Wizards of the Coast ammette che ci sono “errori” sull’arte dell’IA in Dungeons & Dragons e pubblica una nuova FAQ

Wizards of the Coast ammette che ci sono “errori” sull’arte dell’IA in Dungeons & Dragons e pubblica una nuova FAQ

Wizards of the Coast ha pubblicato una nuova sessione di domande e risposte che affronta l’uso dell’intelligenza artificiale generativa (GenAI) in Dungeons & Dragons e ammette di aver “commesso degli errori” nella sua mancanza di trasparenza riguardo a questo utilizzo nella sua arte.

Il D&D Beyond ufficiale Nuove domande e risposte Che mira ad “affrontare come [Wizards of the Coast] “Valutazione e risposta alle preoccupazioni relative all’intelligenza artificiale” in relazione a commissioni artistiche sia per Dungeons & Dragons che per Magic: The Gathering.

Il paragrafo di apertura delle FAQ dice: “Recentemente, abbiamo visto diverse occasioni in cui l’arte utilizzata nel marketing e nei pezzi di gioco è stata esaminata pubblicamente, inclusa la potenziale inclusione dell’intelligenza artificiale generativa”. “Durante questo periodo, abbiamo commesso degli errori e allo stesso tempo abbiamo anche visto gli artisti e le loro opere erroneamente identificati come problematici in molti modi”.

Le FAQ rilevano che Wizards of the Coast richiede ad artisti, scrittori e altri professionisti creativi che contribuiscono a uno o entrambi i giochi di “astenersi” dall’utilizzare gli strumenti GenAI durante la creazione di prodotti. Per combattere coloro che potrebbero utilizzare la GenAI, Wizards of the Coast ha rivelato che “valuta regolarmente le risorse” che possono essere utilizzate per rilevare quando qualcuno sta utilizzando l’IA generativa.

READ  Attenzione alle app Fake ChatGPT! I truffatori fanno enormi quantità di denaro

La società ha anche spiegato perché non ha risposto alle affermazioni dei fan secondo cui GenAI potrebbe essere stata utilizzata nelle sue opere d’arte. Uno dei motivi è che la sua indagine interna ha ritenuto che i risultati non fossero conclusivi o che ha preso la decisione interna di non lavorare con un artista che ha utilizzato GenAI in futuro ma non ha commentato pubblicamente per proteggere “la privacy di uno o più individui”.

Questa non è la prima volta che Wizards of the Coast è al centro di controversie sull’uso dell’intelligenza artificiale generativa per scopi artistici. Lo scorso dicembre, la società ha rilasciato una dichiarazione in cui riaffermava la sua posizione artistica anti-IA dopo che i fan avevano ipotizzato che alcune delle illustrazioni nella Player’s Guide to Magic: The Gathering del 2024 fossero dovute al fatto che a un nano mancava un braccio, motivo per cui la società ha rilasciato una dichiarazione dichiarazione. Utilizzare la tecnologia in qualche modo. Poche settimane dopo la dichiarazione, la società ha rivelato di aver utilizzato “componenti AI” nelle illustrazioni di marketing di Magic The Gathering.

La GenAI è diventata un tema caldo in vari settori nell’ultimo anno. Mentre alcuni vedono i vantaggi di GenAI e dell’intelligenza artificiale, altri si oppongono all’uso dell’intelligenza artificiale, soprattutto nelle professioni creative, poiché alcuni potrebbero utilizzarla per spostare le persone dal lavoro o dal potenziale impiego.

Taylor è un giornalista di IGN. Puoi seguirla su Twitter @Ty Nexter.

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x