“È nata con un palato deformato. Sarà operata”

Gianluca Vacchi In primo luogo è diventato un genitore Piccola Jerusalema blu Lo scorso ottobre e nell’ultimo post pubblicato su Instagram Ha detto che il bambino è nato con lei Deformità del palato. foto di famiglia Per Hola Cover Condividendolo sui social mostra la ragazza e accompagna la notizia della sua condizione. Scegliere di parlarne ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema di Blu Jerusalema e avvicinare le persone nella stessa situazione.

“Con così tanto amore vogliamo condividere la nostra storia di nascita Jerusalem Blue. Siamo così felici che tu possa finalmente vederlo. Blu è nato con il prof “Palatoschisi”. Immediatamente la nostra anima e il nostro cuore erano dalla parte di nostra figlia, ma anche dalla parte delle famiglie che hanno vissuto la stessa situazione, perché è qualcosa che accade a 1 bambino su 700. Siamo fortunati ad avere una grande squadra medica per la nostra bambina che col tempo sarà in grado di eseguire l’intervento chirurgico e quindi aiutarla a condurre una vita completamente normale. Ma questo non è il caso di molte famiglie, ed è per questo che abbiamo deciso di cogliere questa opportunità per diffondere consapevolezza e sostenere istituzioni come Operation Smile che si occupano di aiutare le famiglie in questa situazione, come affermato nel post.

Il Palato leporino È una malformazione congenita del tetto della bocca che può essere dovuta a cause ambientali e genetiche. Coinvolge il palato molle e / o il palato duro, provocando su quest’ultimo una fessura di dimensioni variabili.


Ultimo aggiornamento: mercoledì 23 dicembre 2020 22:34

© Riproduzione riservata

READ  La nostalgia di Cecilia Capriotti per la figlia - Grande Fratello VIP

Melania Cocci

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x