― Advertisement ―

spot_img
HomeWorldWilliam Lai Cheng-te esorta alla pace come nuovo presidente di Taiwan |...

William Lai Cheng-te esorta alla pace come nuovo presidente di Taiwan | Notizie di politica

Lai assume il ruolo di leader mentre Pechino afferma in modo aggressivo le sue pretese sull’isola autonoma di 23 milioni di persone.

Taipei, Taiwan – William Lai Ching-ti ha prestato giuramento come presidente di Taiwan in una cerimonia che includeva 21 colpi di cannone, durante la quale ha poi elogiato la democrazia sull'isola autogovernata e ha esortato la Cina a fermare le sue “intimidazioni”.

Lai e il vicepresidente Hsia Bi-Khiem hanno prestato giuramento lunedì sotto il ritratto di Sun Yat-sen, fondatore della Repubblica di Cina, il nome ufficiale del governo di Taiwan, durante una cerimonia presso il palazzo presidenziale di Taipei.

Il 64enne ha ricevuto dal Presidente del Parlamento due sigilli che simboleggiano il potere presidenziale: uno il Sigillo della Repubblica Cinese e l'altro il Sigillo d'Onore. Furono portati sull'isola dai nazionalisti nel 1949 dopo aver perso la guerra civile cinese a favore dei comunisti.

Durante la cerimonia si è congedata anche la presidente uscente Tsai Ing-wen, che si è dimessa dopo otto anni e un massimo di due mandati.

Rivolgendosi alla folla riunita presso l'edificio presidenziale, Lai ha sottolineato l'importanza del 20 maggio – il giorno in cui fu imposta la legge marziale nel 1949 e anche il giorno in cui nel 1997 prestò giuramento il primo presidente eletto dal popolo di Taiwan – come “segnale alla comunità internazionale”. La Repubblica di Cina, Taiwan, è uno stato sovrano e indipendente e la sua sovranità è nelle mani del suo popolo”.

Ha sottolineato che Taiwan non farà alcuna concessione alla sua democrazia e alle sue libertà, e ha invitato Pechino a “fermare la sua aggressione contro Taiwan” e a cercare di “mantenere la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan e nella regione, e a garantire la libertà del mondo dal paura della guerra.” “.

READ  Il Canada ha fatto abbastanza per sostenere l'Ucraina da quando ha iniziato la sua guerra con la Russia un anno fa? - Votazione

Pechino sostiene che Taiwan le appartiene e non esclude l'uso della forza per raggiungere i suoi obiettivi. Durante i due mandati presidenziali, Tsai ha inviato aerei e navi militari vicino all'isola, e ha continuato a farlo da quando Lai, che considera un “separatista” e un “piantagrane”, ha vinto le elezioni di gennaio.

Lunedì si sono uniti alla cerimonia rappresentanti di 29 paesi, compresi i rappresentanti degli ultimi 12 alleati diplomatici di Taiwan nel Pacifico e nell'America Centrale e la Santa Sede.

La cerimonia si è tenuta presso l'edificio presidenziale di Taiwan, costruito quando l'isola era una colonia giapponese [Taiwan Presidential Office via AFP]

Hanno partecipato l’ex segretario di Stato americano Mike Pompeo, così come l’ex presidente lituano Dalia Grybauskaite e rappresentanti di uffici “economici” o “commerciali” stranieri che fungono di fatto da missioni diplomatiche per i paesi che intrattengono relazioni ufficiali con Pechino.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha inviato un messaggio di congratulazioni e ha affermato che Washington non vede l’ora di lavorare con Lai “per approfondire le nostre relazioni informali di lunga data e mantenere la pace e la stabilità attraverso lo Stretto di Taiwan”.

'sincero'

Oltre ai dignitari, anche membri del pubblico e sostenitori del partito hanno partecipato alle celebrazioni, che includevano una parata militare e spettacoli di tamburi e danze tradizionali, che celebravano il patrimonio culturale di Taiwan.

Lisa Wu è tornata a Taiwan da Los Angeles con la sua famiglia per partecipare alla cerimonia, seduta tra i sostenitori del Partito Democratico Progressista di Lai.

Wu ha detto di ammirare Lai, figlio di un minatore di carbone che in seguito divenne medico, e lo ha descritto come un leader politico “devoto”. In precedenza era tornata dagli Stati Uniti per votare per lui alle elezioni di gennaio.

Guardia d'onore in marcia alla cerimonia di apertura.  Alcuni di loro indossano uniformi bianche, altri indossano uniformi blu.  Portano fucili con baionette
I membri della guardia d'onore partecipano alla cerimonia di insediamento del nuovo presidente taiwanese Lai Ching-tei [Carlos Garcia Rawlins/Reuters]

Seduta in una sezione riservata ai sostenitori del Partito Democratico Progressista di Lai, Wu ha detto di aver lasciato Taiwan 50 anni fa per trovare migliori opportunità negli Stati Uniti. A quel tempo, gli indigeni taiwanesi discendenti da famiglie precedenti all'arrivo del governo della Repubblica Cinese avevano meno opportunità, ma questa discriminazione è svanita nella Taiwan contemporanea.

Wu ha detto che è tornata a Taiwan dal 2000, poco dopo che Taiwan è diventata democratica, e ha votato in ogni elezione presidenziale.

Anche Samantha Yu, presidente della Federazione globale delle donne d'affari cinesi, è tornata dalla California per partecipare all'evento.

“Questo è un giorno davvero speciale”, ha detto Yeo ad Al Jazeera. “Per la democrazia in questo momento, siamo molto preoccupati per la possibilità che la Cina possa tentare di attaccarci e proteggere la nostra isola e la democrazia è molto importante. Sono nato qui e vivo negli Stati Uniti ora e spero davvero che le persone qui possano continuare per godere della democrazia”.

Miffy Jiang ha partecipato alla cerimonia indossando abiti tradizionali del gruppo indigeno Atil.

Alla cerimonia di apertura partecipa un gigantesco pupazzo a forma di cavallo blu con la criniera arcobaleno.  C'è un cavallo blu più piccolo su un lato e dietro c'è una folla
Le celebrazioni includevano un gigantesco spettacolo di cavalli blu [Carlos Garcia Rawlins/Reuters]

Jiang ha detto che non si trattava della stessa Atayal, ma che voleva aumentare la consapevolezza e la visibilità dei 12 gruppi indigeni di Taiwan.

“Anche se non sono indigena, sento che anche gli indigeni fanno parte della nostra famiglia, quindi anche loro dovrebbero essere conteggiati”, ha detto. “Storicamente abbiamo alcune differenze rispetto a loro, ma dal mio punto di vista crediamo ancora che loro e le loro comunità facciano storicamente parte di Taiwan”, ha aggiunto.

Non ci sono stati commenti immediati da parte dei media statali cinesi sull'insediamento di Lai.

READ  Il segretario generale delle Nazioni Unite avverte l'Assemblea generale delle Nazioni Unite che "il nostro mondo è in pericolo"

In un articolo pubblicato prima della cerimonia, il quotidiano statale Global Times si riferiva a Lai come a un “leader regionale”.