La prossima beta di iOS 14 di Apple inizierà a costringere gli sviluppatori a richiedere l’autorizzazione per rintracciarti

La società dice alla società che la nuova funzionalità di privacy di Apple che richiede agli sviluppatori di richiedere l’autorizzazione per tracciare gli utenti iOS per indirizzare gli annunci verrà finalmente lanciata nella prossima beta di iOS 14 con una versione completa pianificata questa primavera per gli utenti non beta. il bordo.

L’annuncio coincide con il Data Privacy Day, nonché con un discorso sulla privacy del CEO di Apple Tim Cook più tardi oggi alla conferenza Computers, Privacy and Data Protection a Bruxelles. Apple inizialmente prevedeva di lanciare la funzione con il lancio di iOS 14 lo scorso autunno, ma è così La sua attuazione è ritardata fino al 2021 Settembre dello scorso anno per dare agli sviluppatori più tempo per conformarsi. L’annuncio di oggi restringe la finestra di lancio a questa primavera, ma Apple non commenterà ulteriormente quando potremmo vederlo disponibile per tutti.

Il nuovo requisito di abbonamento, chiamato App Tracking Transparency, è definito un cambiamento importante nel modo in cui gli sviluppatori di app mobili possono raccogliere dati sui proprietari di iPhone e condividere tali dati con altre società per aiutare con la pubblicità. Prima della modifica, Apple consentiva ai proprietari di iPhone di cercare le proprie impostazioni per disabilitare questo tipo di tracciamento. Ora, invece di costringere gli utenti ad adottare misure proattive per disabilitarlo, Apple chiederà agli sviluppatori di richiedere l’autorizzazione o rischiano di essere sospesi o rimossi dall’App Store se non rispettano o cercano di aggirare le regole.

Il modo principale in cui gli inserzionisti possono sapere, ad esempio, quando stai acquistando un nuovo cappello su un’app prima di mostrarti annunci con lo stesso cappello su un’altra app, è che abbia un codice di identificazione univoco, quello che viene chiamato un identificatore inserzionista (IDFA ), associato al tuo dispositivo. Raccoglilo dalla prima app e condividilo con la seconda app. Ciò consente a queste app di mostrare annunci mirati e misurare se l’annuncio funziona effettivamente, ad esempio se finisci per acquistare quel cappello che hai visto in un annuncio di Instagram facendo clic su un annuncio per il negozio online dell’azienda in Google Chrome.

READ  Il primo robot ARTIST al mondo mostrerà una serie di selfie

I nuovi requisiti di abbonamento di Apple faranno sì che ciò accada, quindi gli sviluppatori devono ottenere il consenso esplicito dai proprietari di dispositivi iOS per consentire la raccolta e la condivisione del loro IDFA tra le app. I produttori di app possono comunque utilizzare altre informazioni che fornisci loro allo scopo di indirizzare gli annunci anche se scegli di non consentire all’app di tracciarti, ma queste informazioni non possono essere condivise con un’altra società allo scopo di tracciare gli annunci secondo la nuova politica di Apple . La condivisione con altre società di terze parti è in realtà ciò a cui si riferisce Apple quando usa la parola “tracciamento”.

Apple intende monitorare qualsiasi tentativo di aggirare il rigoroso requisito di conformità. Ad esempio, afferma che gli sviluppatori di app non saranno autorizzati a disabilitare le funzionalità delle app di alcun tipo se gli utenti si rifiutano di iscriversi, e agli sviluppatori sarà anche impedito di raccogliere denaro o incentivare gli utenti attraverso vantaggi in-app o omaggi per influenzare la loro decisione in un modo. oppure un’altra. Qualsiasi applicazione che tenti di sostituire IDFA con altre informazioni di identificazione, come un indirizzo e-mail, costituirebbe una violazione dei requisiti di sottoscrizione.

