La NASA afferma che i pianeti TRAPPIST-1 potrebbero avere configurazioni sorprendentemente simili

Un team internazionale di astronomi ha riferito questa settimana che i sette pianeti rocciosi del vicino sistema TRAPPIST-1 hanno composizioni a bassa densità e forse sorprendentemente simili.

Nuove, più accurate stime di massa di questi pianeti rocciosi di piccola massa in orbita attorno alla fredda stella nana rossa TRAPPIST-1 mostrano che questo strano sistema solare è radicalmente diverso dal nostro gruppo.

“Questi pianeti potrebbero essersi accumulati direttamente dal disco protoplanetario attorno a una stella più fredda del sole”, ha detto Eric Asfaug, un geofisico planetario presso l’Università dell’Arizona che non faceva parte dello studio.

Il team internazionale di ricercatori ha utilizzato 1.000 ore di tempo di osservazione sul telescopio spaziale Spitzer della NASA, ora spento, per effettuare le proprie osservazioni. I loro risultati, ha riferito Il Journal of Planetary Sciences, Ha mostrato che questo strano sistema solare – a circa 40 anni luce di distanza nella costellazione dell’Acquario – si è formato in condizioni completamente diverse dal nostro sistema solare.

Se questi pianeti si fossero fusi direttamente dal disco protoplanetario della loro stella, piuttosto che da un processo di accrescimento ricorrente più violento e casuale, Asfog dice che non sarebbe sorpreso che siano finiti con una densità inferiore.

Questo perché il tipo di gigantesco accumulo di collisioni che pensiamo abbia reso la Terra, Venere, Marte, Mercurio e la Luna un processo sprecato e una parte del materiale a bassa densità è stata scartata in ogni collisione (da poche percentuali a decine di percento), dice Asfog.

“Il sistema TRAPPIST-1 può in questo senso assomigliare ai corpi ancestrali da cui sono stati alla fine costruiti la Terra e Venere, dato che sono meno densi perché non hanno mai sperimentato questi impatti giganteschi”, ha detto Asfog.

Anche se i singoli pianeti terrestri di TRAPPIST-1 e il Sistema Solare sembrano molto simili in termini di massa e dimensioni, l’intera architettura del sistema è completamente diversa, mi dice Simon Grimm, uno dei coautori dell’articolo e astrofisico dell’Università di Berna. Le stime della nuova massa indicano che le densità di tutti e sette i pianeti sono molto più simili di quanto si pensasse in precedenza, dice.

Per quanto riguarda i loro libri reali?

Il fatto che questi pianeti siano meno densi dei pianeti terrestri nel nostro sistema solare suggerisce una composizione diversa per essere sicuri, dice Asfog. Se ciò è dovuto alla mancanza di ferro disponibile per condensare fino al nucleo, o più acqua miscelata nel guscio e nel mantello, dice.

La NASA afferma che i pianeti di TRAPPIST potrebbero avere una composizione simile a quella della Terra – e costituiti dalle stesse proporzioni di ferro, ossigeno, magnesio e silicio del nostro pianeta. La differenza fondamentale sembra essere che i pianeti TRAPPIST semplicemente mancano dell’abbondanza di ferro della Terra. Oppure, forse il ferro nei pianeti TRAPPIST è saturo di livelli di ossigeno sopra la Terra, con conseguente ossido di ferro (o ruggine). La NASA afferma che questo ipotetico ossigeno supplementare ridurrà anche la densità dei pianeti.

Tuttavia, il team riferisce che i tre pianeti più profondi del sistema TRAPPIST sono gravemente carenti di acqua. Martin Torbett, un astrofisico presso l’Università di Ginevra e coautore dello studio, mi ha detto che era improbabile che le acque ospitassero TRAPPIST-1b, TRAPPIST-1c e TRAPPIST-1d (in qualsiasi fase).

“A quei tre [inner] Pianeti, quindi il potenziale di abitabilità non è molto buono “, ha detto Turbett.

Ma Turbett dice che sebbene i tre pianeti interni possano essere terre desolate biologiche, tre dei quattro pianeti esterni del sistema offrono ancora qualche speranza di abitabilità.

Il prossimo James Webb Space Telescope (JWST) della NASA sarà probabilmente in grado di monitorare le atmosfere di questi pianeti e fare importanti progressi nel determinare la loro potenziale abitabilità, afferma Turbet.

READ  La NASA scopre una 'Super Terra' di 10 miliardi di anni vicino a una delle stelle più antiche della nostra galassia - BroBible

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x