― Advertisement ―

spot_img

Gli astronomi vogliono cambiare il modo in cui definiamo un pianeta – ancora una volta

Gli astronomi propongono una nuova definizione di pianetadopo quasi due decenni da quando un simile cambiamento precedente ha portato a PlutoneLa nuova definizione aggiungerebbe...
HomescienceVirus dell'influenza aviaria scoperto in un orso polare in Alaska

Virus dell'influenza aviaria scoperto in un orso polare in Alaska

In un recente studio pubblicato sulla rivista Malattie infettive emergenti, Ricercatori in Alaska, negli Stati Uniti, hanno segnalato un'infezione naturale con il virus dell'influenza aviaria A (H5N1) altamente virulento in un giovane orso polare trovato morto in Alaska nel 2023. Hanno sottolineato l'importanza del monitoraggio continuo della salute della fauna selvatica da parte della comunità così come i cacciatori artici.

Inviare: Infezione da influenza aviaria altamente virulenta A (H5N1) 2.3.4.4b in orsi polari allo stato brado in Alaska, USA.. Credito immagine: Alexey Seafarer/Shutterstock

sfondo

Il virus dell’influenza aviaria A (H5N1) ad alta patogenicità di tipo 2.3.4.4b è stato rilevato per la prima volta nell’ottobre 2020 in Europa e da allora ha infettato diverse specie di mammiferi a livello globale. Nel Nord America, infezioni naturali da influenza aviaria sono state osservate in diverse specie di orsi, tra cui gli orsi neri asiatici, gli orsi neri americani, gli orsi grizzly e gli orsi bruni di Kodiak. È stato segnalato che gli animali in cattività, inclusi gli orsi bradipi, gli orsi neri asiatici e i panda giganti, sono stati infettati da altri virus dell'influenza A (H1N1). Inoltre, gli anticorpi contro i sottotipi influenzali H3 e H6 indicano una precedente esposizione naturale ai virus dell'influenza aviaria. In particolare, la sieroconversione è stata osservata negli orsi polari del Mare di Barnet e negli orsi bruni dell'Alaska, ma non negli orsi polari del Mare di Beaufort meridionale.

È interessante notare che l'analisi del genoma dei virus dell'influenza aviaria selvatica in Alaska ha mostrato sia ceppi non classificati che ceppi classificati. Il virus dell'influenza aviaria A3 ad alta patogenicità è probabilmente entrato in Alaska attraverso la rotta Asia orientale-Australia nel novembre 2021. Da allora, è stato rilevato in diversi uccelli selvatici, tra cui i condor della California in Arizona, e in mammiferi come volpi rosse, rapaci. quaglie, procioni e orsi bruni lungo la Pacific Coast Highway.

Orsi polari (Orso marino) è classificata come specie a rischio di estinzione ai sensi dell'Endangered Species Act degli Stati Uniti. Comprendere le minacce sanitarie a queste specie è fondamentale per gli sforzi di conservazione e per lo sviluppo di strategie di gestione efficaci. Nel presente studio, i ricercatori riportano il caso di un orso polare maschio naturalmente infetto dal virus dell’influenza aviaria H5N1 altamente virulento che ha ceduto all’infezione.

A proposito dello studio

Il DWM North Slope in Alaska effettua ricerche sulla salute della fauna selvatica e mantiene programmi per monitorare la raccolta di mammiferi marini, compresi gli orsi polari, da parte della comunità. L'ufficio veterinario dello stato dell'Alaska monitora la fauna selvatica per individuare le malattie infettive segnalabili. Dopo l'identificazione dell'influenza aviaria H5N1 ad alta patogenicità nei rapaci e nella volpe rossa nell'aprile 2022, l'ufficio del veterinario statale ha iniziato a collaborare con la North Slope Wildlife Management per condurre test di sorveglianza per l'influenza aviaria negli uccelli e in altri animali selvatici.

I residenti locali hanno riferito di aver trovato un orso polare morto vicino a Point Barrow, in Alaska, nell'agosto 2023. È stato condotto un esame post mortem. L'orso è risultato essere un maschio di piccola taglia, alto 120 cm, in stato di decomposizione da moderato ad avanzato. Dopo un esame completo, i campioni di tessuto sono stati raccolti e fissati in formalina tamponata al 10% per l'esame istopatologico. Anche i campioni su tampone sono stati raccolti e conservati a -50°C. Sono stati processati per l'esame istopatologico di routine utilizzando la colorazione con ematossilina ed eosina. I campioni di tampone sono stati testati per il gene della matrice del virus dell'influenza mediante reazione a catena della polimerasi (PCR). L'immunocolorazione istologica è stata eseguita utilizzando un anticorpo policlonale contro il virus dell'influenza A. Inoltre, sono state eseguite la conferma molecolare e la caratterizzazione del genoma del virus.

READ  Enormi anelli a raggi X attorno a un buco nero rivelano polvere interstellare nascosta

Risultati e discussione

Un esame approfondito ha rivelato congestione epatica e polmonare, lesioni cutanee ulcerose, versamento, gonfiore e congestione cerebrale e stomaco vuoto. I principali risultati istopatologici erano meningoencefalite granulomatosa e mononucleare con microgliosi, polineurite, vasculite, necrosi neuronale e displasia viscerale. Inoltre, i ricercatori hanno identificato polmonite seborroica focale, edema polmonare e dermatite ulcerativa multifocale. I campioni di tampone sono risultati negativi per il gene della matrice del virus dell'influenza. Nonostante i test PCR negativi, l’immunocolorazione istologica ha rilevato l’antigene del virus dell’influenza A nei neuroni e nella microglia. L'analisi molecolare ha identificato il genotipo dell'influenza aviaria A3 ad alta patogenicità, un virus dell'influenza eurasiatica. Il virus è stato rilevato per la prima volta in Alaska nell'aprile 2022 ed è stato il genotipo rilevato più frequentemente nella regione da agosto a dicembre 2023. Le sequenze complete del genoma del virus che infetta l'orso polare sono state depositate in GenBank e GISAID (acronimo di Global Iniziativa per la condivisione di tutti i dati sull’influenza).

Conclusione

In conclusione, la scoperta del virus dell’influenza aviaria H5N1 ad alta patogenicità in un orso polare indica la capacità del virus di diffondersi a varie specie di mammiferi, sottolineando la necessità di un attento monitoraggio (sia a livello di comunità che di cacciatore) della salute della fauna selvatica per una diagnosi precoce. degli agenti patogeni emergenti. Il successo del rilevamento del virus attraverso sforzi di collaborazione tra i dipartimenti statali di gestione della fauna selvatica e i veterinari evidenzia l’importanza dei sistemi di sorveglianza integrati nel monitoraggio e nella risposta ai problemi sanitari legati alla fauna selvatica. Poiché gli orsi polari e altri animali selvatici sono parte integrante del sostentamento e della sicurezza alimentare delle comunità indigene dell’Artico, la scoperta del virus dell’influenza aviaria H5N1 ad alta patogenicità evidenzia potenziali rischi zoonotici. Ciò richiede strategie per mitigare l’impatto sulle fonti alimentari tradizionali e proteggere la salute pubblica. I risultati forniscono dati preziosi sulla diffusione e sull’impatto del virus dell’influenza aviaria H5N1 altamente patogeno nella regione artica, contribuendo a una più ampia comprensione scientifica dell’ecologia del virus dell’influenza e delle dinamiche della trasmissione tra le specie.

READ  Più di 550 casi confermati di vaiolo delle scimmie sono stati segnalati in 30 paesi: l'OMS