Concetto di razzo: mira a Marte 10 volte più velocemente

È arrivato un fisico Un nuovo concetto di motore a razzo Potrebbe portare le persone su Marte dieci volte più velocemente.

Il fisico in questione, Fatima Ibrahimi, è l’inventore del concetto e parte di esso Princeton Plasma Physics Laboratory (PPPL) del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (DOE).

Lo studio di Brahimi è stato pubblicato in Plasma Physics Journal.

Motore di propulsione basato sui brillamenti solari

Una delle principali differenze tra il nuovo concetto di propellente per razzi di Brahimi e il suo altro concetto collaudato nello spazio è che utilizza campi magnetici per aumentare le particelle di plasma dalla parte posteriore del razzo. Ad oggi, i campi elettrici comprovati nello spazio vengono utilizzati per migliorare il plasma.

Plasma è uno dei Quattro stati fondamentali della materia, E fatto di ioni di gas ed elettroni liberi. Il nostro sole è una palla di plasma ardente che utilizza la reazione di fusione, per esempio.

Le spinte di corrente al plasma che utilizzano campi elettrici per spingere queste particelle funzionano solo a bassa velocità. Tuttavia, il nuovo concetto di spinta al plasma di Brahimi è stato in grado di produrre gas di scarico a velocità di centinaia di chilometri al secondo, ovvero dieci volte più veloci degli attuali motori di propulsione.

Ciò significa che se fossero utilizzati, gli astronauti potrebbero raggiungere gli esopianeti più rapidamente. Le unità miglioreranno notevolmente l’inizio del viaggio, riducendo in definitiva il tempo di viaggio.

Brahimi ha notato che ci sono tre differenze principali tra il suo concetto di propulsione missilistica proposto e quello attuale. Il primo è l’uso di campi magnetici che forniscono una maggiore gamma di quantità di moto. In secondo luogo, il nuovo concetto crea movimento mentre espelle particelle di plasma e plasmoidi; Quest’ultimo aggiunge ulteriore forza alla motivazione. Infine, i campi magnetici consentono al plasma all’interno del propellente di essere composto da atomi leggeri o pesanti. Ciò consente agli scienziati di assegnare lo slancio a ciascuna attività.

READ  La sonda spaziale Curiosity della NASA celebra 3.000 giorni su Marte con un panorama intenso

Questo lavoro è stato ispirato da precedenti lavori di fusione e questa è la prima volta che i plasmoidi sono stati proposti e ricollegati per la propulsione spaziale. Ha detto Ibrahimi. “Il passo successivo è costruire un prototipo”, ha detto.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x