― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldUn soldato americano si dichiara colpevole di aver tentato di aiutare l'ISIS

Un soldato americano si dichiara colpevole di aver tentato di aiutare l’ISIS

Un soldato americano si è dichiarato colpevole di aver tentato di aiutare lo Stato islamico (ISIS) ad attaccare e uccidere membri del servizio americano in Medio Oriente.

Il Dipartimento di Giustizia ha anche affermato di essersi dichiarato colpevole di aver tentato di fornire supporto materiale a un’organizzazione terroristica straniera.

Il dipartimento ha detto che Cole Bridges, noto come Cole Gonzalez, ha condiviso le informazioni con un agente federale sotto copertura.

Potrebbe rischiare fino a 40 anni di carcere.

Il signor Bridges è entrato nell’esercito degli Stati Uniti intorno a settembre 2019 e ha sede a Fort Stewart, in Georgia.

Presto iniziò a “cercare e consumare propaganda online per promuovere i jihadisti e la loro violenta ideologia”, secondo la dichiarazione dell’ufficio del procuratore degli Stati Uniti.

Ma il signor Bridges ha iniziato a corrispondere con un agente dell’FBI nell’ottobre 2020 che si fingeva un sostenitore dello Stato islamico con contatti con membri in Medio Oriente.

Il signor Bridges ha condiviso le sue frustrazioni con l’esercito americano e ha indicato il suo desiderio di aiutare l’ISIS – noto anche come ISIS – all’agente sotto copertura dell’FBI.

Ha iniziato a fornire “addestramento e tutoraggio a presunti combattenti dell’ISIS che stavano pianificando attacchi, compresi consigli su potenziali obiettivi a New York City”, afferma la dichiarazione.

Si dice anche che abbia inviato all’agente sotto copertura “parti di un manuale di addestramento dell’esercito americano e istruzioni sulle tattiche di combattimento militare”.

Ha fornito un video di se stesso che indossa un’armatura dell’esercito americano in piedi davanti a una bandiera dell’ISIS e indica il sostegno al gruppo.

Una settimana dopo, ha inviato un altro video, utilizzando un manipolatore vocale, che raccontava un discorso di propaganda a sostegno dell’attesa imboscata dell’ISIS alle forze statunitensi.

“Come ha ammesso oggi in tribunale, Cole Bridges ha tentato di orchestrare un’imboscata fatale ai suoi commilitoni al servizio dell’ISIS e della sua ideologia violenta”, ha dichiarato Damien Williams, procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York. “Il comportamento infido di Bridges è stato un tradimento dei suoi compagni e del suo paese”.

Sarà condannato il 2 novembre.