Venezuela e Guyana concordano di non usare la forza nel conflitto di Esquibo | Notizie di politica

Venezuela e Guyana concordano di non usare la forza nel conflitto di Esquibo |  Notizie di politica

I leader stanno tenendo colloqui tesi dopo che il Venezuela ha organizzato un referendum per rivendicare il territorio ricco di petrolio che costituisce due terzi della Guyana.

Venezuela e Guyana hanno concordato di non ricorrere alla forza per risolvere una disputa territoriale sulla regione ricca di petrolio di Essequibo dopo un teso incontro tra i leader dei due paesi nei Caraibi.

Il presidente della Guyana Irfaan Ali e il presidente del Venezuela Nicolas Maduro hanno concordato di “non minacciarsi o usare la forza l’uno contro l’altro in nessuna circostanza, comprese quelle derivanti da eventuali differenze esistenti tra i due paesi” e di “astenersi, con parole o azioni, dall’escalation di qualsiasi conflitto”. .” “. Conflitto”, in una dichiarazione in 11 punti letta in una conferenza stampa dopo l’incontro.

I due uomini non sono stati in grado di fare progressi nella risoluzione della disputa di lunga data sulla regione, con un comitato congiunto composto dai ministri degli Esteri dei due paesi e da altri funzionari chiamato ad affrontare la questione e presentare un rapporto entro tre mesi.

In conferenza stampa non erano ammesse domande.

Essequibo copre più di due terzi del territorio della Guyana e ospita 125.000 dei suoi 800.000 cittadini.

Le tensioni sono aumentate nelle ultime settimane dopo che il Venezuela ha tenuto un referendum all’inizio di questo mese sull’opportunità di fondare uno stato venezuelano nel paese, una mossa che la Guyana teme possa essere un pretesto per un sequestro territoriale.

Il Venezuela insiste sul fatto che Essequibo dovrebbe essere sotto il suo controllo perché era all’interno dei suoi confini durante il periodo coloniale spagnolo, mentre la Guyana afferma che i confini tracciati da arbitri internazionali nel 1899 significano che fa parte della Guyana.

L’incontro di un’ora tra Ali e Maduro si è svolto nel principale aeroporto internazionale dell’isola caraibica orientale di Saint Vincent, a seguito degli sforzi di mediazione dei gruppi regionali della Comunità degli Stati Latinoamericani e dei Caraibi (CELAC) e della Comunità dei Caraibi (CARICOM). . .

L’annuncio si riferiva all’impasse tra i due uomini, che si tenevano per mano prima dei colloqui.

La Guyana afferma che la controversia dovrebbe essere risolta dalla Corte internazionale di giustizia dei Paesi Bassi, mentre il Venezuela afferma che la corte non ha giurisdizione.

All’inizio della giornata, il governo della Guyana ha rilasciato una dichiarazione affermando che Essequibo “non è soggetto a discussione, negoziazione o deliberazione”. Ali ha ripetuto queste dichiarazioni durante una conferenza stampa tenutasi durante una pausa nei suoi colloqui con Maduro.

“Tutto questo appartiene alla Guyana”, ha detto Ali, indicando uno spesso braccialetto di cuoio al polso destro con i contorni della Guyana. “Non c’è propaganda narrativa [or] Il decreto potrebbe cambiare la situazione. “Questa è la Guyana.”

Ali ha osservato che mentre entrambe le parti sono impegnate a mantenere la pace nella regione, la Guyana “non è l’aggressore”.

“La Guyana non cerca la guerra, ma si riserva il diritto di lavorare con tutti i nostri partner per garantire la difesa del nostro Paese”, ha affermato.

“Ne approfitteremo affinché l’America Latina e i Caraibi rimangano una zona di pace”, ha detto Maduro prima dell’incontro.

Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha affermato che gli Stati Uniti stanno monitorando attentamente la situazione. “Non vogliamo vedere questo conflitto”, ha detto Kirby. “Non c’è motivo per questo, e i nostri diplomatici sono impegnati in tempo reale”.

READ  Più di 40 veicoli si sono schiantati sul Chesapeake Bay Bridge

Maduro ha ordinato alle società statali di esplorare e sfruttare petrolio, gas e miniere a Essequibo. Entrambe le parti mettono in allerta i propri eserciti.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x