Perseidi a Novi, DC: date di punta

Lo studio dei buchi neri e delle stelle di neutroni consente agli scienziati di saperne di più su come si formano e muoiono le stelle.

“Penso che il campo si stia spingendo verso questo, per mappare davvero il numero di massa bassa, il numero di massa media e i buchi neri di massa alta, perché ogni volta che ne trovi uno, ti dà un’idea delle stelle, “Ha detto Thompson.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x