La guerra russo-ucraina: i rifugiati raccontano gli abusi

Przymysl, Polonia – Mentre più di due milioni di rifugiati dall’Ucraina iniziano a diffondersi in tutta Europa e oltre, alcuni stanno portando preziose testimonianze per costruire un caso per crimini di guerra.

Un numero crescente di persone si presenta ai valichi di frontiera come sopravvissuti che sono fuggiti da alcune delle città più duramente colpite dalle forze russe.

“È stato molto strano”, ha detto Ihor Dikov, una delle tante persone che hanno attraversato il fiume Irbin fuori Kiev sulle assi scivolose di un ponte improvvisato dopo che gli ucraini hanno fatto saltare in aria la distesa di cemento per rallentare l’avanzata russa.

Ha sentito degli spari mentre attraversava e ha visto i corpi lungo la strada.

I russi hanno promesso un corridoio (umanitario), che non hanno commesso. Stavano sparando ai civili. “È assolutamente vero. L’ho assistito. La gente aveva paura”.

Queste testimonianze raggiungeranno sempre più il mondo nei prossimi giorni man mano che sempre più persone affolleranno lungo fragili corridoi umanitari.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato mercoledì che tre di questi corridoi operano da aree bombardate. La gente ha lasciato Sumy, nel nord-est vicino al confine russo; La periferia di Kiev ed Enerhodar, la città meridionale dove le forze russe hanno preso il controllo di una grande centrale nucleare. Ha detto che il numero totale di sfollati è di 35.000.

Altre evacuazioni sono state annunciate giovedì quando i residenti disperati hanno cercato di lasciare le città dove cibo, acqua, medicine e altre necessità stanno finendo.

Almeno un milione di persone sono state sfollate in Ucraina, oltre al numero crescente di rifugiati, ha detto ai giornalisti il ​​direttore generale dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni, Antonio Vitorino. Ha affermato che la portata della crisi umanitaria era così grave che lo “scenario peggiore” nel piano di emergenza dell’OIM era già stato superato.

READ  Gli elettori del Qatar pesano sulle prime elezioni legislative | Notizie elettorali

C’è un urgente bisogno di psicologi qualificati di lingua russa e ucraina, ha detto Vitorino, poiché i testimoni più traumatizzati si uniscono a coloro che fuggono.

A livello nazionale, si ritiene che migliaia di persone siano state uccise in tutta l’Ucraina, sia civili che soldati, dall’invasione delle forze russe due settimane fa. Funzionari della città nella città portuale assediata di Mariupol hanno detto che 1.200 residenti sono stati uccisi lì, di cui tre nel bombardamento di un ospedale pediatrico. E a Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina, l’ufficio del pubblico ministero ha affermato che 282 residenti sono stati uccisi, inclusi molti bambini.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani ha dichiarato mercoledì di aver registrato la morte di 516 civili in Ucraina nelle due settimane successive all’invasione russa, inclusi 37 bambini. La maggior parte di essi sono stati causati “dall’uso di armi esplosive con effetto ad ampia area”, ha aggiunto. Crede che le perdite reali siano “molto più alte” e osserva che i suoi numeri non includono alcune aree di “ostilità estreme”, inclusa Mariupol.

Alcuni dei nuovi rifugiati hanno assistito loro stessi a queste morti. La loro testimonianza sarà una parte importante degli sforzi per ritenere la Russia responsabile per aver preso di mira civili ed edifici civili come ospedali e case.

La scorsa settimana il procuratore capo della Corte penale internazionale ha avviato un’indagine che potrebbe prendere di mira alti funzionari ritenuti responsabili di crimini di guerra, dopo che dozzine di stati membri della corte gli hanno chiesto di agire. Ha iniziato a raccogliere prove.

Alcuni paesi hanno continuato ad allentare le procedure per i rifugiati. La Gran Bretagna ha affermato che da martedì, gli ucraini con passaporto non devono più recarsi in un centro di richiesta di visto per presentare le proprie impronte digitali e possono invece presentare domanda per entrare nel Regno Unito online e fornire le proprie impronte digitali dopo l’arrivo. Meno di 1.000 visti sono stati concessi su oltre 22.000 domande per gli ucraini di raggiungere le loro famiglie lì.

READ  Tutela di Britney Spears: proposta di legge "Free Britney" al Congresso nel bel mezzo di una battaglia legale

Gli ucraini che sono riusciti a scappare hanno paura per quelli che non possono.

“Ho paura”, ha detto Anna Potapola, madre di due figli, arrivata in Polonia dalla città di Dnipro. “Quando abbiamo dovuto lasciare l’Ucraina i miei figli mi hanno chiesto: ‘Vivremo?’ “Ho paura e molta paura per le persone che sono rimaste indietro”.

___

I giornalisti dell’Associated Press di tutta Europa hanno contribuito.

——

rimaniamo in contatto

Sei in Ucraina Hai una famiglia in Ucraina? Tu o la tua famiglia siete stati colpiti? e-mail dotcom@bellmedia.ca.

  • Per favore includi il tuo nome, posizione e informazioni di contatto se sei disposto a parlare con un giornalista con CTV News.

  • I tuoi commenti possono essere utilizzati nella storia di CTVNews.ca.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x