Apple afferma che le regole si applicheranno anche alle proprie app e la società sta già consentendo agli utenti di disabilitare gli annunci personalizzati che la società pubblica all’interno dell’App Store, di Apple News e dell’app Stocks utilizzando i dati che raccoglie dal tuo dispositivo. (Tieni presente che la personalizzazione degli annunci è diversa dal tracciamento degli annunci e le società di app per dispositivi mobili possono comunque personalizzare gli annunci purché possano rivelarlo utilizzando l’adesivo sulla privacy dell’app store.) Apple non ha alcuna cronologia di condivisione delle informazioni raccolte con altri, e questo è chiaro nell’interruttore di personalizzazione degli annunci nelle impostazioni di iOS.

READ  Il marito cadavere odia davvero una rottura perché si apre sulle relazioni

Si prevede che ciò interesserà sia le società che gestiscono reti pubblicitarie, come Facebook, sia le società che pagano per gli annunci, come il venditore di cappelli senza nome. Questo è esattamente il motivo per cui Facebook è emerso come il più grande oppositore delle nuove misure sulla privacy di Apple, che includono non solo questo nuovo requisito di opt-in ma anche. Adesivi per la privacy delle app che ha lanciato sull’app store il mese scorso.

Facebook si è posizionato come il campione delle piccole imprese che rischiano di essere danneggiate da questo cambiamento della privacy e le piccole imprese si affidano alla rete pubblicitaria di Facebook e a potenti strumenti di targeting per raggiungere i clienti. Anche le precedenti modifiche alla privacy di Apple per il browser mobile Safari lo hanno avuto Legittime conseguenze negative per le aziende supportate dagli annunci Come i siti di notizie. (il bordo È un sito di notizie supportato da pubblicità.)

Ma in Comunicati stampa a tutta pagina E dati per la stampa, Facebook ha fatto un passo avanti e ha ritratto Apple come un’ipocrita che cerca di esentarsi dalle regole che impone agli altri sviluppatori e come avida di incoraggiare modelli di business delle app che si affidano meno agli annunci e più agli abbonamenti, da cui Apple teoricamente otterrebbe un taglio.

“Apple ha tutti gli incentivi a utilizzare la sua posizione dominante sulla piattaforma per interferire con il modo in cui funzionano le nostre e le altre app e app, cosa che fa regolarmente per favorire le proprie app”, ha affermato Mark Zuckerberg, CEO di Facebook. I guadagni si chiamano mercoledì. “Ciò influisce sulla crescita di milioni di aziende in tutto il mondo, comprese le imminenti modifiche in iOS 14.” “Apple potrebbe dire che lo sta facendo per aiutare le persone, ma le mosse seguono chiaramente gli interessi dei loro concorrenti”, ha aggiunto Zuckerberg.

READ  Tecnologia dell'informazione per promuovere frutta e verdura

Apple ha costantemente difeso la sua scelta come un modo per dare agli utenti maggiore libertà sulla loro privacy e ha confutato le affermazioni di Facebook secondo cui intende sottoporre il software di prima parte a vari standard. La situazione di stallo è emersa come uno dei conflitti più grandi e importanti delle società tecnologiche nella memoria recente, anche se ora è chiaro che Facebook ha poca influenza nella situazione nonostante la sua posizione difensiva e le posizioni pubbliche. I cambiamenti sono imminenti e Facebook sarà costretto a conformarsi come ha fatto con le sue etichette sulla privacy il mese scorso.

Per promuovere la sua filosofia di privacy, Apple ha creato una nuova directory online che chiamaUn giorno nella vita dei tuoi dati Scompone le pratiche comuni di tracciamento e targeting nelle app mobili e nei settori web e fornisce statistiche sulla prevalenza di queste pratiche. Apple afferma che l’app mobile media ha sei tracker che condividono i tuoi dati con altre app e che “il settore grande e opaco sta accumulando quantità crescenti di dati personali”.

“Il complesso ecosistema di siti web, app, società di social media, data broker e società di tecnologia pubblicitaria tiene traccia degli utenti sia online che offline, raccogliendo i loro dati personali. Questi dati vengono aggregati, condivisi, aggregati e monetizzati, alimentando un settore del valore di $ 227 miliardi all’anno “, legge Guide. “Questo accade ogni giorno, mentre le persone svolgono la loro vita quotidiana, spesso senza la loro conoscenza o autorizzazione”.

Fino Neri

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x